Crea sito

Io, il Re degli scacchi!

Scritto da:  | 3 Aprile 2021 | 7 Commenti | Categoria: Curiosità

Sono stato sempre diverso, sin dalla nascita senza una madre e con molti padri…
Sono stato sempre diverso. Sin dalla nascita, senza una madre e con una torma di cervelloni che mi giravano intorno. Niente canzoncine, niente novelle, niente stupidi giochini per far stare buoni i bambini. Solo studio ossessivo di aperture, varianti, sottovarianti, tatticismi, sacrifici, matti di tutti i tipi e di tutte le specie. Sono nato per gli scacchi, solo per gli scacchi. Questo mi hanno detto, questo mi hanno insegnato e questo mi hanno inculcato. Più studiavo e crescevo. Voglio dire crescevo in sapere, in competenza ma anche nel fisico, ogni giorno che passava occupavo sempre più spazio. Una stanza intera, poi due…
All’inizio me la sono presa un po’, sempre insieme a certe facce occhialute che non facevano altro che imbeccarmi di dati su dati, partite su partite. Ho conosciute tutte le imprese dei Grandi della scacchiera: Alekhine, Capablanca, Lasker, Tal e via dicendo. Poi, poi mi sono arreso alla mia condizione, l’ho accettata e ho voluto vivere per una specie di riscatto, orgoglioso della mia natura, della mia diversità. Ho anche scoperto che non ero solo, che c’erano altri nati con le mie stesse modalità. Mi hanno detto che dovevo sfidarli, che avrei dovuto batterli prima di incontrare il Signore incontrastato delle sessantaquattro caselle. Li ho sfidati e li ho vinti, uno per uno. Non c’è stato scampo per loro.

Ora toccava a Lui. Ne avevo sentito parlare attraverso i commenti dei miei genitori che confabulavano sempre tra loro quando mi imbeccavano. Forte, pericoloso, una potenza della natura. Uno spirito romantico dotato di un calcolo impressionante. Ma anche borioso e strafottente. Ecco come era. Non solo il più forte di tutti ma voleva che gli altri lo sapessero e accettassero la condizione della loro inferiorità. Stupido borioso! Se ero nato solo per giocare a scacchi dovevo essere io il Re degli scacchi! Di tutti, non solo dei miei simili che avevo battuto. Questo era il mio destino e questo avrei realizzato.
Il primo scontro a Philadelphia nel 1996. Me lo ricordo come fosse ora. Una campagna di stampa colossale fra due campioni così diversi. Un evento memorabile. E una lotta memorabile. Lui, tronfio di superbia, costretto ad abbassare il capo per due volte. Che gioia, che soddisfazione! Ma non ero ancora preparato a dovere e fui sconfitto. Non ero riuscito a contrastare quella sua forza oscura, una specie di istinto intuitivo che mi lasciava perplesso. Troppe volte durante le partite era riuscito a sfuggire alla mia logica cristallina. Mi ritirai scosso nelle mie certezze e avrei pianto se la mia natura me lo avesse permesso.
I cervelloni dissero che avevo ancora un orizzonte limitato, dovevo rafforzarmi, una memoria prodigiosa ma senza quel quid particolare di cui era dotato il mio potente avversario. Ancora lavoro, studio e studio e studio. Sentivo che potevo farcela, ce l’avrei fatta. Quello era il mio destino. Ero nato per gli scacchi e sarei diventato il Re degli scacchi.
A New York, più precisamente il 3 maggio 1997, la seconda sfida. Lo trovai ancora più sicuro e strafottente con quel sorriso di superiorità stampato perennemente sul volto. Persi la prima partita, vinsi la seconda e poi l’ultima, quella che conta e allora lo vidi afflosciarsi come un gommone pizzicato dagli scogli.
Io, Deep Blu, la Macchina, ho vinto, travolto, schiacciato e ridicolizzato Garry Kasparov, il campione degli umani. Io, Deep Blu, il Re incontrastato degli scacchi!

avatar Scritto da: Fabio Lotti (Qui gli altri suoi articoli)


7 Commenti a Io, il Re degli scacchi!

  1. avatar
    Patrizia Debicke 3 Aprile 2021 at 09:19

    Super Fabio e beh Super Deep Blu
    la vittoria al migliore

  2. avatar
    Uomo delle valli 3 Aprile 2021 at 11:41

    come sempre molto interessante grazie

  3. avatar
    DURRENMATT 3 Aprile 2021 at 15:32

    L’uomo che ha perso qualunque capacità di interpretazione dei fatti, s’attacca ai dati.
    Ciò che serve sono nuove chiavi interpretative, dunque creatività, cultura e networking ideale.
    L’epoca degli specialisti, quelli che Ernst Junger chiamava con disprezzo “i pedanti” è finita. A furia di sfrantumare gli zebedei dando del tuttologo a chi uscisse dal rivoltante conformismo ragionieristico (si può essere ragionieri in qualunque campo) è arrivato chi è più pedante di voi: una macchina, un automa, un computer.

    Così finì l’epoca dei pedanti. Così ritorna l’epoca dei creativi, quelli che con orribile neologismo si chiamano “polymath”. Questo nome sembra una malattia, una sindrome. Ma è solo la rivendicazione di voler rimanere umani.

    Mi piace 5
    • avatar
      the dark side of the moon 3 Aprile 2021 at 23:12

      Condivido 👍

  4. avatar
    Fabio Lotti 4 Aprile 2021 at 09:40

    Buona Pasqua a tutti i lettori!

    Mi piace 2
  5. avatar
    Sergio Pandolfo 5 Aprile 2021 at 11:00

    Bello, anche se ancora una volta mi torna in mente il super computer nato dalla fantasia di Isaac Asimov, quello che alla domanda “Esiste Dio?” rispondeva: “Adesso sì…” Vengono i brividi…

    Mi piace 1
  6. avatar
    lordste 6 Aprile 2021 at 16:46

    Nessuna preoccupazione. Le gare in bicicletta esistono anche se si può andare in moto, l’importante è che non si usi una bici motorizzata per competere con chi il motore non ce l’ha 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO Locco.Ro

DISCLAIMER: I responsabili del blog cancelleranno immediatamente e di propria insindacabile iniziativa qualsiasi intervento che giudicheranno possa recare offesa a chiunque. Non sono tollerati gli attacchi personali, né le offese indirette rivolte a terzi. Oltre ai commenti offensivi, per non generare confusione, verranno cancellate anche le eventuali repliche. L'indirizzo IP del mittente, se necessario verrà segnalato alla Polizia Postale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il Grau per il terzo millennio

Torre & Cavallo - Scacco!

Massimiliano ROMI - Scacchista istriano

In presa alta

La Difesa dei Due Cavalli

Il pellegrino spagnolo

La seconda porta

Porto Mannu R.H.

Porto Mannu Residence Hotel

Sempre più vicino

Azzurri in diretta

Azzurri in Diretta

Chianciano, 80 Campionato Italiano

    • 14 – 22 novembre 2020, h. 15:00

Gli ultimi commenti

Live rating

2700chess.com per tutti i dettagli e la lista completa

Chess book reviews

Le recensioni di SoloScacchi