Crea sito

Iemo e Maria

Scritto da:  | 29 aprile 2018 | 5 Commenti | Categoria: C'era una volta

Due del popolo: pieni di umanità.
Lei casalinga a badare ai quattro figli, lui a cercare lavoro all’alba, in stazione ferroviaria, con altri appartenenti a una carovana facchini che provvedeva al carico e scarico manuale di merci dai vagoni ferroviari.
Lavoro di fatica di braccia e schiena, ai limiti della sopportazione.
Si perché a quel tempo non erano in uso carrelli elevatori o gru o altri macchinari mobili da impiegare per alleviare la fatica umana in quei lavori.
Col tempo, Iemo s’era ingobbito per reazione agli sforzi quotidiani che il lavoro svolto imponeva ma i suoi tratti del viso conservavano la primitiva dolcezza e segnali indubbi di bontà d’animo.
Maria non gli era da meno.
Cresceva i figli all’“onor del mondo” come si usava dire a quel tempo e ne veniva ripagata con tanto amore e affetto.
Il prediletto era Pietro, nato nel 1926. Alto, bello, biondo con occhi neri.
Maria se lo mangiava con gli occhi e Iemo si sentiva pago dei suoi sacrifici per tanto figlio.
Nel 1944, al compimento dei 18 anni, si presentò per Pietro il dilemma se rispondere o no alla chiamata di leva della Repubblica di Salò.
Scelse di fare il partigiano in una Brigata Garibaldi del parmense.
Prese quindi parte a diverse azioni di guerriglia.
Una andò male e Pietro fu preso e condotto in una caserma del parmense, ove fu giustiziato perché “catturato con arma in pugno”.
E adesso chi glielo andava a dire a Maria e Iemo che il loro adorato Pietro non c’era più?
Pure lo seppero, come era ineluttabile. E la loro reazione fu dignitosa e commovente.
La fede nella Causa per la libertà rimase salda e vollero conoscere a suo tempo i compagni di lotta per la Liberazione più fortunati del proprio figlio e Maria in ognuno di essi rivedeva qualche tratto di fisionomia a lui rassomigliante e lo faceva notare ai presenti, soprattutto alle proprie figlie per averne conforto. Per Maria un pò del suo Pietro rimaneva nei superstiti compagni di lotta… e dunque a lei…
Ora a Pietro è intestato un borgo popolano e quando ci passo, mi sovviene di Maria che anche in me, vide qualcosa del suo Pietro quando, a liberazione avvenuta, andai a far visita alla famiglia.
Cose che non si dimenticano.

avatar Scritto da: Antonio Pipitone (Qui gli altri suoi articoli)


5 Commenti a Iemo e Maria

  1. avatar
    fabrizio 29 aprile 2018 at 14:21

    Semplice e commovente. Grazie Antonio, mille volte grazie.

  2. avatar
    Fabio Lotti 29 aprile 2018 at 15:34

    Mi unisco ai ringraziamenti di Alfredo.

    • avatar
      Antonio 29 aprile 2018 at 16:34

      Grazie a voi per l’apprezzamento.

      1
  3. avatar
    Antonio 29 aprile 2018 at 16:35
  4. avatar
    The dark side of the moon 30 aprile 2018 at 15:16

    Una lezione di vita.
    E pensare che qualche cretino, a distanza di tanto tempo, continua a dire che i morti sono tutti uguali….
    Vorrei che queste storie fossero raccontate più spesso, “il sonno della ragione crea mostri” e di mostri ne sono cresciuti fin troppi.
    Caro Pipitone, continui a scrivere questi testi perché forse magari qualcuno avrà voglia di informarsi e recuperare quella memoria storica su cui la Costituzione è stata fondata.
    Domani giusto appunto è il 1 Maggio che NON è solo una giornata (tempo permettendo) per fare gita fuori porta.

    3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO

DISCLAIMER: I responsabili del blog cancelleranno immediatamente e di propria insindacabile iniziativa qualsiasi intervento che giudicheranno possa recare offesa a chiunque. Non sono tollerati gli attacchi personali, né le offese indirette rivolte a terzi. Oltre ai commenti offensivi, per non generare confusione, verranno cancellate anche le eventuali repliche. L'indirizzo IP del mittente, se necessario verrà segnalato alla Polizia Postale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torre & Cavallo - Scacco!

Nezhmetdinov – lezioni di fantasmagoria scacchistica dalle partite di un genio del gioco d’attacco

Porto Mannu R.H.

Porto Mannu Residence Hotel

Understanding the Sicilian

Sempre più vicino

A to Z Chess Tactics

Fabulous Fabiano

Azzurri in diretta

Azzurri in Diretta
Cosenza, CIA 2017

    • 29 novembre – 10 dicembre, h. 10:00
    • (Godena, David, Moroni, Stella, Valsecchi, Sonis, Brunello, Gilevych, Genocchio, Garcia Palermo, Dvirnyy)


Roma Città Aperta

    • 3 – 10 dicembre, h. 16:30
    • (Sibilio, Corvi, Landi, Pitzanti, Martorelli, Ferretti, etc.)

Gli ultimi commenti

Live rating

2700chess.com per tutti i dettagli

Chess book reviews

Le recensioni di SoloScacchi