Le nostre interviste: Alessio Viviani

Scritto da:  | 7 Febbraio 2021 | 23 Commenti | Categoria: Le Interviste

intervista

Tu sei Viviani Alessio, vero?

Si

Ti ricordo che se vuoi puoi avvalerti di un avvocato…

Fai senza, molto bene. Giura di dire la verità, nient’altro che la verità, solo la verità…

Quando sei nato?

Il 2 ottobre del 1997

Dove?

San Severino (Marche), ma anche se sono di origine marchigiana e vivo da due anni e mezzo a San Benedetto del Tronto mi considero fermamente abruzzese (ho vissuto a Bellante, in provincia di Teramo per circa 11 anni).

Sei giovanissimo… Che scuola frequenti?

Liceo Scientifico, ma era meglio non andarci… Eheheh

Hobby?

Mah, non ho hobby che coltivo seriamente oltre gli scacchi.

Ah, gli scacchi…… Bene: come, dove, quando e perché hai iniziato a giocare a scacchi?

Beh… Nasce tutto dalla fisioterapia, anche se può sembrare strano.  Il fisioterapista di allora, di quando avevo 5 anni, sapeva giusto le regole del gioco.  Negli ultimi due minuti del trattamento, al fine di farmi stare seduto, facevamo due/tre mosse sulla scacchiera (una partita poteva durare anche tre mesi). Dopo il cambio di fisioterapista, la cosa finì lì. Verso gli otto anni mia madre, cercando su internet, trovò un circolo di scacchi (Libertas Scacchi Nereto), mi iscrisse e da quel momento cominciò la mia attività agonistica.

viviani1

 Quale è stato il primo libro di scacchi che hai letto… E l’ultimo?

Il mio primo libro, me lo ricordo bene, è stato “Come diventare Maestro di Scacchi” di Alessio De Santis, lo studiavo su una scacchierina molto piccola. Si può dire che con questo libro sono passato da terza a prima nazionale. Beh, l’ultimo libro di scacchi che ho finito di leggere, si può dire che risale a 2 anni fa, ovvero “Il Metodo” di Iosif Dorfman, un altro libro che mi ha fatto fare un notevole salto nella comprensione del gioco. Un libro che sto leggendo attualmente è “Learn from the Legends” di Mihail Marin (l’ho iniziato sette-otto mesi fa e sono ancora a metà). In realtà sono un po’ pigro nello studio degli scacchi e dovrei essere sicuramente più costante.

Quando hai iniziato, chi sognavi di diventare e perché?

Appena iniziato a giocare non avevo particolari modelli di riferimento, ero più che altro interessato a imparare i fondamenti della strategia.

Chi sono i giocatori modello per te?

Il mio giocatore preferito in assoluto, sebbene poco conosciuto, è Rashid Netzmendhinov, mentre tra i giocatori attuali Radjabov Teimour, perché ritengo di avere lo stile di gioco molto simile al suo.

Chi vorresti essere?

Mi accontento di essere me stesso… Eheheh.

Quanto tempo passi studiando scacchi?

Raramente riesco a studiare con cadenza giornaliera, più spesso lo faccio settimanalmente. Spesso però ci sono periodi, anche abbastanza lunghi, in cui non riesco ad applicarmi in maniera seria; i finali soprattutto sono la mia croce.

L’ultimo libro, non scacchistico, che hai letto?

“Il Segreto più nascosto” di David Icke. Mi interesso molto delle cosiddette “teorie del complotto” e di tutto ciò che riguarda l’esoterismo, già a sette anni leggevo i libri sugli UFO… Eheheh.

L’ultimo film visto?

“Sole a catinelle”, mi piacciono molto i film comici.

L’ultimo CD ascoltato?

“Samsara”, ovvero le colonne sonore del medesimo film.

La tua partita più bella è stata?

Sono un giocatore un po’ “spericolato” e le molte partite che faccio, in genere, sono piuttosto divertenti. Dal punto di vista tattico credo che le partite più belle siano due: la Luciani-Viviani in occasione dell’open week-end di Montesilvano del 2012 e la Codenotti-Viviani al Campionato Italiano Under 12 di Courmayeur del 2009.

La partita, invece, che mai avresti voluto giocare?

Di partite inguardabili ne ho giocate molte e sono tutte archiviate in maniera top secret, quindi non posso proferir verbo…

Apertura, medio-gioco e finale: quali consigli ci puoi dare?

Molto spesso, nella preparazione teorica in apertura, si ha la tendenza a voler per forza cercare “la mossa perfetta” come se si stesse trattando di un libro per motori. Apertura, medio gioco e finale sono strettamente collegati. E’ importante scegliere un piano che non deve essere necessariamente “il migliore”, ma che deve adattarsi ai vostri gusti e al vostro stile di gioco. Una volta scelta la variante che fa per voi, è indispensabile studiare le partite giocate con quella variante per capirne i piani e vedere i possibili finali che ne possono risultare esaminando la struttura pedonale soprattutto; i database e qualche libro tematico vi vengono in aiuto in tutto ciò.

Hai qualche aneddoto nel cassetto da rivelarci in esclusiva o quasi?

Mi scuso per la risposta un po’ deludente, ma purtroppo no.

Sogno nel cassetto?

Non ho particolari sogni, preferisco godermi “l’attimo” e anche i miei piani futuri sono in funzione di ciò.

Permetti qualche domanda personale?

Si.

Benissimo, allora procedo… So che in Italia alcuni scacchisti disabili stanno per creare l’IPCA-ITALIA (associazione scacchistica disabili fisici), che si affilierà alla FSI/FIDE, che ne pensi?

Non ne sapevo nulla, sicuramente è una notizia positiva dal punto di vista organizzativo. E’ utile poter disporre di un organo di supporto in caso di mancanze da parte delle società scacchistiche e della federazione riguardo la disabilità negli scacchi. Dal punto di vista sportivo invece, non sono un granché d’accordo nel confinare i disabili in una categoria, così come non lo sono per il discorso della divisione tra maschile e femminile ad esempio. Chiaramente sto parlando in generale, poi non so quali siano i propositi di questa associazione nello specifico.

Hai possibilità di frequentare un circolo?

Potrei anche, ma il circolo a cui appartengo non ha una sede.

Come trascorri le tue giornate?

Mi piace guardare le nuvole… Eheheh.

viviani2

Chi è quella bella ‘ragazza’ che ti accompagna ai tornei?

Eheheh … E’ mia madre, che oltre ad accompagnarmi fa anche da “mossante”, riportando le mie mosse sulla scacchiera ufficiale, si può dire che è multitasking. Chiaramente c’è anche il mio babbo che però è un po’ meno presente nei tornei perché lavora; spesso si danno il cambio sulla scacchiera.

Come si comportano i tuoi avversari?

Perché come si dovrebbero comportare? Eheheh

Qui le domande le faccio io!… Cosa sono gli scacchi per te?

Non gli darei grossi significati, è solo un gioco che mi appassiona.

So che gestisci su internet un video-blog scacchistico, dicci qualcosa: …..

Si, il blog è Radiocess (http://cessradio.blogspot.it/)ed è gestito all’80% da me e Gabriele Di Pietro e nasce con la speranza di poter diventare una web tv di scacchi dove si commentano partite e soprattutto si fa cronaca sportiva; il nostro inoltre è un format abbastanza satirico e per il momento ci divertiamo anche a livello amatoriale.

Prossimi tornei in programma?

Il mio prossimo torneo sarà l’open week-end di Roseto dal 3 al 6 gennaio.

Ciao e grazie della disponibilità.

viviani3

Alessio Viviani si è aggiudicato l’11° Open di inverno di Offida (Ascoli Piceno), che si è svolto dal 6 all’8 dicembre, con 4,5 punti su 5 precedendo per spareggio tecnico il Maestro FIDE Valerio Luciani.

Ecco lo scontro diretto, commentato dallo stesso Alessio.

 Viviani Alessio (2083) – Luciani Valerio (2231)

1. e4 e6 2. d4 d5 3. Nd2 Nc6 Questa è una linea minore della Francese in cui si preferisce tenere il pedone c al fine di conservare la possibilità delle spinta di rottura in e5 o anche la stessa c5 ma molto più tardi. L’unico vantaggio del B in questa variante è che non dovendosi preoccupare del pedone “d”, come invece succede nella Francese standard dove c’è un controgioco molto pericoloso al centro dopo f6, può manovrare meglio i propri pezzi. Questa è una linea minore della Francese in cui si preferisce conservare il pedone “c” per puntare tutto sulla spinta di rottura e5.

4. Ngf3 volevo evitare 4.c3 perchè dopo e5 ci sono delle complicazioni che non mi piacevano Nf6 5. e5 Nd7 6. c3 f6 7. exf6 Qxf6 8. Bb5 la battaglia ruota sulla casa e5  Bd6 9. Nf1 O-O e5 qui è già possibile 9… e5 10. Ne3 e4 $1 11. Nxd5 Qf5 12. Bxc6 bxc6 13. Ne3 Qf4 14. Nd2 O-O 15. Qe2 Ba6 16. Ndc4 Nb6 17. b3 c5 e qui siamo arrivati ad una posizione molto tagliente ma tutta da giocare per ambo le parti.

viviani diag 1 prima della 10

 

10. Ne3 ora per il nero fare e5 sarà piuttosto improbabile; quello che deve fare invece è rafforzare il suo lato di Re e Preparare poi c5.(10. Bg5) h6?! questo è un indebolimento abbastanza grave. L’unica mossa
che tiene è la forte 10…., Dg6 a cui su Ad3 segue Dh5 mantenendo la parità e creando ottime possibilità di controgioco. (10… Qg6 11. Bd3 Qh5) 11. O-O Ne7?! questa mi fa guadagnare dei tempi preziosi, permettendomi di sviluppare l’attacco piuttosto velocemente. [11… Qf7 dava molte più possibilità 12. Bd3 (12. c4 a6 13. Bxc6 (13. Ba4 b5 $1 14. cxb5 axb5 15. Bxb5 Na7 16. Bd3 c5 nella Francese il centro di pedoni del Nero è sempre un grosso problema per il Bianco.) 13… bxc6 14. c5 Bf4 15. Qa4 (15. Ng4 h5 16. Nge5 Bxe5 17. Nxe5 Nxe5 18. dxe5 a5 qui il computer da parità ma io a livello pratico preferisco il nero poichè alla mia prima imprecisione può sviluppare rapidamente l’iniziativa (pressione sulla colonna “f”, l’altra colonna “b” aperta, la forte diagonale a6-f1, i pedoni e5, c5 un pò deboli ecc.) 15… a5 16. Nd1 (16. Qxc6 Ra6 17. Qb5 (17. Qa4 e5 18. c6 e4 19. cxd7 Bxd7 20. Qd1 exf3 21. Qxf3 c6) 17… c6 18. Qd3 Ra8 19. Qc2 Bc7) 16… Ra6 17. Bxf4 Qxf4 18. Nc3 e5 19. Nxe5 Nxe5 20. dxe5 Qxe5 21. Rae1 Qf6) 12… Kh8 (12… e5 13. Nxd5!  exd4 (13… Qxd5? 14. dxe5 Rxf3 15. Bh7+) 14. Bc4 Kh8 15. Nxd4) 13. Nh4 Ne7 14. f4!)  12. Ng4 Qg6 (12… Qf7 ? 13. Bxh6! Qh5 14. Nfe5! Bxe5 15. dxe5 la minaccia è Axd7 e poi Cf6+ prendendo la donna, c6 (15… Qf7 16. Be3±) 16. Be3! (ora la minaccia è Ch6+) Qf7 17. Bd3±) (12… Qf5 13. Nh4 è equivalente alla variante giocata in partita) 13. Nh4 Qh7 (13… Qf7 14. Bxh6 c6 (14… Qh5? 15. g3! {la minaccia è sempre Axd7 e Cf6+} c6 16. Be2 Qe8 $16) 15. Be2 {per prevenire Dh5}) 14. Bd3 Nf5 ora ho un vantaggio quasi decisivo che non ci metterò molto a dissipare eheheh.

viviani diag 1 prima della 15

15. Ne3 (15. Re1 Nb6 16. Ne5 +-) g6 16. Qg4 ({meglio} 16. Nhxf5 gxf5 17. c4) 16… Nxh4 17. Qxh4 Nf6 18. f4?! {qui il mio vantaggio è già sparito per l’85-90%. Il pedone f4 è vero che blocca la casa e5, ma questo è più una debolezza: è facilmente attaccabile, al che ad un certo punto sarà necessario sostenerlo con g3 e in quel momento la donna diventerà un onere poiché passiva ed intrappolabile. Altro punto a sfavore di f4 è l’indebolimento della diagonale a7-g1 tramite c7-c5. Insomma, era meglio mantenere un gioco di pezzi con 18.Cg4 continuando a fare pressione sull’indebolito arrocco nero e disponendo ancora di un buon vantaggio.} Qg7 19. Nc2?! {il piano Cc2-e1-f3-e5 è troppo lento. 19.Cg4 funzionava ancora.} Bd7 20. Be3 Rae8 21. Ne1 Nh5 22. Be2? Nxf4 23. Bxf4 g5? (23… Rxf4 24. Rxf4 g5 25. Qh5 gxf4 =+)

viviani diag 3 prima della 24

24. Bxg5 Rxf1+ 25. Bxf1 hxg5 26. Qh5 e5 27. dxe5 Bxe5 28. Nf3 Bf6 (28… Bf4  29. Bd3 g4 30. Nd4 Re5) 29. Re1? con la spinta 26. e5 il nero si è creato una forte maggioranza pedonale sul lato di Donna coadiuvata dalla potente azione della coppia degli alfieri: avrei dovuto fare tutto meno che proporre io per primo, degli scambi. Mantenere più pezzi possibili in gioco è la mia unica possibilità concreta per creare delle complicazioni. Il finale è del tutto sfavorevole al Bianco. Rxe1 30. Nxe1 Qf7 31. Qe2 Qe6

viviani diag 4 prima della 32

32. Nd3? (stesso discorso, era meglio mantenere le donne in gioco con 32. Qf2, mentre ora il Nero ha un grosso vantaggio) Qxe2 33. Bxe2 b6 34. Nf2 Kf7 35. Kf1 c5 la maggioranza si attiva 36. Ng4 Bg7 37. h3 d4 38. cxd4 Bxd4 39. b3 b5

viviani diag 5 prima della 40

40. Nh6+ il Nero può mantenere il vantaggio in vari modi, ma da qui in poi seguono una serie di imprecisioni che riportano la partita in parità Kg6 (40… Kf6 41. Ng4+ Ke6 -+ il N deve centralizzare il Re per sostenere l’avanzata dei pedoni) 41. Bg4 Bc6 porta a qualche complicazione favorevole al Bianco (il cambio è comunque vantaggioso: l’alfiere in d4 è molto forte e limita di molto l’azione del cavallo che è al bordo della scacchiera e ci metterà un po’ di tempi per
ritornare in gioco, il Re nero è pronto all’invasione in campo nemico e soprattutto c’è il pedone “c” che è ovviamente molto pericoloso 41… Bxg4 42. Nxg4 Kf5 43. Ke2 Kf4 -+) 42. Nf5 Bf6 43. Nd6 a5? ora si è totalmente ristabilita la parità. (si poteva provare 43… Be5 44. Nc8 Be8 45. Nxa7 c4 anche se non sono sicuro che il nero abbia un
controgioco sufficiente per portarsi effettivamente in vantaggio) 44. Bf5+ Kg7 45. Bd3 c4 46. bxc4 b4 47. Be4 Bxe4 48. Nxe4 a4 49. Nc5 b3

viviani diag 6 prima della 50

50. Nxb3 (50. axb3 è quasi equivalente a3 51. b4 Be7 (51… a2? 52. Nb3±) 52. Nb3 Bxb4 53.Nc1 Kf6 54. Ke2 =)  axb3 51. axb3 in partita speravo di poter vincere il finale, ma poi ho capito che non era possibile Kf7 52. Ke2 Ke6 53. Kf3 il mio Re deve necessariamente provvedere a sbloccare il proprio lato, ma comunque non c’è modo di evitare il pareggio Ke5 (53… Kf5 =) 54. Kg4 Be7 55. g3 (55. b4 Kd4 56. b5 Kc5 57. g3 Bd8 58. h4 =) 55… Kd4 56. Kf5 Kc3 57. c5 (57. Ke6 = Bc5 58. h4 gxh4 59. gxh4 Kxb3 60. Kd5 Kb4 61. h5 Bf8 =) Bxc5 58. Kxg5 Kxb3 59. h4 Kc4

viviani diag 7 prima della 60 

 60. h5 Kd5 61. Kg6 Ke6 62. g4 Ke7 63. Kg7 Bd4+   1/2 – 1/2

viviani diag 8 finale 

 

avatar Scritto da: Mongo (Qui gli altri suoi articoli)


23 Commenti a Le nostre interviste: Alessio Viviani

  1. avatar
    Fabio Lotti 27 Dicembre 2013 at 08:49

    E insomma il ragazzo promette bene… 🙂

  2. avatar
    Martin Eden 27 Dicembre 2013 at 09:17

    Grazie Alessio per le cose stupende che sai trasmetterci…
    e grazie anche a Mongo per la stupenda intervista!

  3. avatar
    Marramaquis 27 Dicembre 2013 at 09:53

    Mi associo a Martin. Ad Alessio e Mongo assegnerei immediatamente la “prima norma” di Grande Maestro! Grazie.

  4. avatar
    fds 27 Dicembre 2013 at 13:19

    E’ da qualche tempo che, in relazione al visore del pgn, a destra il testo di commento mi risulta tagliato, e sotto la scacchiera non mi appaiono i tasti/cursori per muovere.
    E’ colpa della risoluzione del mio monitor, che comunque non ho modificato?

    • avatar
      Jas Fasola 27 Dicembre 2013 at 14:11

      prova a cambiare Firefox/Chrome/IE io lo vedo bene ma ho un problema simile con chesslab

      • avatar
        fds 27 Dicembre 2013 at 18:23

        In effetti, con IE vi è il problema; con Chrome no.
        Grazie.

  5. avatar
    Pasquale 28 Dicembre 2013 at 13:34

    Una lezione di vita, oltre che di scacchi!
    Grazie, Alessio!

  6. avatar
    Michele Panizzi 30 Dicembre 2013 at 13:14

    Faccio una domanda che non c entra niente:
    nel 1985 Batsford pubblicava libri nella
    notazione algebrica oppure erano ancora
    in descrittiva , secondo la vostra eperienza?

    • avatar
      Jas Fasola 30 Dicembre 2013 at 13:46

      Batsford Chess Openings di Kasparov del 1982 in notazione algebrica con le figurine

      • avatar
        Michele Panizzi 30 Dicembre 2013 at 14:43

        Grazie!

  7. avatar
    Roberto Messa 2 Gennaio 2014 at 18:49

    Scorrendo le classifiche dei campionati italiani online della FSI, noto che Alessio ha vinto il titolo di campione italiano di categoria nella finale riservata ai Candidati Maestri, cadenza lampo 5 minuti.
    Complimenti!
    Sul sito di gioco http://www.fsiarena.it sono disponibili tutte le partite delle finali, oltre alle classifiche complete, per accedere è sufficiente fare la registrazione gratuita.

    Per la cronaca i partecipanti ai tornei di qualificazione, iniziati nel giugno 2013, sono stati più di mille nelle tre cadenze bullet (1 minuto) e blitz (3 e 5 minuti).
    Nelle finali assolute il GM Sabino Brunello ha conquistato i titoli italiani a 1 minuto e a 5 minuti, mentre nei 3 minuti si è laureato campione il MF Marcello Malloni che ha preceduto Danyyil Dvirnyy.

    Mi piace 1
  8. avatar
    Roberto Messa 7 Febbraio 2021 at 10:39

    Apprendo da facebook che Alessio Viviani è morto. Probabilmente ieri 6 febbraio 2021.

    • avatar
      Giorgio Della Rocca 7 Febbraio 2021 at 15:20

      L’ultima fotografia presente nell’articolo è stata scattata durante la 1° Edizione dei Campionati Scacchistici Italiani di Categoria, svoltasi all’Hotel Cosmopolitan di Civitanova Marche (luglio 2013).
      In quella sala stavo giocando anch’io.

      Nell’intervista riportata Alessio Viviani dice, in riferimento agli Scacchi: «I finali soprattutto sono la mia croce».
      Nella sua vita, ha portato una croce ben più pesante.

      Salve (un saluto NonSoloScacchistico)

      • avatar
        Giorgio Della Rocca 8 Febbraio 2021 at 22:54

        Più precisamente, riguardo a quella fotografia Alessio Viviani, il quale era allora Candidato Maestro (nel 2015 sarebbe diventato Maestro FIDE), partecipava alla Semifinale del 73° Campionato Italiano Assoluto, che si svolgeva insieme alla 1° Edizione dei Campionati Italiani di Categoria.

  9. avatar
    Mongo 7 Febbraio 2021 at 17:47

    Ciao Alessio, dovunque tu sia adesso, gioca sempre le tue varianti preferite e ogni tanto lascia vincere il vecchio Nimzovich!
    Condoglianze alla famiglia da parte di SoloScacchi.
    R.I.P.

    Mi piace 3
  10. avatar
    Uomo delle valli 7 Febbraio 2021 at 17:52

    condoglianze pure da parte mia anche se non ti ho mai incontrato sulla scacchiera

  11. avatar
    Fabio Lotti 7 Febbraio 2021 at 18:33

    Mi associo al saluto e alle condoglianze.

  12. avatar
    The dark side of the moon 8 Febbraio 2021 at 10:49

    ..quando è ingiusta la vita.
    Conoscevo Alessio anche se in maniera molto superficiale, quando capitava di incontrarci in sala torneo lo salutavo molto volentieri, coi genitori è successo di scambiare qualche parola riguardo argomenti extra scacchistici visto che entrambi non sono esperti di scacchi, soprattutto il padre.
    Si rimane ammirati dalla straordinaria forza di volontà di questa famiglia.
    Alessio ci lascia una grande lezione di vita: nonostante tutte le enormi limitazioni ha dimostrato nella sua breve esistenza che è possibile fare qualcosa di impensabile e farla bene.
    R.I.P.

    Mi piace 3
  13. avatar
    Pier Luigi Basso 8 Febbraio 2021 at 13:21

    Alessio Viviani era del mio stesso anno di nascita, e aveva soli 23 anni.
    Doveva avere una forza di volontà impressionante per arrivare a 2400 punti elo nonostante tutte le sue difficoltà.
    Questo è il bello degli scacchi…
    Abbiamo giocato insieme solo una volta, e ho vinto una delle partite tecnicamente più belle della mia vita.
    Alessio rimarrà per sempre un esempio e un punto di riferimento per tutti, e soprattutto per coloro che negli scacchi ritrovano quella gioia di vivere necessaria per andare avanti.
    Un abbraccio alla famiglia in questo momento difficile.

    Mi piace 6
  14. avatar
    lordste 8 Febbraio 2021 at 15:39

    L’ho già scritto altrove e qui lo ripeto: Un grande esempio di come talento e volontà possano superare le più dure barriere. Buon viaggio Alessio

    Mi piace 1
  15. avatar
    luca monti 8 Febbraio 2021 at 16:04

    Quest’uomo che se n’è andato,va guardato con rispetto ed ammirazione. Nonostante lo svantaggio con il quale doveva misurarsi quotidianamente,nella vita è riuscito a trovare la sua strada; chapeau Alessio Viviani.

    Mi piace 5
  16. avatar
    Giuseppe Bastarelli 8 Febbraio 2021 at 22:18

    Conoscevo Alessio ed i suoi genitori da una dozzina di anni frequentando fino a qualche anno fa l’ambiente dei tornei weekend tra Marche ed Abruzzo , ero sempre colpito ogni volta che lo vedevo dalla sua figura e dal fatto che i suoi genitori fossero sempre al suo fianco. Cercavo sempre pudicamente di scambiare con lui ed i suoi genitori qualche parola , molte volte dall’emozione le parole si bloccavano in gola .
    Non abbiamo mai giocato insieme e non sapevo che fosse arrivato a 2400 ELO anche se ho sempre pensato fosse molto molto forte.
    Devo confessare che il mio nickname nei siti online è dedicato a lui
    Ciao Alessio , condoglianze alla tua mamma e babbo , veri angeli in terra , ora tu che hai sempre guardato in alto guarda un po’ in basso a noi scacchisti .
    PERUN AMICO
    Giuseppe Bastarelli

    Mi piace 3
  17. avatar
    Enrico 9 Febbraio 2021 at 13:11

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO Locco.Ro

DISCLAIMER: I responsabili del blog cancelleranno immediatamente e di propria insindacabile iniziativa qualsiasi intervento che giudicheranno possa recare offesa a chiunque. Non sono tollerati gli attacchi personali, né le offese indirette rivolte a terzi. Oltre ai commenti offensivi, per non generare confusione, verranno cancellate anche le eventuali repliche. L'indirizzo IP del mittente, se necessario verrà segnalato alla Polizia Postale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il Grau per il terzo millennio

Torre & Cavallo - Scacco!

Massimiliano ROMI - Scacchista istriano

In presa alta

La Difesa dei Due Cavalli

Il pellegrino spagnolo

La seconda porta

Porto Mannu R.H.

Porto Mannu Residence Hotel

Sempre più vicino

Azzurri in diretta

Azzurri in Diretta

Chianciano, 80 Campionato Italiano

    • 14 – 22 novembre 2020, h. 15:00

Gli ultimi commenti

Live rating

2700chess.com per tutti i dettagli e la lista completa

Chess book reviews

Le recensioni di SoloScacchi