Crea sito

Caruana 7 su 7, dov’è la notizia?!?

Scritto da:  | 4 Settembre 2014 | 71 Commenti | Categoria: Attualità, Cronaca, Internazionale, Tornei

Caruana 7 su 7 1

Settima partita, settimo schianto. Col Nero, FabFab ha fatto nero Vachier-Lagrave, che la sera prima aveva dichiarato: “Perché dovrei puntare alla patta? Anche se lui è così forte, io in questa partita avrò il Bianco“.

OK, 7 su 7, ma dov’è la notizia? Di giorno in giorno le vittorie di Caruana cominciano a diventare imbarazzanti, quasi stucchevoli da un punto di vista giornalistico. Così stucchevoli che ieri sera il GM Gustafsson poteva affermare:  “Che noia. Carlsen batte Nakamura e Caruana vince. Sempre le stesse cose …”

Si legge nel comunicato stampa di oggi: “Per Caruana settima vittoria in sette round. Il ventiduenne ha ora stabilito un nuovo record con la più lunga striscia di vittorie dalla partenza in un grande torneo di epoca moderna, raggiungendo l’impresa contro cinque dei migliori nove Maestri del mondo nel torneo con più alto rating nella storia. A tre turni dal termine, Caruana ha solo bisogno di un mezzo punto per aggiudicarsi i centomila dollari del primo premio del Sinquefield Cup. L’unico concorrente con possibilità matematiche di raggiungere l’italiano è il campione del mondo, GM Magnus Carlsen, suo prossimo avversario nell’ottavo turno”.


Cerchiamo allora di metterci nei panni degli altri cinque partecipanti alla Sinquefield Cup di Saint Louis. Si sentiranno frustrati, loro che sono tra i primi nel mondo, a vedersi rubata la scena dal più giovane dei concorrenti? O in qualche modo saranno contenti di essere protagonisti di un evento che entrerà nella storia degli scacchi? Forse entrambe le cose, perché in fondo va riconosciuto a Topalov e a Vachier-Lagrave
il merito di non essersi tirati indietro nelle ultime due partite. Se avessero puntato alla patta, probabilmente oggi Caruana non sarebbe a punteggio pieno.

Invece hanno deciso di giocarsela, di tentare di essere loro a fare la “notizia”. Perché non c’è bisogno di essere esperti di statistica per affermare che prima o poi la serie dovrà interrompersi. A quel punto sarà una notizia.

Caruana 7 su 7 2

Ogni giorno che passa diventa sempre più difficile vestire i panni di Fabiano Caruana: immagina di avere 22 anni e di trovarti da un giorno all’altro ad essere paragonato con i più grandi di tutti i tempi. Come affronterai la prossima partita? Puntando all’ennesima vittoria o optando per una condotta prudente che ti consenta di concludere il torneo imbattuto e magari con “solo” due punti di distacco sul campione del mondo? Di fronte a questo dilemma sei solo, come è solo l’alpinista che respira l’aria rarefatta delle vette più alte.


E poi lo sappiamo … non è la prima volta che Fabiano comincia un torneo precedendo tutti i bei nomi, Carlsen incluso, e poi finisce secondo o addirittura quarto, come tre mesi fa al supertorneo norvegese, o come nel 2012 nel torneo finale del Grande Slam, dove Caruana aveva dominato il girone d’andata con tre vittorie e due patte e poi si era ridotto a perdere lo spareggio lampo contro Carlsen.
 
Perché rinvangare il passato? Per scaramanzia, ovviamente, perché se Carlsen vincesse le ultime tre partite e Caruana le perdesse tutte e tre, il norvegese potrebbe beffarlo di nuovo nei play-off che la Sinquefield Cup ha messo in calendario per domenica 7 settembre. Ecco questa sì sarebbe una notizia.

Caruana 7 su 7 3

La classifica provvisoria vede dunque Caruana a 7 punti su 7, il campione del mondo Magnus Carlsen secondo con 4 punti, Topalov terzo a 3, Aronian e Vachier-Lagrave a 2,5 e infine Nakamura fanalino a quota 2. Stasera alle nostre 21.00 Caruana-Carlsen, Aronian-MVL e Nakamura-Topalov.

separator4

(foto dal sito ufficiale)

avatar Scritto da: IM Roberto Messa (Qui gli altri suoi articoli)


71 Commenti a Caruana 7 su 7, dov’è la notizia?!?

  1. avatar
    The dark side of the moon 4 Settembre 2014 at 20:16

    Secondo me stasera Carlsen giocherà alla morte, vorrà dimostrare che lui è il numero uno, c’è la sconfitta subita nel girone d’andata che deve essere “ripagata”.
    Caruana dal canto suo saprà che la partita di oggi sarà forse una delle più importanti della sua carriera per mille aspetti che stranamente esulano dal risultato finale del torneo che a meno di clamorose sorprese ha già vinto.
    Che dire: ci sarà da divertirsi.
    Buona partita a tutti…e forza Fabiano!!!

  2. avatar
    Franco Trabattoni 4 Settembre 2014 at 21:37

    Io avrei detto la stessa cosa. Ma l’apertura scelta da Carlsen mi solleva dei dubbi: il dragone accelerato è una specie di reperto fossile quasi sparito dalla pratica di alto livello (ma occhio: a St. Louis lo ha adottato, trattandolo peraltro assai male, anche MVL contro lo stesso Carlsen), se non altro per il fatto che se il bianco adotta il solido e resistente impianto Maroczy (come appunto ha fatto Caruana) il Nero non dispone di alcun piano davvero affidabile per tentare di sparigliare il gioco (e dunque di incassare il punto intero). Perciò ritengo possibile che Magnus voglia semplicemente chiudere in fretta questa parentesi (o meglio, quella che egli evidentememte spera sia tale) senza ulteriori danni, per concentrarsi interamente sul match contro Anand.

  3. avatar
    Doroteo Arango 4 Settembre 2014 at 21:55

    “quella che egli evidentememte spera sia tale”

    Elegantissima ironia impossibile da non apprezzare 😉

    • avatar
      Franco Trabattoni 4 Settembre 2014 at 22:37

      Grazie, DA. D’altra parte, forse questa speranza non è del tutto infondata. Anche se è chiaro che in questo torneo Caruana ha messo in luce delle possibilità straordinarie, o meglio assolutamente incredibili, non è pensabile che dopo aver battagliato per anni più o meno alla pari con i suoi colleghi della top ten egli sia diventato all’improvviso, per poi rimanerlo in pianta stabile, un giocatore nettamente al di là della loro portata (come i risulati di St. Louis farebbero supporre). Il che significa, per noi italiani, che non dobbiamo aspettarci che il mese prossimo Fab ci faccia vedere di nuovo una performance di questo tenore.

  4. avatar
    Franco Trabattoni 4 Settembre 2014 at 23:21

    Tutto sbagliato. Stanno giocando entrambi in modo molto coraggioso e rischioso, a caccia del punto intero (e forse anche di qualcosa di più).

    • avatar
      Roberto Messa 5 Settembre 2014 at 07:46

      Sì, chi pensava che Caruana avesse voglia di attaccare con h4 e g4 in questa partita?

      Per quel che vale, il computer dice che avrebbe avuto un vantaggio netto se avesse giocato Tfd1! (invece che Tcd1) con il seguito Ae7, Axc5!

  5. avatar
    Marramaquis 5 Settembre 2014 at 08:15

    Pare che Bobby Fischer abbia così commentato la quasi vincente Tfd1!: “Dopo Tfd1 i pedoni neri cadono come pere mature”.

    • avatar
      Franco Trabattoni 5 Settembre 2014 at 08:40

      E ha aggiunto: “Un altro capitolo della tragica storia intitolata ‘la torre sbagliata’ “

    • avatar
      Roberto Messa 5 Settembre 2014 at 09:36

      Concediamogli però la stanchezza “emotiva” accumulata in 10 giorni di torneo (e che torneo) e che era in svantaggio di tempo.
      Intanto osservo che Carlsen è seguito, dall’inizio alla fine di qualsiasi torneo a cui partecipa, da una troupe di una TV norvegese che manda video, interviste e notizie ogni giorno.
      Potrà mai succedere in Italia?

      • avatar
        Franco Trabattoni 9 Settembre 2014 at 07:53

        Ho pensato una cosa. Pochi giorni fa il GM Kenneth Rogoff (l’anno scorso, in esibizione, ha pattato una partita vera con Carlsen), econonista di fama mondiale, è autorevolmente intervenuto al meeting di Cernobbio, e le sue dichiarazioni, visto che ha parlato molto della situzione economica italiana, sono state ampiamente riprese da stampa e tv nazionali. Peccato che non ci fosse nessun giornalista/scacchista, visto che proprio negli stessi giorni Caruama imperversava a St. Louis. Sarebbe stato un discreto colpo mediatico.

  6. avatar
    Franco Trabattoni 5 Settembre 2014 at 09:43

    No

    • avatar
      Mongo 5 Settembre 2014 at 13:55

      Beh, dai ieri c’è stato un timido, ma maldestro tentativo di seguire la partita in diretta da parte di Skysport24; il CM in studio che la commentava usava una scacchiera normale per cui si capiva poco o niente della partita perché le riprese venivano fatte orrizontalmente.
      Si vede che hanno organizzato la cosa velocemente: cosa ci voleva a mettere su una scacchiera murale e fare venire come commentatore il nostro Direttore o altri più titolati, senza comunque togliere nulla al CM che è stato ingaggiato che ha fatto del proprio meglio.
      La giornalista ha più volte presentato la partita come la ‘Caruana – Karpov’ per poi correggersi con la ‘Caruana – Carlson’ e solo al termine dei vari servizi sportivi ciclici passavano la linea al CM che commentava per brevi istanti la situazione dell’incontro.
      Comunque un grazie a Sky lo dobbiamo dire, augurandoci per il futuro tentativi tele-scacchistici più corposi. 😐 🙄 😎

      • avatar
        alfredo 5 Settembre 2014 at 18:10

        nel 1985 ricordo una trasmissione alle 11 del mattino su rai uno in cui Zichichi e Tatai commentavano la partita piu interessante della settimana del match K- K .
        Molto interesante , istruttiva .
        Mi sembra che sia stato il ” momento ” piu’ alto della divulgazione scacchistica in TV
        era la mia ” messa 2 domenicale ( andava in onda alle 11)
        Bisogna aspettare un ” evento ” per ripetere l’esperimento
        un match c – c lo sarebbe di certo .
        L’evento della vittoria di Caruana a questo punto sarebbe un 9 1/2 su 10 …
        spazio ne è stato dato ma ancora roppi stereotipi e luoghi comuni

        • avatar
          Marramaquis 5 Settembre 2014 at 22:03

          E’ deprimente vedere che siamo un passo indietro rispetto al 1985. Se poi confrontiamo la classifica di oggi di Caruana con quella del primo italiano nel 1985 (che forse neppure era fra i 200) ecco che parlare di un solo passo indietro mi pare un bel regalo all’ottimismo.

        • avatar
          Giorgio Gozzi 8 Settembre 2014 at 12:40

          Bella! Replay mi pare si chiamasse (la sigla era quella del musical chess “One night in Bangkok”;) ed erano stati fatti tentativi in passato per vedere se si riuscivano a riesumare dalle teche RaI. Tentativi credo infruttuosi o qualcuno sa se hanno avuto sviluppi?

          • avatar
            alfredo 8 Settembre 2014 at 14:09

            si’ si intitolava cosi’
            con zichichi che prendeva le parti di Karpov e Tatai quelle di Kasparov .
            e ovviamente erano tutti e due all’altezza di fare degli ottimi commenti alle patite tra quei due giganti .
            Adesso mi sembra che le cose siano cambiate .
            come dice spesso Franco, in un eccesso secondo me di umiltà, le partite
            di oggi tra i top a volte sono veramente difficili da comprendere .
            davvero la mia impressione è che tra i tanti che ho visto commentare le
            partite di Saint Luois l’unico veramente all’altezza era seyrawan
            uno che tra i top ten c’è stato
            Mi ricordo anche Passerotti su una Tv privata milanese commentare il match Huber Korcnoy oppure Palladino su antenna 3 Lombardia. Una volta Palladino si porto’ in trasmisione nientemeno che Gligoric!

            • avatar
              Mongo 8 Settembre 2014 at 15:21

              Ai tempi di Torino 2006, Raisport dedicò un intero pomeriggio alle olimpiadi scacchistiche, in pieno svolgimento, con il commento del buon Passerotti.
              Ci furono inconvenienti tecnici e qualche gaffe, ma la trasmissione fu per me ben riusciuta, anche se si poteva fare meglio… Poi più nulla, sino all’ultimo incontro tra Caruana e Carlsen, grazie a Skysport. 🙄

  7. avatar
    Mongo 5 Settembre 2014 at 14:05

    Nonostante la patta, Caruana ha incrementato il proprio Elo portandolo a quota 2836.1, il terzo punteggio Elo più alto mai raggiunto nella storia, dietro solo a Carlsen e Kasparov. Anche la sua performance Elo ha qualcosa di stratosferico, ben 3247.
    Dire che ha anche vinto il torneo ed un bel montepremi è ormai superfluo!! ➡

  8. avatar
    alfredo 5 Settembre 2014 at 17:35

    Ieri ho avuto il piacere onore di commentare con l’amico Art via wattsup la partita di Fab
    Art ovviamente conosce molto bene Fabiano e Carlsen
    seguire i suoi commenti è stato per me molto molto istruttivo .
    In particolare ha molto apprezzato la mossa Ca5 ( ogni volta che vedro’ ora un cavallo in a5 mi verrà in mente la meragliosa deviazione nella partita con Aronian) mentre ha avuto qualche dubbio sull’attacco a baionetta con h4 ( subito rintuzzato da h5 ma a cui Fab ha fatto seguito g4)
    nel momento piu’ bello il cell di Art ha esaurito la batteria !
    in quel momento Fab aveva buone chance ma lo sappiamo tutti Magnus is duro a morire .

  9. avatar
    The dark side of the moon 5 Settembre 2014 at 21:03

    Diciamo che Fabiano si è accontentato della patta…
    Ha fatto sempre la partita, Carlsen si è dovuto difendere, la posizione del N. sembrava prossima al collasso ma con meno di 10 min. sull’orologio presumibilmente Caruana non aveva del tutto chiaro le linee con Tfd1 che sicuramente ha visto, alla fine come sappiamo ha deciso di semplificare chiudendo la pratica.
    Ha fatto bene secondo me!
    Ha giocato l’ennesima grande partita e ha messo in difficoltà il campione del mondo.
    Stasera pronostico una patta contro Aronian e domani ci dovrebbe essere l’ennesima vittoria di questo torneo contro Naka.
    Vediamo se ci prendo 😉

  10. avatar
    The dark side of the moon 5 Settembre 2014 at 21:05

    Ho sbagliato, stasera gioca contro Naka e allora si vince.
    Patta domani.
    Risultato 9/10 😎

  11. avatar
    paolo bagnoli 6 Settembre 2014 at 20:36

    Confesso che, avendo seguìto alcuni tornei di Caruana negli ultimi tempi, nutrivo dubbi sulla sua capacità di “tenuta” psico-fisica (o psico o fisica, non so). Dopo questa prova i miei dubbi si stanno dissipando; lo attendo (-iamo) alla controprova.

    • avatar
      Roberto Messa 7 Settembre 2014 at 10:37

      Per andare a cercare il pelo nell’uovo, possiamo dire che anche in questo torneo il tono di Fabiano è calato nelle ultime partite. Qui, a differenza di altri supertornei in cui aveva cominciato da mattatore ma poi aveva mancato il primo posto, il vantaggio era tale che non c’è stata discussione, ma indubbiamente il Caruana della prima parte di questa Sinquefield Cup non si sarebbe lasciato sfuggire il punto né contro Carlsen, né soprattutto contro Nakamura. Lo stesso Fabiano ha dichiarato la sua delusione ammettendo di aver giocato quasi una decina di mosse deboli nel finale con Hikaru (una su tutte, il facile sacrificio di qualità Txg6, Txg6, e7).
      Come carattere Fabiano secondo me ne ha da vendere, forse a fine torneo sente la stanchezza sul piano fisico e non deve essere un caso se ultimamente appare più robusto e muscoloso…

  12. avatar
    Franco Trabattoni 7 Settembre 2014 at 11:49

    Roberto, volevi dire Txg6 alla quarantesima seguita da e6? In effetti questa sembra davvero facile.

  13. avatar
    paolo bagnoli 7 Settembre 2014 at 12:21

    D’accordo sulla valutazione di Roberto, forse Caruana era un po’ scarico sapendo di aver compiuto, già al settimo turno, un’impresa memorabile. Volendo scavare nel passato, il suo punteggio finale ricorda i punteggi di Alekhine degli anni Trenta, ma quest’ultimo affrontava un campo di concorrenti che, anche se più ampio, annoverava anche giocatori di medio livello (Sanremo, Bled, ecc.). Lasciare Carlsen a 3 punti di distacco su dieci partite contro quel tabellone è sicuramente un’impresa storica. Ad majora!

  14. avatar
    Renato Andreoli 7 Settembre 2014 at 12:38

    Teniamo presente che Fabiano aveva solo 1 minuto e 15 secondi per giocare la quarantesima.

    • avatar
      alfredo 8 Settembre 2014 at 23:01

      ho recuperato le parole di Art Kogan prima dela vicenda della torre sbagliata ( e prima che gli si scaricasse la batteria del cellulare)
      ” Fabi should crush if don’t lose focus” ” …

  15. avatar
    alfredo 7 Settembre 2014 at 12:50

    8 e 1/2 su 10 era il punteggio accumulato da Fischer nell ‘Interzonale di Sousse 1967 prima del suo ritiro
    Anche li’ Bobby all’epoca 24 enne diede l’impressione non di vincere ma di fare a pezzi i suoi avversari . Alcuni la chiamarono ” arroganza sulla scacchiera” .
    Rimarrà sempre la domanda se dopo aver vinto l’interzonale sarebbe arrivato lui e non Spassky alla sfida con Petrossian .
    Ora Fabiano dovrà dimostrare di arrivare alla sfida con Carlsen
    Certo un 2 – 0 nel minimatch sarebbe stato un bel macigno sulla testa del pur solidissimo Magnus .
    L’idea di Art è che Fab sia il migliore nel mediogioco ma il suo gioco sia migliorabile in apertura e in finale .
    Ma oramai è questione di poco .
    Che sia il piu’ autorevole avversario di Carlsen è fuori dubbio ….

  16. avatar
    Mongo 7 Settembre 2014 at 13:14

    Breakko solo per l’ultimo aggiornamento sulla 6th Women Grand Prix che ha visto la vittoria di Ju Wenjun, a pari punti con Hou Yifan che dovrebbe essersi aggiudicata il primo posto nel Gran Prix femminile, visto il pessimo torneo disputato dall’indiana Koneru. 😎

  17. avatar
    alfredo 7 Settembre 2014 at 13:23

    Ecco in 10 partite Fab ha avuto tre défaillance
    una del tutto insignificante ai fini del risultato ( Ah4 contro Naka all’andata) e due ( la torre sbagliata contro Magnus e il mancato sacrificio di qualità alla 40 con Naka nel ritorno )
    due ” smagliature ” che gli sono costate un punto interno altrimenti ci troveremmo a commentare la piu’ sensazionale performance di tutti i tempi .
    Invece è stata solo ” quasi”
    Ma mi piace pensare che anche in Fab ci sia qualcosa di scacchisticamente umanoPer il mio amico non solo ha mostrato nervi d’acciaio .
    ma anche “Bull Bags”
    lascio a voi la facile traduzione
    PS : vedo un solo suo possibile avversario per lui nella cccia a Magnus . Wesley So

    • avatar
      fds 7 Settembre 2014 at 14:31

      > PS: vedo un solo suo possibile avversario per lui nella caccia a Magnus. Wesley So

      Quoto.

      • avatar
        Mongo 7 Settembre 2014 at 18:36

        So fin’ora non ha mai incontrato uno della top 10, ma ha dimostrato di avere ampi spazi di miglioramento e fra un paio d’anni lo vedremo sicuramente e costantemente fra i primi 5 al mondo. 😉

        • avatar
          alfredo 8 Settembre 2014 at 14:14

          Questo mi sembra poco giusto .
          Oramai i primi 10 giocano quasi sempre tra di loro ma quando hanno a che fare con giocatori meno quotati hanno le loro rogne
          si vedano alcune partite e sconfitte di Magnus a Tromso
          comunque sia So è mi sembra al 17 posto con 2755 punti Elo .
          Purtroppo non ho potuto vederlo a Bergamo ( e dire che c’ero andato quasi apposta )
          comunque tra poco lo vedremo tra questi .
          e sarà un bel vedere …

  18. avatar
    Roberto Messa 7 Settembre 2014 at 19:11

    Breaking news – Oggi, ultimo giorno utile, Carlsen ha firmato per giocare il match con Anand

    Breve articolo di Dario Mione qui:
    http://www.messaggeroscacchi.it/?p=4566

  19. avatar
    Roberto Messa 7 Settembre 2014 at 20:21

    Tornando a Caruana, Graziano Ottolini mi ha segnalato i primi due tornei italiani di Fabiano, probabilmente gli unici da tesserato della Federaz. Scacchistica Statunitense.
    Siamo nel 2003 e 2005, quando la famiglia Caruana veniva in Italia più che altro per visitare i parenti.
    Fotografie e classifiche ai link qui sotto e – sorpresa – c’è anche un rotondo 7 su 7 in un semilampo di buona forza.

    http://www.cavalliesegugi.com/cs/tornei/2003/orta5.html
    http://www.cavalliesegugi.com/cs/foto/2003/orta1907.html
    http://www.cavalliesegugi.com/cs/tornei/2005/robecchetto15.html
    http://www.cavalliesegugi.com/cs/foto/2005/robecchetto2612op.html

    • avatar
      Zenone 8 Settembre 2014 at 13:19

      Ho rivisto volentieri in queste foto il M° Mario Vivo.

  20. avatar
    Franco Trabattoni 7 Settembre 2014 at 21:39

    Sarei curioso di sapere quali sono i commenti di Nakamura dopo questo torneo. A quanto mi ricordo, l’americano non ha mai nascosto la sua antipatia per Fabiano (quali sarebbero le ragioni, non lo so), e in più ha dichiarato di essere l’unico avversario pericoloso per Carlsen: ad onta del suo score disastroso (e non da ieri).

  21. avatar
    nikola 7 Settembre 2014 at 21:41

    secondo me questa é la piú sensazionale prestazione di tutti i tempi. gli avversari che avevano i Fischer o i Karpov non sono paragonabili a quelli che ha affrontato Caruana (5 dei migliori dieci al mondo tra cui un certo Carlsen). E le due smagliature che ha commesso (Txg6 in zeitnot e la torre sbagliata con Carlsen (quest’ultima tutta da verificare)) si notato solo perché tutto il resto é stato impeccabile e in alcuni tratti giocato anche meglio del computer. Se non le avesse fatto staremmo qui a commentare qualcosa di irreale, quindi non poteva che andare cosí :)

  22. avatar
    The dark side of the moon 7 Settembre 2014 at 22:01

    X Franco Trabattoni
    Per quanto ne so, al Naka è antipatico Fabiano perchè a suo parere “uno che sceglie di giocare per una nazionale dovrebbe conoscerne almeno la lingua”.
    Insomma la “giustificazione” si riduce miserevoli questioni di bandiera, tant’è che quanto è stato domandato a Caruana il perché Nakamura ce l’avesse tanto con lui, il nostro si è limitato a rispondere che ignorava totalmente il motivo…
    Ironia della sorte, Naka e Fab sono compagni di squadra nel CIS (giocano per Padova “Obiettivo Risarcimento”;).
    A mio parere Hikaru si sta rendendo ridicolo, eppoi parla lui che rappresenta gli USA…
    A occhio (…!…;) mi sembra molto più italiano Caruana che statunitense Nakamura.
    L’invidia è un brutto sentimento che trova predisposizione in quelle persone povere di animo…
    Ritornando al torneo appena concluso mi sento di ringraziare idealmente Fabiano per averci regalato delle bellissime serate.
    In prospettiva possiamo sognare in grande, mi auguro, penso e spero che questo ragazzo diventerà prima o poi campione del mondo.
    Tutto il movimento scacchistico ne trarrà grande vantaggio.

    • avatar
      Franco Trabattoni 7 Settembre 2014 at 23:01

      Grazie “Dark”. Quello che scrivi mi fa venire in mente un’altra domanda, alla quale magari qualcuno più informato (o meglio, meno smemorato) di me, come in questo caso, potrebbe dare una risposta. Ma quali sono, in ultima analisi, le ragioni per cui Caruana ha deciso di giocare per l’Italia e non per gli Usa? Sono mai state rese note, o da lui o dalla famiglia? Aggiungo che anche se si trattasse di ragioni di convenienza non mi scandalizzerei nemmeno un po’, perché uno sportivo professionista non può non tenerne conto. Ma davvero ignoro quali siano queste ragioni. Quanto al torneo di St. Louis, io mi sentirei di coinvolgere nel ringraziamento tutti i giocatori: abbiamo visto in queste sere una quantità enorme di scacchi veri, giocati ad altissimo livello, con notevolissimo spirito agonistico e profonda determinazione, da parte di sei campioni che si sono impegnati al massimo, senza scegliere mai la via più comoda: e che in generale, se mi è consentito, hanno mostrato di posseere tutti delle robustissime paia di zebedei. Sarà che oggi la concorrenza è numerosa, accanita e spietata (per cui, come cantava Janacci buon’anima, “chi non sa stare al tempo, prego andare”;), e dunque o fai così o sei fuori, ma venti o trent’anni fa un torneo di caratura analoga avrebbe fatto vedere molto ma molto di meno (da ragazzo ho assistito di persona a un triangolare tra Tal, Portisch e Petrojan, e facevo fatica a restare sveglio).

      • avatar
        fds 7 Settembre 2014 at 23:28

        Il ragazzino talentuoso che abbiamo visto nelle foto linkate da Roberto ha avuto dei genitori che hanno creduto in lui, o se si preferisce hanno scommesso su di lui.
        Come è noto, il talento da solo non basta per arrivare a un traguardo. Ci vuole un percorso di crescita, allenamento e un allenatore. Quest’ultimo, se lo vuoi veramente bravo, lo trovi più facilmente in Europa.
        Alla scommessa dei genitori ha creduto la FSI.

      • avatar
        alfredo 8 Settembre 2014 at 09:09

        ciao Franco !
        si ricordo anch’io il triangolar di Varese 76 con Tal Petrossian e Portisch .
        Ma mi ricordo soprattutto il soporifero Torino 1981 …. quasi tutte svenevolissime patte ( se qualcuno vuole puo’ facilmente recuperare tabellone e partite del torneo . E cerano veramente quasi tutti i piu’ forti di quel momento) .
        Era da tempo che non mi divertivo cosi’ nel seguire un torneo .
        E non solo per Fabiano .
        Lui è stato l’attore protagonista ma anche il resto del cast è stato all’altezza .
        In quanto a Nakamura lo ho solo visto .
        Mi è stato detto che è un compulsivo giocatore bullet via internet
        Questo sicuramente non è positivo .

        • avatar
          alfredo 8 Settembre 2014 at 09:37

          girando per vari siti , per quanto me lo possa permettere il mio malmesso PC , ho seguito i commenti di vari GM
          l’ unico che si staccava per autorevolezza era Seyrawan .
          Un ( ex ) super GM , insomma l’unico che poteva considerare quei giocatori suoi ” pari” .
          Gli altri GM mi sembravano non dico inadequati ma si limitavano a aspettare la risposta del silicio .
          E mi sono venute in mente le macchine di F1
          25 anni fa le sentivo in casa ed erano meno veloci
          Ieri per la prima volta non le ho sentite ( i motori a turbina ora usati sono molto silenziosi) ma sono piu’ veloci !
          tutto cambia

      • avatar
        Roberto Messa 8 Settembre 2014 at 09:48

        Tra il 2005 e il 2008 la famiglia Caruana aveva davvero intenzione di stabilirsi in Italia, ne sono testimoni scacchisti che li aiutarono a cercare casa a Bologna, Bergamo, Trieste solo per dirne alcune. Poi decisero diversamente sia per il costo delle case e della vita decisamente più alto che a Budapest, sia perché l’allenatore di quel periodo (Chernin) era ungherese
        Non so di preciso perché all’inizio del 2006 optarono per la Federaz. Scacchistica Italiana, anche perché inizialmente Fabiano non ricevette “borse di studio” dalla FSI, anzi venne perfino lasciato fuori dalla nazionale B alle Olimpiadi di Torino nel 2006, seppur in questa “seconda squadra” si decise di dare una chance ai giovani emergenti!
        Le “borse di studio” arrivarono in seguito (e Pagnoncelli secondo me fece molto bene a non ascoltare chi non era d’accordo) e non solo per Caruana: nell’ultimo decennio la FSI ha dato molto, sotto varie forme, a tutti i nostri migliori giocatori titolati. Basti dire che i vari CT che si sono succeduti negli ultimi anni hanno percepito dai 6mila ai 10mila euro l’anno per svolgere il loro (in verità molto “scomodo”;) ruolo di selezionatori. Ovviamente per Caruana la cifra è stata più alta, ma a quanto si dice il CONI ha sempre approvato e “benedetto” questo investimento su Fabiano.

    • avatar
      Roberto Messa 8 Settembre 2014 at 09:52

      Vorrei spezzare una lancia a favore di Nakamura, che da quando è fidanzato con Maria Grazia De Rosa (anche in questi giorni sempre presente tra il pubblico a Saint Louis) è diventato sicuramente più simpatico di prima.
      Gli scacchisti campani lo vedono spesso e lui si dimostra molto disponibile, anche per cose come andare (gratis) a premiare ragazzini nelle scuole ecc.
      Quando disse di essere un papabile concorrente di Carlsen stava attraversando un periodo di crescita davvero promettente, perché non avrebbe dovuto avere fiducia in se stesso? Poi venne quella disgraziata sconfitta, a Zurigo se non erro, in cui regalò a Magnus il punto intero in una posizione in cui poteva già quasi dargli matto. Secondo me non si è ancora ripreso…

      • avatar
        alfredo 8 Settembre 2014 at 10:24

        anche a me è stato detto che Nakamura è diventato una persona molto piu’ simpatica e disponibile .
        E concordo anche che quella sconfitta ( quella della famosa mossa Df1 se non erro) deve essere stata veramente pesante per la fiducia in sé stesso .
        Adesso poi l’espolosione del suo ” nemico”
        comunque si puo’ consolare con la fidanzata e Sorrento
        Da quel che ne so sembra che abbia preso una casa proprio a Sorrento .
        Ma a questo punto penso che per lui il discorso campionato del mondo è chiuso .

      • avatar
        Franco Trabattoni 8 Settembre 2014 at 18:11

        In realtà non mi riferivo alla simpatia. Così, a occhio, non mi sembra affatto antipatico, anzi! Più che altro mi spiaceva quello che ho letto sul suo atteggiamento nei confronti di Fabiano. Quanto alla sua fiducia in se stesso, certo è una buona cosa. Ma il pessimo score che ha con Carlsen non sembrava davvero giustificare certe affermazioni. Direi che prima bisognerebbe fare dei punti. Carlsen è giovane almeno quanto lui, per cui in mancanza di risultati concreti nulla può far prevedere un’inversione di rotta…

        • avatar
          Franco Trabattoni 8 Settembre 2014 at 18:31

          Aggiungo un paio di considerazioni. Sempre vedendo le cose da fuori, mi pare assai probabile che una sera a cena con naka sia più divertente di una sera a cena con fab. Ma quanto agli scacchi, Fab non si è mai proposto cone anti-Carlsen, mentre ora i fatti parlano per lui. Naka invece lo ha proclamato a chiacchiere, ma i fatti non sono mai stati dalla sua parte, né adesso né prima…

          • avatar
            alfredo 8 Settembre 2014 at 19:23

            Nakamura compirà 27 anni a dicembre .
            ha quindi 3 anni in piu’ di Carlsen e 5 di Caruana .
            Non credo che per lui ci siano chance
            è per questo che dico che bisogna guardare oramai ai giocatori degli anni 93- 94
            A me personalmente pare che il piu’ promettente sia So .
            mi incuriosisce anche l’ungherese Rapport anche per il suo atteggiamento eterodosso in apertura .
            oppure in mister X al momento non ancora identificato .
            Agli inizi degli anni 70 era chiaro che se non si fosse fatto male da solo Fischer sarebbe diventato campione del mondo. tra i russi si facevano diversi nomi . Karpov certo ma anche Vaganian , Kuzmin , un certo Muchin .
            solo tra il 1971 e il 73 divenne chiaro che il migliore era Karpov .
            E’ proprio pensandoagli effetti della sconfitta in posizione vinta di Nakamura contro Carlsen che ho pensato quanto sarebbe stato pesante un 2- 0 in questo torneo.
            Certo una delle risorse migliori di Carlsen è il sapersi riprendere subito da una sconfitta . ma se Fab lo avesse sconfitto in un mini match in maniera cosi’ netta sicuramente la sua fiducia nell’affrontare Fabiano sarebbe stata di molto scalfita .
            ci sono stati giocatoriil cui limite maggiore era proprio il non sapersi rialzare dopo una sconfitta … anzi una sconfitta tirava l’altra .

            • avatar
              Roberto Messa 8 Settembre 2014 at 23:05

              Concordo, i numeri (e gli anni) sono ineludibili.

              E Wesley So sarà probabilmente la faccia nuova sulla ribalta mondiale.
              Intanto è una bella faccia sulla copertina dell’ultimo Torre & Cavallo 😉

          • avatar
            Franco Trabattoni 9 Settembre 2014 at 08:01

            Vedo ora in un’intervista che Nakamura dedica un’ora al giorno allo studio dell’italiano. So benissimo che alla radice di questo sforzo c’è il movente in assoluto più forte delle azioni umane (maschili in particolare). Tuttavia sia consentito sommessamente di aggiungere che sarebbe bello, un giorno, sentir parlare nella nostra lingua anche Fabiano.

            • avatar
              Jas Fasola 9 Settembre 2014 at 09:43

              mi sa che fra un po’ dalle vostre parti si fara’ piu’ tifo per Naka Naka Naka o’ Sole mio che per Fabolous :mrgreen:

            • avatar
              Marramaquis 9 Settembre 2014 at 09:45

              Sacrosante parole.

              • avatar
                Marramaquis 9 Settembre 2014 at 09:46

                (mi riferivo soprattutto alla speranza di sentir parlare Fab in italiano)

            • avatar
              Filologo 9 Settembre 2014 at 09:48

              Ho letto un’intervista di Caruana dopo il torneo in cui gli viene chiesto cosa c’è di vero nelle voci che dicono che starebbe apprestandosi a tornare alla federazione statunitense. Lui risponde: «si tratta di voci… Non è cosa di cui voglio parlare ora». Io da un italiano mi sarei aspettato una risposta tipo: «queste voci sono del tutto infondate».

              • avatar
                Jas Fasola 9 Settembre 2014 at 10:48

                cari amici… la Federazione USA vi proporra’ uno scambio… voi gli date Faboulous e la De Rosa, loro vi danno Naka Naka :mrgreen:

                • avatar
                  Jas Fasola 9 Settembre 2014 at 10:56

                  Come si chiama quel vostro famoso dirigente, quello dei tre giorni del condor…forse lui potrebbe organizzare diversamente… Naka Naka ce lo girate a noi polacchi in “prestito d’uso” :mrgreen: e riuscite a tenervi la De Rosa 😉

              • avatar
                alfredo 9 Settembre 2014 at 11:29

                oppure ” state sereni” .
                da alcune mie fonti ho saputo che vi è un grande interesse nel’avere in USA un nuovo campione del mondo americano dopo Bobby Fischer .
                E da quelle parti potrebbero girare molti ” money”

          • avatar
            Roberto Messa 9 Settembre 2014 at 14:21

            A proposito di cene con Nakamura – Cathy Rogers mi ha inviato ieri delle foto della festa per il 70esimo compleanno di Rex Sinquefield dove a tavola – accanto al patron, ai sei giocatori e a Kasparov che leggeva un messaggio di auguri di Karpov (sic!) – si scorgeva in tutto il suo splendore Maria Grazia De Rosa. Quanto l’ho invidiata (per la fortuna di trovarsi là, non per essere fidanzata con Hikaru 😉

            E sempre ieri mi ha telefonato Santina Caruana, raccontandomi tra le altre cose che lei e suo marito hanno seguito tutta la Sinquefield Cup in compagnia di alcuni parenti qui in Italia (nelle Marche)…. immagino con i festeggiamenti del caso dopo ogni partita.

            Riguardo a un eventuale cambio di federazione da parte di Fabiano non so nulla, ma mi sembra nell’ordine delle cose che trovandosi negli USA festeggiato e coccolato come il papabile-nuovo-Fischer non abbia voluto smentire categoricamente, del resto ha la cittadinanza statunitense né più né meno come ha quella italiana. Credo che sia un nostro limite culturale quello di non riuscire a comprendere (per alcuni a “tollerare”;) questa cosa della doppia cittadinanza, che invece è un fatto normale per milioni di persone.
            Comunque è da una settimana che mi rimbombano in testa le parole scritte da Michele Cordara durante il Camp. italiano Master di Condino: “Se sappiamo ancora fare due più due si capisce perché in Italia lo vediamo raramente e ancora di meno lo vedremo in futuro”. La conclusione di colui che ha organizzato le Olimpiadi di Torino: “Abbiamo quello che ci meritiamo” a cui aggiungerei: “e avremo quello che ci meriteremo”.

  23. avatar
    alfredo 8 Settembre 2014 at 23:03

    L’investimento su Caruana è stato benedetto da uno che un po’ ne capiva
    il compianto Yuri Razuvaiev

  24. avatar
    Mongo 9 Settembre 2014 at 00:22

    A quanto pare il torneo di Saint Louis non è ancora finito. E’ iniziata alle ore 23 la sfida chiamata “Ultimate Moves” dove partecipano i magnifici 6 del torneo (Caruana, Carlsen, Aronian, Nakamura, Topalov e Vachier Lagrave) con in aggiunta i Sinquefield (padre e figlio), Seirawan e Kasparov (si avete letto bene).
    http://www.uschesschamps.com/live
    😎

  25. avatar
    Renato Andreoli 9 Settembre 2014 at 13:21
  26. avatar
    DURRENMATT 9 Settembre 2014 at 15:07

    …ho validi motivi per continuare a sostenere che il Caruana è un problema per il movimento scacchistico italiano. Si racconta (o almeno così racconta il solito “buontempone” in palese conflitto d’interessi e non mi riferisco a Messa) che la FSI in tempi non sospetti ha “scommesso” su Caruana…ma quale? Quello visto alle Olimpiadi o quello visto alla Sinquefield Cup 2014??? Riguardo la lingua Caruana mi ricorda il Ferrarista Schumacher…P.S. Caruana che “armeggia” con l’idioma autoctono non dovrebbe essere una concessione!

    • avatar
      fds 9 Settembre 2014 at 15:22

      Se, come pare, ti riferisci a me che ho scritto di “scommessa”, dovresti spiegare a quale “palese conflitto d’interessi” ti riferisci.

    • avatar
      Roberto Messa 9 Settembre 2014 at 16:38

      Non ho difficoltà ad affermare che sono in palese conflitto di interessi, dato che vivo di scacchi e qualche anno fa ho “scommesso” su Caruana con una sponsorizzazione per me di un certo spessore. Mi sembra giusto che una tantum sia io stesso a metterlo in chiaro, anche se qui credo sia un fatto acquisito, che spero non sia di impedimento al dialogo.

      Riguardo alle Olimpiadi non la vedo allo stesso modo e l’altro ieri a Trieste ho chiesto a Dvirnyy, il campione italiano in carica, che con Caruana ha già partecipato a un paio di Olimpiadi e altro. Evidentemente anche Dvirnyy, che è un professionista, è in conflitto di interessi, ma mi ha detto che in squadra con Fabiano lui e gli altri si trovano perfettamente a loro agio, anche per motivi generazionali, e che Fabiano si è dimostrato più volte “generoso” con la squadra, condividendo alcuni suoi “dossier” su varianti d’apertura.
      A proposito di giovani italiani “che se ne vanno”: Dvirnny e Vocaturo tra pochi giorni prendono casa a Barcellona.
      Non per motivi scacchistici, stando a quel che mi ha spiegato Danyyl – anzi sarà piuttosto scomodo per loro andare e venire per i vari campionati italiani ecc. – ma solo perché preferiscono la Spagna all’Italia come luogo in cui vivere.

    • avatar
      Roberto Messa 9 Settembre 2014 at 19:49

      P.S. mi rendo conto che il mio post di prima restringe la replica alla tua opinione (il “problema” Caruana per il movimento scacchistico italiano) a una, per altro inesistente, questioncella di dinamiche interne a una squadra nazionale.
      Tuttavia non me la sento di affrontarla con tutti gli argomenti del caso, ci vorrebbe troppo tempo e finirei per sembrare un “avvocato d’ufficio”.
      È evidente che ho sempre considerato Caruana un’opportunità e non un problema per gli scacchi italiani. Rispetto l’opinione di chi pensa il contrario, ma resterò della mia anche nel caso Fabiano decida un giorno di traslocare in un’altra Federazione (temo che i fatti successivi dimostrerebbero le mie buone ragioni, ma sarebbe troppo tardi).

      • avatar
        fds 9 Settembre 2014 at 21:55

        > temo che i fatti successivi dimostrerebbero le mie buone ragioni, ma sarebbe troppo tardi

        Eeh? Sarà l’ora tarda, ma mi risulti ermetico 🙂

        • avatar
          Roberto Messa 9 Settembre 2014 at 22:39

          Me meschino… fai conto che mi sia scappato un penoso “io l’avevo detto” anticipato. Nient’altro.
          🙁

  27. avatar
    Roberto Messa 9 Settembre 2014 at 19:54

    Ricevo questo messaggio dall’Ufficio Stampa della FSI. Lo riporto paro paro:

    “Tutti i lunedì l’Istituto Piepoli svolge un sondaggio telefonico attraverso 500 interviste a cittadini italiani maggiorenni – ovviamente il campione è rappresentativo della popolazione italiana – sui temi dell’attualità, della politica e dell’economia. Ebbene, in occasione della vittoria di Caruana nella Sinquefield Cup abbiamo pensato di inserire una paio di domande sull’argomento.
    Il primo dato secondo noi è molto interessante – significa che circa 6 milioni di Italiani adulti hanno in qualche modo sentito parlare della sua performance – mentre il secondo è un po’ un gioco che abbiamo improvvisato sul profilo d’immagine dello scacchista.
    Le invio i risultati del minisondaggio che, se ritiene possano essere utili al movimento scacchistico, può rendere pubblici e far pubblicare.

    D26. Recentemente l’italoamericano 22enne Fabiano Caruana ha vinto un supertorneo di scacchi tenutosi a Saint Louis, battendo tutti i più forti scacchisti del mondo. Lei aveva sentito parlare di questa vittoria?
    SI- 12%
    NO – 88%

    D27. A suo avviso, praticare il gioco degli scacchi è una attività…..
    Che si addice a persone con un’intelligenza sopra la media – 36%
    Praticata da persone solitarie e riflessive – 35%
    Che sarebbe meglio sostituire con della sana attività fisica – 12%
    (senza opinione) – 17%

    http://www.istitutopiepoli.it

    • avatar
      Marramaquis 9 Settembre 2014 at 22:09

      Roberto, lasciami dire che sono sbalordito da questo sondaggio. Ma non dalle risposte: dalle domande! Grazie comunque di avercelo fatto conoscere. Spero di poter tornare presto sull’argomento.

      • avatar
        Zenone 10 Settembre 2014 at 13:19

        Per quanto possa essere utile alla discussione, vorrei proporre la mia esperienza.
        Ieri sera riunione di circolo per parlare dell’organizzazione di un evento futuro. Una decina di benemeriti soci. Il Circolo ha sede in una struttura dove è presente un distaccamento di Vigili Urbani. Vedendo la luce accesa nella sala due vigili sono entrati e, conoscendoli, ci siamo brevemente messi a parlare. Ebbene, uno dei due, che non sa giocare a scacchi e non ne conosce alcun aspetto, ha fatto esplicito riferimento a Caruana e alle sue ultime vittorie. Addirittura ha parlato del posizionamento delle sue (di Caruana) torri (!).
        Fino a ieri sera, chi incontravo ed era a digiuno del nostro gioco, faceva i nomi di Fischer o, al massimo, di Kasparov…ma Caruana era la prima volta che lo sentivo. La sua vittoria strabiliante, comunque la si pensi, è stata pubblicizzata dagli organi di stampa ed ha attirato l’attenzione di molta parte dell’opinione pubblica, anche se si trattava di una curiosità.
        Credo che il fenomeno Caruana sia un’opportunità di espansione della conoscenza del gioco e, soprattutto, di avvicinamento dei giovani agli scacchi…un ragazzo è senz’altro un personaggio più interessante che un vecchio ponzatore qualsiasi. E’ il richiamo alto che può servire ad aumentare la base, che è alla base dei miglioramenti reali di qualsiasi movimento.
        Però, come sappiamo, questi momenti di celebrità del nostro gioco vanno saputi prendere al volo da chi gestisce il movimento stesso, per far diventare Caruana un personaggio utile agli scacchi in Italia; certo la conoscenza approfondita della lingua aiuterebbe in fatto di simpatia.
        Se dovesse capitare che il nostro Caruana mantenesse un livello così alto di risultati o addirittura potesse competere per il campionato del Mondo, sono sicuro che la sua persona diventerebbe oggetto d’interesse ancora maggiore e per un ancor più vasto pubblico.
        Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO Locco.Ro

DISCLAIMER: I responsabili del blog cancelleranno immediatamente e di propria insindacabile iniziativa qualsiasi intervento che giudicheranno possa recare offesa a chiunque. Non sono tollerati gli attacchi personali, né le offese indirette rivolte a terzi. Oltre ai commenti offensivi, per non generare confusione, verranno cancellate anche le eventuali repliche. L'indirizzo IP del mittente, se necessario verrà segnalato alla Polizia Postale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il Grau per il terzo millennio

Torre & Cavallo - Scacco!

Massimiliano ROMI - Scacchista istriano

In presa alta

La Difesa dei Due Cavalli

Il pellegrino spagnolo

La seconda porta

Porto Mannu R.H.

Porto Mannu Residence Hotel

Sempre più vicino

Azzurri in diretta

Azzurri in Diretta

Chianciano, 80 Campionato Italiano

    • 14 – 22 novembre 2020, h. 15:00

Gli ultimi commenti

Live rating

2700chess.com per tutti i dettagli e la lista completa

Chess book reviews

Le recensioni di SoloScacchi