Crea sito

L’ape

Scritto da:  | 23 Aprile 2020 | 12 Commenti | Categoria: Cultura e dintorni, Racconti

Si fermò, easusto, dopo aver messo piede sul pianerottolo. Si tolse la giacca, ansimando un po’. Prese il fazzoletto dalla tasca per asciugarsi il sudore sulla fronte, poi guardò il suo amico e collega, ancora molti gradini in basso, una rampa intera.
“Dimmi, mio caro amico” gridò dall’alto l’ispettore di polizia ” Chi farebbe tutte queste scale per venire a trovare il proprio carnefice?”
Il poliziotto sostò a metà scalinata, guardò il suo superiore con aria stupita, non riusciva mai a capire se le sue domande fossero serie oppure solo facezie che rallegrassero il loro tristo mestiere.
“Forse” rispose alla fine della sua breve pausa interrogativa “qualcuno a cui la lotta con il proprio destino non ha mai messo paura!”
L’ispettore, frattanto, ripose il fazzoletto nella tasca della giacca e mise la stessa sulle bretelle azzurre e la camicia bianca. Si strinse, infine, nelle spalle e sorrise.
“Elementare Watson! Elementare!”
Quando il suo Watson lo raggiunse sul pianerottolo, davanti alla porta in noce massello, l’ispettore, prendendo il suo taccuino in fodera di pelle, bussò una e due volte.
“Ah, finalmente! Siete arrivati, non sapevo più cosa fare!”
Ad accoglierli c’era un appena giovane uomo: magro, in giacca e cravatta, dai tratti caucasici, due occhi determinati in un corpo esile, si direbbe addirittura flebile.
“Perché, cosa ha fatto? O cos’altro voleva fare prima del nostro arrivo?”
“Nulla…Io… Ecco…”
“Non se ne curi, signore. Il mio collega è sempre diffidente. Si sieda, e si calmi. Ci lasci lavorare, adesso, ritorneremo da lei al più presto.”
Il proprietario dell’appartamento si fece appena da parte e, cadendo mollemente su una sedia, apparsa quasi per magia, indicò la direzione ai due agenti.
La luce del sole mattutino, in soggiorno, si infrangeva contro le vetrate di una oblunga ed ampia finestra, allungando le ombre sul tavolo al centro. A prima vista la bellezza delle figure sulla scacchiera, che rifletteva la luce, distoglieva lo sguardo da altro. L’altro erano due braccia conserte sul tavolo, un capo reclinato ed appoggiato su di esse, un corpo immoto seduto. Se non ci fossero stati quei due estranei a fissare la scena, sarebbe stato soltanto il pisolino di un uomo stanco o insonne.
L’uomo era morto, invece, come aveva segnalato al telefono l’uomo che li aveva accolti. All’improvviso, si era accasciato in quella posa, senza alcun motivo apparente. I due uomini si avvicinarono, osservando minuziosamente i dettagli della scena. Cercavano, presumibilmente, indizi di quel che fosse realmente accaduto in quella stanza, sebbene sospettare di quel volto emaciato nel corridoio era alquanto improbabile.
“Guardi, ispettore! Si avvicini, la riconsce?”
“Sembra una Ben-Oni! Partita difficile e bella a quanto pare. Ma non gode di molta popolarità.”
“Ispettore!”
“Che c’è! Non parlavi della posizione?”
“Certo, come no! Non credo questo sia il momento. Piuttosto, guardi, credo di avere trovato il motivo del sonno del nostro amico”
“Cos’è?”
“Un’ape, ispettore, proprio vicino all’orecchio. Doveva essere allergico e al sua partita è finita prima del previsto”
Dopo poche altre ed esaustive domande, che sembravano confermare del tutto i sospetti dei due agenti, il proprietario di casa fu lasciato solo. Data l’assenza di qualunque indizio di omicidio, si sarebbe occupato lui del corpo e della sepoltura.
“Mi dispiace, James!” disse l’uomo entrando in soggiorno e avvicinandosi alla finestra ” Non era mia intenzione, sai. Ogni maledetta sera mi vieni a trovare con quella tua insaziabile voglia di giocare una partita. Ogni maledetta sera è una nuova occasione per me di batterti sulla scacchiera, di potermi sentire il Campione vero, colui che ha riportato il Titolo a Casa. Ci sei tu, però! Ci sei sempre stato tu, James, tra me e quel Titolo!
Stanotte, finalmente, eri in difficoltà, ti avevo schiacciato ed avevo la partita in pugno. Avrei sicuramente vinto, James! Avrei vinto, se quella maledetta ape non si fosse posata sul tuo Alfiere in finachetto. Maledetta! ha persino passeggiato sulla scacchiera suggerendoti la mossa vincente!
Mi dispiace, James! Questa volta dovevo assolutamente vincere io!”
Alla luce della finestra, mentre i due agenti attraversavano la strada, l’uomo posò uno stiletto sul mobile accanto. Compose un numero telefonico. Attese qualche minuto.
“Sì, sono io: Anatolij. Venitelo a prendere. Ora, sono soltanto io il Campione!”

avatar Scritto da: Necingerunus (Qui gli altri suoi articoli)


12 Commenti a L’ape

  1. avatar
    Uomo delle valli 23 Aprile 2020 at 21:00

    Originale, intrigante, innovativo! ;)

  2. avatar
    Fabio Lotti 24 Aprile 2020 at 09:32

    Una domanda chiarificatrice all’autore. Nel testo leggo “L’uomo era morto, invece, come aveva segnalato al telefono l’uomo che li aveva accolti. All’improvviso, si era accasciato in quella posa, senza alcun motivo apparente.” In questo caso mi pare che nella realtà si chiami subito il dottore o l’ospedale, non la polizia. Però ci sta che abbia capito male e, comunque, ben vengano i racconti.

  3. avatar
    Angelo Paglia 24 Aprile 2020 at 13:48

    Se è per quello nella realtà è alquanto impossibile che due soli poliziotti arrivino sulla scena del crimine e ne escano soltanto con alcune domande. Il racconto è pura finzione quindi sta al lettore in ‘quest’ambiente’ trovare le ragioni ‘logiche’ degli omissis o dimenticanze dello scrittore.

  4. avatar
    fabrizio 24 Aprile 2020 at 14:27

    Peccato che non sia mai stato fatto, nella realtà, il match Fischer-Karpov!

    • avatar
      Bayes 24 Aprile 2020 at 15:00

      peccato?!? dai, Fabrizio: la magia è quella. E così ci hanno “guadagnato” entrambi ;)

  5. avatar
    Hugo 24 Aprile 2020 at 15:43

    Ecco la classifica di quelli che, per me, sono i 10 più bei match di campionato del mondo che non si sono MAI disputati:

    1. Fischer-Karpov
    2. Alekhine-Capablanca (la rivincita)
    3. Kasparov-Carlsen
    4. Carlsen-Kramnik
    5. Alekhine-Lasker
    6. Capablanca-Botvinnik
    7. Fischer-Tal
    8. Fischer-Kortchnoj
    9. Tal-Stein
    10. Alekhine-Nimzowitsch

    • avatar
      Hugo 24 Aprile 2020 at 16:16

      Dimenticavo: complimenti a Necingerunus per il bel racconto. Francamente trovo insignificante per chi legge sapere se è stato chiamato prima l’ospedale, la polizia, il dottore o il veterinario. E’ il quadro d’assieme ciò che conta, e a me, ripeto, è piaciuto.

      1
    • avatar
      Mongo 24 Aprile 2020 at 17:21

      D’accordo sui primi tre e sul numero 8.
      Aggiungo un Korchnoj – Kasparov e un Botvinnik – Bronstejn (visto che il loro match finì in parità).

      • avatar
        Hugo 24 Aprile 2020 at 17:35

        Korchnoj – Kasparov mi pare che ci sia stato. Korchnoj vinse forse una partita, poi un tiro a segno per Kasparov avviato, vento in poppa, alla prima sfida con Karpov in quell’interminabile match del 1985.

        • avatar
          Hugo 24 Aprile 2020 at 17:40

          Non ricordo il punteggio esatto ma la sensazione di tutti era che Korhnoj fosse già avviato verso il declino mentre Kasparov prepotentemente in corsa verso i primi successi, di fatto non ci fu praticamente storia.
          Più simpatia suscitò in quel ciclo dei Candidati la figura del vecchio Smyslov.

      • avatar
        Luca Monti 24 Aprile 2020 at 18:43

        Ciao grande Mongo!
        Anche Lasker – Rubinstein precedente al primo conflitto e Steinitz vs. Morphy non sarebbero stati male. Ma la Storia dell’Umanità è colma di occasioni perdute, non solo quella degli scacchi.Comunque intrigante anche il racconto del Necingeremus.

        1
        • avatar
          Hugo 24 Aprile 2020 at 19:07

          Orpo! La Lasker-Rubinstein! Come no? Me la sono troppo dimenticata! A che posto la inseriamo? Al terzo? Al secondo??
          Grazie Luca, complimenti anche a te per le tue inarrivabili ricerche su Canal ;)
          Speriamo siano ora meno rare che prima. Ma mi rendo conto che costano impegno, tempo e sacrificio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO Locco.Ro

DISCLAIMER: I responsabili del blog cancelleranno immediatamente e di propria insindacabile iniziativa qualsiasi intervento che giudicheranno possa recare offesa a chiunque. Non sono tollerati gli attacchi personali, né le offese indirette rivolte a terzi. Oltre ai commenti offensivi, per non generare confusione, verranno cancellate anche le eventuali repliche. L'indirizzo IP del mittente, se necessario verrà segnalato alla Polizia Postale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torre & Cavallo - Scacco!

In presa alta

La Difesa dei Due Cavalli

Il pellegrino spagnolo

La seconda porta

Porto Mannu R.H.

Porto Mannu Residence Hotel

Sempre più vicino

Azzurri in diretta

Azzurri in Diretta
79 Campionato Italiano

    • 24 novembre – 5 dicembre, h. 15:00

Gli ultimi commenti

Live rating

2700chess.com per tutti i dettagli

Chess book reviews

Le recensioni di SoloScacchi