Crea sito

La fine della sfida

Scritto da:  | 22 settembre 2017 | 4 Commenti | Categoria: Racconti

In un istante, gli anni, mi sono arrivati addosso. Non avevano la forma piatta di una lastra pesante; erano a forma di cuneo.
Ciò che mi premeva contro era il vertice in cui, tonnellate di dolore, si accumulavano e mi spaccavano la schiena.
Il dolore degli anni sprecati, il dolore degli anni perduti, il dolore degli anni che, sapevo già, sarebbero stati persi.
Mentre quel cuneo, pesante, mi trafiggeva, cominciò a tremarmi la mano e tutto il tabacco che stavo rivestendo con la cartina fu di colpo disperso sul pavimento.
Fu allora, mentre ancora cercavo di fermare il tremore, che ripensai al Professore; il ricordo di quel giorno che, per un poco, cambiò la vita di tutti.
La mano del Professore tremava, mentre, tra i nostri sguardi attenti, afferrava la Regina e la portava a mangiare il Cavallo dello Slavo.
Lo Slavo appariva sicuro, era convinto di avere la partita in pugno e tutti gli stranieri del secondo raggio assorbivano la sua sicurezza in una posa che pareva anticipare il trionfo annunciato.
Noi guardavamo il Professore; continuava ad aggiustarsi gli occhiali come se potessero fargli vedere meglio la posizione; come se le lenti nascondessero ai suoi occhi la verità della mossa migliore.
Poi alzò leggermente la testa e distolse lo sguardo dalla scacchiera, si fermò in un interminabile respiro e cominciò ad avvicinare la mano alla Regina.
La mano, tremante, prese il pezzo, lo mise sulla casella del Cavallo dello Slavo e mentre pollice indice e medio reggevano la Regina, con il mignolo e l’anulare il Professore tolse il Cavallo nero e lo appoggiò a lato della scacchiera.
Quei pochi di noi che sapevano le regole degli scacchi pensarono che il Professore fosse davvero ormai sfinito: ora la Torre dello Slavo poteva mangiare la Regina del Professore dando al nero un vantaggio decisivo.
La Slavo però frenò l’impulso con cui stava per mangiarsi la Regina del Professore, appoggiò le mani sulle tempie e cominciò a pensare.
Anche la sicurezza degli stranieri pareva di colpo ridimensionata: se lo slavo non mangia subito la Regina deve esserci qualcosa che ci sfugge, pensavano.
Qualcosa infatti c’era; qualcosa che era sfuggita a tutti e che invece aveva mosso la mano tremante del Professore ad eseguire il più spettacolare sacrifico di Regina che mi fosse mai capitato di vedere.
Lo Slavo, dopo averci pensato su almeno cinque pesanti minuti, mangiò la Regina. Aveva però capito, lo si vedeva, che il suo destino era segnato. Il Professore, con la mano che ormai non tremava più, diede scacco d’Alfiere, lo Slavo sposto il Re nell’unica casa disponibile e a quel punto, come se non fosse più la sua mano ma la forza di un destino ineluttabile, il Professore mosse il Cavallo e diede Scacco Matto.
Lo Slavo strinse la mano all’avversario e senza dire una parola si avvio verso la sua cella. Gli stranieri, a uno a uno, posarono i pacchetti di sigarette della scommessa perduta sul tavolo e, increduli, uscirono in fila dalla sala comune.
Restammo noi a guardare il Professore, aveva ricominciato a tremare e sembrava non avesse nemmeno la forza di rialzarsi.
Poi il Napoletano ruppe il ghiaccio: “Prufesso’, t’aggio ditto io ch’a scacchi nun te puteva battere nisciuno!”.
Il Professore lasciò che lo sguardo si sfuocasse in un sorriso e gli disse: “Napoletano, tutto può succedere negli scacchi, ti sembrerà strano ma gli scacchi non sono bianchi e neri, sono grigi; quando tu credi di avere in mano i pezzi che vincono può accadere che di colpo siano quelli dell’altro a finire nelle giuste case. Oggi è successo ai nostri pezzi, domani potrebbe essere il contrario. E anche la nostra vita, che oggi ci pare affidata a pezzi destinati a perdere, domani, senza che noi lo prevediamo, potrebbe finire nella casa giusta per dare scacco matto. Ora prendete i pacchetti di sigarette e dividetele, lasciatemene un po’ e andate via, i momenti belli vanno vissuti da soli”.
Quel ricordo, in modo improvviso, mi ridiede la forza di continuare; il dolore degli anni si trasformò, da quel duro e aguzzo cuneo che mi trafiggeva, in una gelatina fresca che avvolgeva il mio corpo e gli ridava vigore.
Ricominciai a fare le sigarette senza che un solo filo di tabacco sfuggisse al rapido arrotolamento della cartina.
Per la seconda volta così fui grato al Professore: per quel poco, per quel niente, per quella forza di credere che il destino non ha un colore solo; ha tante sfumature: a seconda dell’angolo con cui lo guardiamo può apparire bianco o nero mentre lo vediamo posarsi nella casella che darà lo scacco matto.

avatar Scritto da: FM Loris Cereda (Qui gli altri suoi articoli)


4 Commenti a La fine della sfida

  1. avatar
    Luca Monti 24 settembre 2017 at 08:52

    Un saluto all’autore che non ricordo di avere mai visto prima. Benvenuto nella famiglia di SoloScacchi!




    2
  2. avatar
    Loris Cereda 24 settembre 2017 at 10:30

    Grazie contraccambio




    0
  3. avatar
    Uomo delle valli 24 settembre 2017 at 10:34

    Bel racconto davvero, mi sono emozionato. Desidero anche io che ne seguano altri ancora altrettanto belli.




    0
  4. avatar
    Zenone 29 settembre 2017 at 16:28

    Un racconto su “un uomo solo” ma che riguarda tutti noi.
    Bello!




    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO

DISCLAIMER: I responsabili del blog cancelleranno immediatamente e di propria insindacabile iniziativa qualsiasi intervento che giudicheranno possa recare offesa a chiunque. Non sono tollerati gli attacchi personali, né le offese indirette rivolte a terzi. Oltre ai commenti offensivi, per non generare confusione, verranno cancellate anche le eventuali repliche. L'indirizzo IP del mittente, se necessario verrà segnalato alla Polizia Postale.

Torre & Cavallo - Scacco!

Porto Mannu R.H.

Porto Mannu Residence Hotel

Understanding the Sicilian

Sempre più vicino

A to Z Chess Tactics

Fabulous Fabiano

Azzurri in diretta

Azzurri in Diretta
Cosenza, CIA 2017

    • 29 novembre – 10 dicembre, h. 10:00
    • (Godena, David, Moroni, Stella, Valsecchi, Sonis, Brunello, Gilevych, Genocchio, Garcia Palermo, Dvirnyy)


Roma Città Aperta

    • 3 – 10 dicembre, h. 16:30
    • (Sibilio, Corvi, Landi, Pitzanti, Martorelli, Ferretti, etc.)

Gli ultimi commenti

Live rating

2700chess.com per tutti i dettagli

Chess book reviews

Le recensioni di SoloScacchi