Crea sito

Genova, la città più svizzera d’Italia

Scritto da:  | 26 Maggio 2020 | 5 Commenti | Categoria: Cultura e dintorni, Dove hanno vissuto

Ancora oggi, in questa città italiana, si possono trovare l’antica sede della scuola svizzera e quella di un’assicurazione a capitale elvetico (in un edificio di una dozzina di piani); e poi, ancora, una banca privata che è in qualche modo storicamente legata alla Svizzera e degli esercizi commerciali, come delle pasticcerie, i cui proprietari erano originari del Cantone dei Grigioni o del Ticino, oppure delle erboristerie.
A proposito di una di queste pasticcerie, c’è un aneddoto curioso riguardante Giuseppe Verdi. Il celebre compositore visse per lunghi periodi a Genova, a partire dal 1850, dapprima in un appartamento del centro della città, e poi, nel 1874, nel Palazzo del Principe Doria.


Il musicista non era un amante della mondanità, ma era un cliente abituale della pasticceria Klainguti, fondata a Genova, nel 1828, da quattro fratelli originari del Canton dei Grigioni. I fratelli pasticcieri, in onore del loro celebre cliente, decisero quindi di creare un dolce e di chiamarlo ‘Falstaff’, come la celebre opera verdiana. Giuseppe Verdi ringraziò per iscritto i pasticcieri: «Cari Klainguti, grazie per i Falstaff. Sono molto buoni. Anche meglio del mio». La riproduzione del biglietto è ancora oggi visibile, su un muro della pasticceria, dietro il banco dei dolci.

Attraverso l’arte, l’economia, la cultura ed il commercio gli svizzeri sono quindi entrati a far parte della storia della città.
D’altra parte, secondo le dichiarazioni alla stampa locale della presidentessa del circolo svizzero, a Genova ci sarebbero almeno duecento famiglie di origine svizzera, alcune stabilitesi in città più di due secoli fa. Ed ancora agli inizi degli anni 2000, c’erano 6.000 svizzeri registrati al consolato svizzero di Genova.
Un caso sicuramente emblematico, di questo movimento migratorio, per la sua storia di lunga durata, ed i notevoli risultati in campo economico è, forse, quello del Gruppo Sutter. Società appunto d’origine svizzera, visto che l’antico fondatore dell’azienda, Adolf Sutter, cominciò la sua attività nel 1858 a Oberhofen-Münchwilen, nel Canton Turgovia.

Nel 1910 l’azienda si trasferì a Genova, per sfruttare la posizione strategica del porto, e divenire, nel corso degli anni, non soltanto una della aziende italiane più grandi nel proprio settore (lucido da scarpe e cera per pavimenti), ma anche una multinazionale con centinaia di dipendenti in varie parti del mondo.

avatar Scritto da: Massimo Prati (Qui gli altri suoi articoli)

56 anni (ormai vicino ai 57), genovese e genoano ma trapiantato a Ginevra dal marzo 2004, dove lavora come insegnante (dal 2018 ha anche la nazionalità elvetica). Gli piace scrivere di calcio. Autore di un libro che parla del Genoa e di Genova e di un altro dedicato ai pionieri del football (1887-1915) di Genoa, Andrea Doria, Juventus, Torino, Milan e Inter. Ma la storia gli piace in tutte le sfaccettature e il suo ultimo libro è dedicato alla Rivoluzione Inglese (1640-1660), alla Restaurazione e alla "Glorious Revolution" (1688_1689).


5 Commenti a Genova, la città più svizzera d’Italia

  1. avatar
    Martin 26 Maggio 2020 at 08:32

    Massimo… semplicemente bellissimo!

    1
  2. avatar
    Massimo 26 Maggio 2020 at 08:35

    Grazie di cuore per avere condiviso alcuni estratti dei miei “Racconti del Grifo”, Massimo.

    1
  3. avatar
    Uomo delle valli 26 Maggio 2020 at 10:44

    Complimenti, molto elegante, grazie.

    1
  4. avatar
    Bosisio 26 Maggio 2020 at 16:09

    Stupende le foto e stupenda la città.

  5. avatar
    Vecchio camallo 26 Maggio 2020 at 22:54

    La Superba! ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO Locco.Ro

DISCLAIMER: I responsabili del blog cancelleranno immediatamente e di propria insindacabile iniziativa qualsiasi intervento che giudicheranno possa recare offesa a chiunque. Non sono tollerati gli attacchi personali, né le offese indirette rivolte a terzi. Oltre ai commenti offensivi, per non generare confusione, verranno cancellate anche le eventuali repliche. L'indirizzo IP del mittente, se necessario verrà segnalato alla Polizia Postale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torre & Cavallo - Scacco!

In presa alta

La Difesa dei Due Cavalli

Il pellegrino spagnolo

La seconda porta

Porto Mannu R.H.

Porto Mannu Residence Hotel

Sempre più vicino

Azzurri in diretta

Azzurri in Diretta
79 Campionato Italiano

    • 24 novembre – 5 dicembre, h. 15:00

Gli ultimi commenti

Live rating

2700chess.com per tutti i dettagli

Chess book reviews

Le recensioni di SoloScacchi