Crea sito

La foto del cuore

Scritto da:  | 14 Aprile 2020 | 20 Commenti | Categoria: C'era una volta

Ognuno di noi ha sicuramente una foto del cuore… Non si tratta della più bella, della più famosa, della più ammirata…
E’ semplicemente quella foto che ci ha colpito il cuore, quella immagine che, quando chiudiamo gli occhi, abbiamo davanti a noi senza bisogno di guardarla, quella che ci evoca ricordi… emozioni… sensazioni che le parole magari non riescono neppure lontanamente a riassumere.
Mandatecele, raccontatecele, le pubblicheremo tutte, siano esse di scacchi o no, non importa, mandateci la vostra foto o immagine del cuore e condividetela qui con noi.

avatar Scritto da: La Redazione di SoloScacchi (Qui gli altri suoi articoli)


20 Commenti a La foto del cuore

  1. avatar
    Uomo delle valli 15 Aprile 2020 at 10:32

    Io non saprei, ma mi piacciono tantissimo le foto che scegliete sempre nei vostri articoli. Quella in copertina è quella famosa delle Olimpiadi del 36, giusto?

  2. avatar
    Martin 15 Aprile 2020 at 11:15

    Inizio io?!? Ecco, allora un’immagine a me particolarmente cara è questa…
    Vi leggo mille cose dentro… in sostanza la vita… cinque esseri viventi, tre persone…
    …tutti e nessuno… tre persone… due che si girano per guardare
    qualcosa… il fotografo? Quella donna che ha in mano qualcosa su cui sta scrivendo?
    Lei non sta guardando nessuno, e quando anche ha il suo viso di fronte i suoi occhi non lo guardano, e comunque non sarà mai un viso, tutt’al più una faccia, come tante…
    ma i suoi occhi sono altrove, distanti… a sognare forse qualcosa che non esiste…

    2
    • avatar
      Hugo 15 Aprile 2020 at 13:49

      Al pari dell’immagine mi ha colpito tantissimo la tua descrizione Martin.
      Avete avuto davvero una bellissima idea a far uscire un pezzo come questo, foto e immagini raccontano tante cose, spesso meglio delle parole.

      2
  3. avatar
    Ramon 15 Aprile 2020 at 11:21

    Questa invece è la mia foto del cuore. Non credo occorra aggiungere commenti, parla
    da sola. Quanta poesia, quanta commozione. Chiudo gli occhi e percorro le immagini
    di una vita.
    null

    3
    • avatar
      Olga 15 Aprile 2020 at 15:00

      Bella e triste foto che racconta del periodo durissimo della mia patria e che ci lega alla tutta storia della Russia se guardare alla foto di Pushkin qui sopra.

      2
  4. avatar
    Bayes 15 Aprile 2020 at 11:38

    Ecco la mia, Giro d’Italia 1974: 12 secondi dal più grande!
    null

    1
    • avatar
      Bayes 16 Aprile 2020 at 18:43

      Anzi, al pari di questa:
      null

      1
      • avatar
        Zenone 26 Aprile 2020 at 16:39

        Baronchelli, un grande dietro a due fuoriclasse! Ricordo che volevo sempre la sua pallina nelle gare con le bìlie sul mare!

        1
        • avatar
          Bernardo 26 Aprile 2020 at 16:46

          Zenone, ieri ci siamo incontrati per caso su Lichess. Io le ho chiesto perché non scriveva più su Soloscacchi e lei mi ha detto qualcosa del tipo: “le cose mi piace farle bene, ora non ho tanto tempo”.
          Le rinnovo i complimenti e spero di rileggerla presto (sempre che riesca a trovare il tempo).

        • avatar
          Joe Dawson 26 Aprile 2020 at 16:48

          Anch’io scattavo subito e chiedevo folgorato sempre: “Baronchelli”!
          Nella speranza di averne due… Tista e Gaetano :p

  5. avatar
    Paysandu 15 Aprile 2020 at 11:39

    “Dica al tribunale che amo mia moglie”. Storie di un’America dove bianchi e neri non avevano neanche il diritto di amarsi.
    Sono Mildred e Richard Loving. Nel luglio del 1958 decidono di sposarsi, nonostante fosse ancora proibito in Virginia e in altri 17 stati.
    Lo fanno a Washington DC, per aggirare le leggi statali che glielo avrebbero proibito.
    Un anno dopo, la polizia gli comunica l’invalidità del loro matrimonio.
    Vengono condannati ad 1 anno di carcere, per aver “convissuto come marito e moglie contrariamente alla pace e alla dignità dello stato.”
    Fuggono a Washington, per evitare la condanna e vivere davvero come marito e moglie senza persecuzioni e ripercussioni.
    Dopo 5 anni, stanchi di non poter tornare in Virginia dalle loro famiglie, insieme alla American Civil Liberties Union, arrivano fino in Corte Suprema per combattere contro l’assurdo divieto.
    Non parteciperanno all’ultima udienza. Richard Loving chiederà al suo avvocato di leggere un breve messaggio per conto suo: “Dica al tribunale che amo mia moglie.”
    La Corte Suprema gli dà ragione: il divieto di matrimonio tra bianchi e neri è incostituzionale.
    Alcuni stati resisteranno: l’Alabama si adatterà alle decisioni della Suprema Corte soltanto nel 2000.
    null

  6. avatar
    Doroteo Arango 15 Aprile 2020 at 11:53

    Beslan, 1 – 3 settembre 2004.
    Ora ci hanno messo una bella croce ma dov’era Dio in quei giorni?!?
    null

  7. avatar
    Mattia Pepoli 15 Aprile 2020 at 12:07
  8. avatar
    Davide C. 15 Aprile 2020 at 12:14

    la vocazione alla preghiera è di tutti i cristiani, non solo dei monaci e monache.
    null

  9. avatar
    Matteo 15 Aprile 2020 at 12:21

    null

    7
  10. avatar
    Aldo da Trento 15 Aprile 2020 at 12:32

    Non credo occorra nemmeno scrivere il nome:
    null

  11. avatar
    Alessandro Maria Domenico Goretti 15 Aprile 2020 at 13:03

    Per me questa: la casa più antica della Russia.
    Si ritiene che il più antico edificio residenziale in Russia si trovi a Vyborg.
    Non esiste un consenso scientifico a questo proposito, ma non è stato possibile trovare
    case più antiche nel paese che sono state originariamente costruite come residenziali
    e non hanno cambiato la loro funzione.
    La “Casa dei cittadini” fu presumibilmente costruita nel XVI secolo. Secondo gli storici,
    è una delle quattro piccole “fortezze” private dei secoli XIV-XVII, case borghesi medievali
    che si possono vedere solo in Russia a Vyborg.
    In questa casa ci sono solo due appartamenti.
    null

  12. avatar
    Yanez 15 Aprile 2020 at 13:57

    Questa, bellissima, di Canal inviata tempo addietro da Luca:
    null

    1
  13. avatar
    The dark side of the moon 15 Aprile 2020 at 18:16

    Purtroppo non riesco a ritrovare l’immagine che avevo in mente.
    L’avevo su una vecchia rivista di nome “Carta” che ha cessato le pubblicazioni da parecchi anni.
    Era una foto che ritraeva una moltitudine di donne zapatiste che per difendere le loro terre, a mani nude cercavano di fronteggiare l’esercito messicano; la foto trasmetteva una feroce disperazione tramutata in grande coraggio: il corpo, l’unico elemento di barriera contrapposto alla violenza.
    In alternativa scelgo questa foto che comunque è inerente al tema.
    null

    1
  14. avatar
    Vecchio camallo 16 Aprile 2020 at 08:10

    Semplicemente questa:
    null

    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO Locco.Ro

DISCLAIMER: I responsabili del blog cancelleranno immediatamente e di propria insindacabile iniziativa qualsiasi intervento che giudicheranno possa recare offesa a chiunque. Non sono tollerati gli attacchi personali, né le offese indirette rivolte a terzi. Oltre ai commenti offensivi, per non generare confusione, verranno cancellate anche le eventuali repliche. L'indirizzo IP del mittente, se necessario verrà segnalato alla Polizia Postale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torre & Cavallo - Scacco!

In presa alta

La Difesa dei Due Cavalli

Il pellegrino spagnolo

La seconda porta

Porto Mannu R.H.

Porto Mannu Residence Hotel

Sempre più vicino

Azzurri in diretta

Azzurri in Diretta
79 Campionato Italiano

    • 24 novembre – 5 dicembre, h. 15:00

Gli ultimi commenti

Live rating

2700chess.com per tutti i dettagli

Chess book reviews

Le recensioni di SoloScacchi