Crea sito

i Re degli scacchi: Mikhail Moiseyevich Botvinnik

Scritto da:  | 21 Febbraio 2012 | 14 Commenti | Categoria: C'era una volta, Personaggi, Stranieri

Leningrado, 20 novembre 1925. Il campione del mondo José Raul Capablanca sta tenendo una simultanea nel più noto circolo di scacchi della città. E’ un po’ nervoso, il torneo di Mosca al quale partecipa non va molto bene, alcune patte ed una sonora sconfitta dal pur non eccezionale Iljin Zhenevskij. Oggi è giorno di riposo, dovrebbe approfittarne, appunto, per riposarsi, per distendere i nervi. Eppure si trova lì, dopo una notte di viaggio a soddisfare le aspettative dei suoi ammiratori senza darsene, apparentemente, una spiegazione. Davanti a lui un ragazzetto quattordicenne che lo fissa con una specie di grintosa meraviglia. Che vincerà la partita e diventerà per ben tre volte campione del mondo.
Mikhail Moiseyevich Botvinnik nasce a Pietroburgo il 17 agosto 1911, conosce gli scacchi abbastanza tardi rispetto ad altri campioni, più precisamente a dodici anni nel 1923. L’inizio non è proprio fulminante ma in continua, netta progressione. Progressione che lo porta a vincere due tornei di forza eccezionale come quelli di Mosca del 1935 e di Nottingham dell’anno successivo. Nel torneo AVRO del 1938 occupa “soltanto” il terzo posto riuscendo comunque a battere Alekhine e Capablanca. E’ venuto il momento di prepararsi alla lotta per il titolo mondiale. La guerra, però, butta tutto all’aria. Muore Alekhine e la corona resta vacante. Viene organizzato un torneo a sei giocatori ridottosi poi a cinque per la mancata partecipazione dell’americano Fine da tenersi a l’Aia e a Mosca nel 1948. Per Botvinnik è un vero e proprio trionfo. Primo con quattordici punti su ventiquattro si lascia alle spalle Smyslov a undici punti, Reshevsky e Keres a dieci e mezzo, ed infine ultimo a quattro punti l’ormai tramontato Euwe. Inizia l’era di un lungo regno. Anche se contrastato. Contrastatissimo. La prova della verità arriva nel 1951 e si presenta sotto le sembianze di Bronstein. Ora David Ionovic Bronstein non è un tipetto da nulla. Non lasciatevi ingannare dalle fotografie che ce lo mostrano talvolta con la fronte stempiata del nostro salumiere di fiducia. Ha alle spalle un curriculum di tutto rispetto. Più volte campione dell’U.R.S.S. è riuscito a sbarazzarsi, dopo un drammatico spareggio, del temibilissimo Boleslavskij per la candidatura al titolo mondiale. Ciò che fa più paura è il suo gioco: deciso, fantasioso, dirompente. Si prospetta una lotta dura su 24 partite che ha inizio il 15 marzo 1951 nella enorme sala da concerti di Mosca. E lotta dura sarà, fino alla fine. Nella sesta partita Bronstein commette un errore memorabile in un finale decisamente pari che ha fatto il giro del mondo. Pareggia il punteggio all’undicesima, soccombe nella successiva. Riesce a raggiungere il suo monolitico avversario nella diciassettesima con una convincente difesa Nimzoindiana, ma ancora una volta Botvinnik prende il comando nella diciannovesima. Per gli spettatori è come assistere ad un film di Hitchcock. Il finale è da infarto. Lo sfidante, dopo una patta, riesce a vincere due partite di seguito. Ora gli basta strappare un punto nei restanti due incontri ed è fatta. Molti la pensano così, ma Botvinnik è Botvinnik. Vince la ventitreesima con un finale superiore di Alfieri contro Cavalli e divide il punto nella successiva in posizione vantaggiosa. Il terribile match è terminato pari, la corona, però, resta sulla fronte, certamente sudata, del detentore come previsto negli accordi.
La seconda prova della verità arriva, sempre nella sala concerti di Mosca, il 16 marzo 1954. Questa volta davanti a lui siede Vassily Vasilievich Smyslov, un giovanottone trentatreenne dall’aspetto falsamente pacioso che al torneo dei candidati del 1953 si è piazzato primo dopo ventotto turni estenuanti contro avversari del calibro di Keres, Bronstein, Reshevsky, Euwe, Gligoric, Najdorf, Boleslavsky, Geller, Petrosian e chi più ne ha più ne metta. Il suo gioco non è certo brillante come quello di Bronstein, ma forse più subdolo e insidioso. Sono andato a vedermi le sue partite nel mio database (un aspetto positivo dei “Profili” per il sottoscritto è che imparo sempre qualcosa) e sono rimasto impressionato da questo gatto mammone della scacchiera. Sa creare minacce anche nelle posizioni che non dicono nulla. E poi la sua tecnica nei finali risulta quasi perfetta. L’inizio è travolgente per il detentore del titolo che viene raggiunto e superato nell’undicesima partita, ribalta la situazione alla sedicesima, ma viene di nuovo ripreso e l’incontro termina ancora in perfetta parità per 12 a 12. Dopo un risultato mediocre (per lui) nel campionato sovietico del 1955, ed un giro per la Svizzera tenendo simultanee insieme a Flohr, eccolo nuovamente di fronte a Smyslov – che nel frattempo ha vinto il torneo dei Candidati di Amsterdam – nel 1957. Questa volta sono dolori e rimane sconfitto per +3 =13 -6, ma l’anno successivo è tutta un’altra musica. Si vede subito anche dall’aspetto, dalla ferma determinazione, dalla concentrazione dopo un accurato lavoro di messa a punto delle sue armi che Botvinnik è intenzionato a riprendersi il titolo. E’ una sensazione palese, direi palpabile (molti danno già per scontato il risultato) che si concretizza con un secco +7 =11 -3. Lo stesso Smyslov, dopo aver cercato qualche piccola scusa alla sconfitta nel suo cattivo stato di salute, ammetterà onestamente che il suo avversario si era preparato al match in maniera impeccabile.


Non è finita qui. Nel 1960 lo aspetta al varco Mikhail Nechemjievic Tal, detto più affettuosamente Misha. Su questo campione non voglio aggiungere altro. Non c’è scacchista dal cuore più peloso che non lo abbia amato, che non serbi ancora un sentimento di ammirazione e rispetto per lui. E’ all’apice della forma e non porta rispetto a nessuno. Nel torneo dei Candidati del 1959 ha schiaffeggiato Smyslov, Keres, Petrosian, Benko, Olafsson e ha rifilato quattro calci nel sedere ad un certo Robert James Fischer. Due personalità, due stili di gioco in aperto contrasto fra di loro. Il mondo scacchistico è in fermento. Chi riuscirà a prevalere? La risposta non si fa attendere. Botvinnik, attaccato con furia selvaggia, è costretto a cedere con un distacco di ben quattro punti. Ma non si dà per vinto. Non è certo nel suo carattere anche se gli costa molto mettersi in discussione. E così, come era successo con Smyslov, cura le sue ferite, analizza i propri errori, pianifica una nuova strategia di gioco che eviti accuratamente le situazioni complesse e poco chiare, si ristabilisce nel fisico e… E l’anno dopo si riprende la corona con un secco 13 a 8!


Poi arriva Petrosjan (tenete presente che nel frattempo il Nostro sta invecchiando come è nelle leggi di Madre Natura, si porta dietro qualche acciacco mentre gli avversari sono più giovani e… sani), il boa constrictor Tigran Vartanovic Petrosjan che lo “convince” a staccarsi da questa benedetta corona. La sua preparazione al match, che ha inizio il 23 marzo 1963, è accuratissima aiutato da un secondo di superbo valore come Boleslavskij. Nulla viene lasciato al caso. Tutto il gioco di Botvinnik è messo al setaccio. Il lavoro da i suoi frutti. Tigran è una roccia, possente, instancabile e praticamente inattaccabile. Ecco che cosa scrisse Botvinnik qualche anno più tardi “Petrosjan crea situazioni dove gli avvenimenti si sviluppano quasi al rallentatore. Aggredire i suoi pezzi è difficile: i pezzi attaccanti avanzano lentamente come se intorno alla posizione di Petrosjan ci fosse una palude. E quando alla fine si riesce magari a mettere insieme un qualche attacco, o il tempo a disposizione è troppo poco oppure si è troppo stanchi per l’affondo”. Per farla breve diventa il nuovo campione del mondo con un convincente punteggio di dodici e mezzo a nove e mezzo. La carriera scacchistica di Botvinnik non finisce certo qui, perché il suo nome è legato in seguito ad altri prestigiosi tornei. Ma per noi comuni mortali basta e avanza.


Da tutto quello che ho scritto in maniera molto succinta per un profilo sembra proprio che il Nostro abbia speso completamente il suo tempo dietro a Re e Regine e abbia consumato tutte le sue energie per difendere il suo regno. E invece serve solo a spiegare in parte la sua poliedrica e possente personalità: ingegnere capo presso il dipartimento dell’Energia degli Urali, studioso e ricercatore in materia di elettrotecnica e di programmi per computer scacchistici, vero deus ex machina di quella Unione Sovietica post-rivoluzionaria che intendeva servirsi di ogni mezzo, e quindi anche degli scacchi, per la sua propaganda politica. Egli è stato anche un abile e prolifico scrittore e commentatore, ma soprattutto un eccellente organizzatore. La sua Scuola ha fatto epoca. Da essa sono usciti fior di campioni come Karpov e Kasparov che hanno dato vita ad una delle lotte più dure ed entusiasmanti per la corona mondiale. Basterebbe solo questo, al di là dei suoi allori, a non farci dimenticare il nome di Mikhail Moiseyevich Botvinnik scomparso a Mosca il 5 maggio 1995.

Il solito sentito e doveroso ringraziamento alla prestigiosa rivista L’Italia Scacchistica!

avatar Scritto da: Fabio Lotti (Qui gli altri suoi articoli)


14 Commenti a i Re degli scacchi: Mikhail Moiseyevich Botvinnik

  1. avatar
    Lo Strampa 20 Febbraio 2012 at 21:14

    Proprio belli i pezzi di questa serie!

  2. avatar
    Fabio Lotti 20 Febbraio 2012 at 21:27

    Però, ragazzi, questi nick name li scegliete proprio strani!… :)

  3. avatar
    Zenone 20 Febbraio 2012 at 21:31

    Ritornando ai recenti pezzi dello stesso autore, questa è cultura e divulgazione scacchistica e non sono caz..te!
    A noi, comunque, piace l’una e l’altra faccia della medaglia Lotti.
    Complimenti

  4. avatar
    Fabio Lotti 20 Febbraio 2012 at 21:44

    Dopo “l’Elogio della cazzata” sto scrivendo “l’Elogio della tomba”, quindi non venite a dirmi che non vi ho avvisato… 🙂

  5. avatar
    Luca Monti 20 Febbraio 2012 at 22:24

    😛

    • avatar
      Marramaquìs 21 Febbraio 2012 at 14:11

      Fabio, mi associo al sorriso di Luca e spero tu abbia molti altri Re (e Regine) in cantiere.

  6. avatar
    Mongo 21 Febbraio 2012 at 01:21

    Semplicemente Magistrale!!

  7. avatar
    Orazio 21 Febbraio 2012 at 07:16

    il mio campione preferito! A lui debbo infatti il mio primo libro di scacchi: un libro della mitica Dover con le sue migliori partite, ora sgualcito e che perde le pagine ma che per me rappresenta tanti ricordi indelebili. Come poi non ricordare lo stupendo scontro con Bobby Fischer riportato dal fuoriclasse americano in “60 partite da ricordare”? Grazie Signor Lotti per questi ritratti stupendi.

  8. avatar
    Franco 21 Febbraio 2012 at 07:36

    Articolo eccellente! -come del resto tutti quelli di questo sito che è stupendo- e molto bella anche la foto di Botvinnik insieme a Kasparov. Alle Universiadi di Asiago nel 1992 li ricordo entrambi molto bene, anzi con Kasparov ho giocato pure in simultanea (50mila lire di allora la quota di partecipazione!) e, devo dire, traspariva nettissima la differenza generazionale e di stile: Garry un giovane di oggi: annoiato, scomposto alla conferenza stampa, sembrava che non vedesse l’ora che finisse per andarsene mentre l’anziano Botvinnik, compostissimo, si aggirava tra i tavoli del nostro torneo come fosse il primo che visitava. Attento a tutte le partite, pur molto miope, scrutava le nostre posizioni mentre noi tremavamo per l’emozione. Addio grande campione! [ed un grande grazie anche da parte mia a Lotti per questo meraviglioso ricordo!]

    1
    • avatar
      Piero Molon 26 Aprile 2017 at 12:09

      Ad Asiago nel 1992 c’eravamo anche noi dell’ ARZIGNANO e ho avuto l’onore ed il piacere di parlare in inglese con Kasparov, dopo che mio padre Molon Antonio, uno degli organizzatori e consigliere della Lega Regionale Veneta degli Scacchi, mi aveva tenuta nascosta questa meravigliosa sorpresa..
      Piero Molon
      http://scacchiilgrifone.blogspot.it/

  9. avatar
    danilo 21 Febbraio 2012 at 09:17

    ciao
    sono sempre io a fare richieste esagerate
    ma sarebbe bello avere questi splendidi articoli dei RE in pdf per leggerli sul mobile
    impossibile?
    grazie 😉

  10. avatar
    Tamerlano 21 Febbraio 2012 at 19:12

    Giusto!, mi associo a quanto richiesto da danilo sperando non sia così ‘tecnicamente’ difficile…

    Grazie :)

  11. avatar
    danilo 22 Febbraio 2012 at 08:54

    il modo piu’ semplice penso sia questo:
    finito di scrivere l’articolo, si manda in stampa,
    indicando pero’ una stampante virtuale,(ad esempio PDFcreator) a questo punto viene prodotto un pdf che puo’ essere messo a disposizione sul sito, per poterlo scaricare. 1 minuto di lavoro in piu’. Grazie a nome di tutti quelli che si associano!

    • avatar
      Magistero sommo 22 Febbraio 2012 at 09:15

      Proposta intelligente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO Locco.Ro

DISCLAIMER: I responsabili del blog cancelleranno immediatamente e di propria insindacabile iniziativa qualsiasi intervento che giudicheranno possa recare offesa a chiunque. Non sono tollerati gli attacchi personali, né le offese indirette rivolte a terzi. Oltre ai commenti offensivi, per non generare confusione, verranno cancellate anche le eventuali repliche. L'indirizzo IP del mittente, se necessario verrà segnalato alla Polizia Postale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torre & Cavallo - Scacco!

Torneo giovanile - Città di Recco

Nezhmetdinov – lezioni di fantasmagoria scacchistica dalle partite di un genio del gioco d’attacco

Porto Mannu R.H.

Porto Mannu Residence Hotel

Understanding the Sicilian

Sempre più vicino

A to Z Chess Tactics

Fabulous Fabiano

Azzurri in diretta

Azzurri in Diretta
7th Capablanca Memorial

    • 11 – 19 settembre, h. 16:00
    • (David)

Gli ultimi commenti

Live rating

2700chess.com per tutti i dettagli

Chess book reviews

Le recensioni di SoloScacchi