Crea sito

Goodbye Mr. Moles

Scritto da:  | 23 gennaio 2017 | 7 Commenti | Categoria: C'era una volta, Personaggi, Stranieri

john-moles-06Tempo fa un collega mi manda, per un’eventuale pubblicazione sulla rivista specialistica che dirigo (Méthexis), un articolo dedicato alla memoria di uno studioso che non conoscevo (anche perché i suoi ambiti di ricerca sono piuttosto distanti dai miei). john-moles-05Il suo nome è John Moles: irlandese, professore di Latino all’Università di Newcastle, si è spento all’improvviso mentre lavorava in biblioteca, all’età ormai non più veneranda di 65 anni. Bene, quale non fu la mia sorpresa nel leggere le seguenti righe, in cui parla della

Moles’ extraordinary ability as chess-player (he twice became Ulster Chess Champion, he was Irish Champion in 1966 and 1971, and twice a member of the Olympiad Team),

e del fatto che

his first two books were devoted to theoretical problems of chess-playing, namely The French Defence Main Line Winawer (1975) and French Winawer: Modern and Auxiliary Lines (1979), with K. Wicker.

Insomma, è imperdonabile, mi sono detto: non lo conoscevo né come studioso né come scacchista; e dunque l’ho colpevolmente omesso nella piccola lista, dedicata a “scacchisti e cultura classica”, che ho provato a stilare in un pezzo pubblicato su SoloScacchi un po’ di tempo fa (Fondation Hardt). Qui voglio solo fare ammenda di quella omissione, ricordando che Moles ebbe una carriera abbastanza brillante ma molto breve: verso la metà degli anni ’70 abbandonò definitivamente il gioco, e non lo riprese mai più, nonostante le numerose pressioni ricevute. Ben si capisce dunque perché buona parte delle sue partite che si trovano in rete riguadino la sua attività nei tornei giovanili, a partire dalla metà degli anni ’60 (fu a Groeningen, al campionato europeo under 21, nel 1966, esattamente dieci anni prima di me). Ebbe anche modo, in una di queste occasioni, di battere uno Jan Timman poco più che bambino (15 anni, mentre Moles ne aveva 17) e poi…

…alle Olipiadi di Siegen del 1970, di batter un Enrico Paoli molto più che bambino (62 anni, mentre Moles ne aveva 21).

C’è una foto, sempre in internet, che lo ritrae magro, e forse anche slanciato, con una folta capigliatura rossa, in palese contrasto con la testa calva e il profilo pingue che mostra nelle sue fotografie più recenti: l’una sembra ritrarre, simbolicamente, “lo scacchista”; le altre, lo studioso.

john-moles-01 john-moles-03Tutti i resoconti che ho letto dicono che Moles era una persona originale, ma anche molto simpatica e gioviale (pare che abbia speso i diritti dei suoi due libri di scacchi per comprare del buon vino, di cui era un esperto conoscitore), oltre che un insegnante e uno studioso profondamente appassionato del suo lavoro.
R.i.p.

avatar Scritto da: FM Franco Trabattoni (Qui gli altri suoi articoli)


7 Commenti a Goodbye Mr. Moles

  1. avatar
    Dino 23 gennaio 2017 at 00:53

    Un sito decisamente ad altissima “densità culturale”: ho sommariamente contato in homepage quattro illustri professori universitari più uno delle superiori, un medico, un GM, tre MI, tre FM, per non parlare di tutti gli altri ;)




    1
  2. avatar
    Jas Fasola 23 gennaio 2017 at 09:44

    Ho studiato la francese Winawer su uno dei libri di Moles. Spiace davvero.




    0
  3. avatar
    Giancarlo Castiglioni 23 gennaio 2017 at 13:01

    Càpita ogni tanto di avere sorprese di questo tipo, di scoprire che una persona conosciuta casualmente ha un passato scacchistico non trascurabile.
    Mi è successo con qualche collega di lavoro e con un mio consuocero che aveva partecipato a qualche torneo sociale in gioventù.
    Il caso che mi aveva meravigliato di più era un pittore, professore a Brera, amico di miei amici; la prima volta che andai a casa sua negli anni ’70 vidi subito che aveva una decina di Informatori in bella vista su uno scaffale.
    Non doveva essere proprio alle prime armi!
    Poi ci sono casi come Moles, giocatori molto forti a livello magistrale ed oltre che ancora molto giovani hanno abbandonato completamente gli scacchi per dedicarsi ad altre cose.
    Mi viene il dubbio che sarebbe stato meglio se nel mio piccolo lo avessi fatto anch’io.




    1
  4. avatar
    Enrico Cecchelli 23 gennaio 2017 at 17:41

    Complimenti per l’articolo. Non conoscevo questo scacchista. Grazie di avercelo presentato.




    0
  5. avatar
    fabrizio 23 gennaio 2017 at 19:48

    Niente male il livello delle partite di Moles, considerata la sua età e i tempi. Giocare ad un livello magistrale a meno di venti anni non era così frequente come oggi.




    0
  6. avatar
    Tristano 23 gennaio 2017 at 19:55

    Non lo sapevo neanch’io. E quanto mi sarebbe piaciuto saperlo, quando, decenni fa, i suoi due libri sulla Winawer (o Winima, come curiosamente la chiamava Paoli) erano costante oggetto di studio sulla mia scrivania! Grazie, Franco.




    1
  7. avatar
    Barrie 26 gennaio 2017 at 22:40

    There’s a difference between saying good bye and letting go. Saying good bye is “I’ll see you again when I’m ready to hold your hand, and when you’re ready to hold mine.” Letting go is “I’ll miss your hand. But I realized it’s not mine to hold, and I will never hold it again”




    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO

DISCLAIMER: I responsabili del blog cancelleranno immediatamente e di propria insindacabile iniziativa qualsiasi intervento che giudicheranno possa recare offesa a chiunque. Non sono tollerati gli attacchi personali, né le offese indirette rivolte a terzi. Oltre ai commenti offensivi, per non generare confusione, verranno cancellate anche le eventuali repliche. L'indirizzo IP del mittente, se necessario verrà segnalato alla Polizia Postale.

Torre & Cavallo - Scacco!
Sempre più vicino
What it Takes to Become a Grandmaster
Fabulous Fabiano

Tornei in evidenza

Tornei in evidenza

Azzurri in diretta

Azzurri in Diretta
    Porto Mannu
  • 3 - 10 giugno, h. 15:00
  • (Brunello S., Rambaldi, Mantovani, Martorelli, De Rosa, Santeramo, etc.)

Gli ultimi commenti

Live rating

2700chess.com per tutti i dettagli

i pezzi di ricambio online

http://www.tuttoautoricambi.it/