Crea sito

Losing my religion

Scritto da:  | 25 giugno 2017 | 17 Commenti | Categoria: C'era una volta, Personaggi, Stranieri

XIV. Schacholympiade in Leipzig

Olimpiadi di Lipsia, 1960: Corvin Radovici ha appena giocato 15.Cf5: William e Bobby riflettono concentrati…

radovicilombardy

Era evaso dal Bronx grazie agli scacchi, era salito sul tetto del mondo degli under 20, sbaragliando tutti con un en plein da record imbattibile, il futuro sembrava benevolo nei confronti del giovane Bill, se sulla sua strada non fosse arrivato l’uragano Bobby Fischer.
Fu inevitabile il sorpasso, retrocedere in seconda linea, da Mozart a Salieri, per cui le pallide Inglesi di William Lombardy non tenevano il passo delle abbaglianti Siciliane del virgulto di Brooklyn, nato direttamente dalla testa di Zeus, come ebbe a dire Jack Collins, che meglio di tutti conosceva i due campioni che aveva cresciuto.
Il garrone mezzo sangue italiano (non basta una “y” finale per cambiare radici) scelse allora l’università, gli studi teologici, un abito talare indosso con la carriera scacchistica scivolata tra parentesi. Quando però Bobby chiamò per il match del secolo, fu ben felice di sostituire Larry Evans in quel di Reykjavik.
Perdere la fede nella religione è un travaglio che si traduce in un amen, ma l’antico credo degli scacchi è una liturgia che William Lombardy non ha mai dimenticato. Anche oggi che la giustizia americana lo ha messo alla porta per presunti affitti non pagati. (dal mio libro “Frammenti in Bianco e Nero”, edizioni Ediscere)

lombardy-09

lombardy-01Contro Bobby a Montecarlo nel 1967

lombardy-06 lombardy-05 lombardy-08 lombardy-07lombardy-02William Lombardy oggi

separator4

avatar Scritto da: Riccardo Del Dotto (Qui gli altri suoi articoli)


17 Commenti a Losing my religion

  1. avatar
    alfredo 25 giugno 2017 at 08:38

    Io ho ricordo una foto di Montecarlo 67 con un ” set ben diverso”
    cerchero’ di trovarla
    partita molto interessante .




    0
  2. avatar
    fabrizio 25 giugno 2017 at 08:45

    Bellissimo ritratto scacchistico (e non solo) di un personaggio minore (ma non troppo!) del mondo scacchistico che fu.




    0
    • avatar
      alfredo 26 giugno 2017 at 21:48

      basta vedere la sua partita contro quinteros a manila nel 73 per capire che tanto minore non fu .
      fu sempre il ” secondo ” di Bobby nel match del 72 anche se sembra che Fischer non chiese mai un suo pare ( si rivolse una volta a Kavalek)
      anche sull’aerreo che riporta Bobby l’accompagnatore ufficiale di Bobby sembra essere Quinteros che solleva la coppa
      Dispace vederlo cosi’
      Su di lui mi racconto’ un interessante aneddoto Palladino
      Le sue origini favorirono il contatto di Palladino con Fischer che era molto interessato alla mafia ( appassionato anche di film sul tema)

      e’ brutto vederne la decadenza anche fisica .




      1
      • avatar
        Chess 26 giugno 2017 at 22:57

        E’ semplicemente invecchiato.




        1
        • avatar
          Roberto Messa 27 giugno 2017 at 09:37

          E’ semplicemente invecchiato o il carrello che ha davanti a sé è praticamente la sua “casa”? Nei telefilm americani i senzatetto metropolitani vengono spesso rappresentati con un inseparabile “carrello-casa”




          1
          • avatar
            alfredo 27 giugno 2017 at 13:58

            invecchiato male
            come molto scacchisti purtroppo




            0
          • avatar
            Chess 27 giugno 2017 at 22:20

            Speriamo che non sia la casa, sarebbe una cosa molto triste.




            0
  3. avatar
    Fabio Lotti 25 giugno 2017 at 09:04

    Ottimo, come al solito. Un saluto a tutta la famiglia.




    0
  4. avatar
    DURRENMATT 25 giugno 2017 at 11:43

    …nel mediocre “Pawn Sacrifice” salvo solo Peter Sarsgaard che interpreta un William Lombardy versione “Alfred” di Batman. Ci sarebbe molto altro su William.




    0
    • avatar
      The dark side of the moon 25 giugno 2017 at 20:28

      Bene, continua allora che la storia è interessante.




      0
  5. avatar
    Chess 25 giugno 2017 at 16:12

    Bellissimo ritratto! Articoli così, sono meravigliosi!




    1
  6. avatar
    Luigi O. 25 giugno 2017 at 20:42

    Complimenti, davvero gradevole.
    Luigi.




    0
  7. avatar
    Mongo 27 giugno 2017 at 00:16

    articolo e foto notevoli. ;)




    0
  8. avatar
    Enrico Cecchelli 27 giugno 2017 at 00:41

    Molto bello e ben fatto! Congratulazioni.




    0
  9. avatar
    alfredo 27 giugno 2017 at 14:11

    Nella quarta foto chi sono i giocatori :
    io riconosco
    Lombardy Evans Kavalek e Robert Byrne
    Nizza 74 ?
    cosi’ fosse mancherebbero Tarjan e Browne
    qualcuno puo’ illuniarmi ?




    0
  10. avatar
    Roberto Messa 27 giugno 2017 at 14:14

    Proprio oggi, dovendo controllare una cosa in un reportage di Tatai pubblicato su Tuttoscacchi n. 8 (dicembre 1973), mi sono imbattuto in questa fulminante vittoria di Lombardy su Quinteros:

    http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1092822

    Il torneo in questione – per quell’epoca un “super-torneo” – è Manila 1973, dove Tatai vinse con Kavalek, Najdorf e Gheorghiu.




    0
    • avatar
      Roberto Messa 27 giugno 2017 at 14:21

      Poi mi accorgo (sempre in quella che fu la prima rivista italiana distribuita nelle edicole), che nella cronaca del torneo filippino Tatai scrisse: “L’americano, vincitore del premio di 1.000 dollari per la partita più brillante, ricompare dopo un’assenza di due anni dalla scena dei tornei internazionali, ma la sua prestazione conferma la sua forza.”




      0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO

DISCLAIMER: I responsabili del blog cancelleranno immediatamente e di propria insindacabile iniziativa qualsiasi intervento che giudicheranno possa recare offesa a chiunque. Non sono tollerati gli attacchi personali, né le offese indirette rivolte a terzi. Oltre ai commenti offensivi, per non generare confusione, verranno cancellate anche le eventuali repliche. L'indirizzo IP del mittente, se necessario verrà segnalato alla Polizia Postale.

Torre & Cavallo - Scacco!

Sempre più vicino
What it Takes to Become a Grandmaster
Fabulous Fabiano

Tornei in evidenza

Tornei in evidenza
Arvier – IV Open Grand Paradis

  • (30 Luglio – 5 Agosto 2017)

 

Capri – III Open Internazionale

  • (26 – 29 Ottobre 2017)

Azzurri in diretta

Azzurri in Diretta
Semifinali Camp.to Italiano

    • 15 – 23 luglio, h. 15:30
    • (Moroni, Basso, Bruno, Bellia, Gilevych, Genocchio, Borgo, Pescatore, Sarno, etc.)

Gli ultimi commenti

Live rating

2700chess.com per tutti i dettagli

i pezzi di ricambio online

http://www.tuttoautoricambi.it/