Una missiva

Scritto da:  | 11 Febbraio 2022 | 7 Commenti | Categoria: C'era una volta, Personaggi, Stranieri

Barcellona, 24 aprile 1936

Egregio Signor Goltz!

Mille grazie per la Sua cortese lettera dell’11 aprile. Ho effettivamente ricevuto il Suo telegramma, ma solo oggi, perché ero in viaggio, e, poiché devo partire di nuovo, posso solo spedirLe in tutta fretta qualche notizia sugli scacchi operai in Spagna. In seguito Le invierò più materiale.

Con i miei migliori saluti,
E. Canal

Scacchi operai in Spagna

Per secoli la Spagna ha abbandonato il gioco degli scacchi, o viceversa. Si potrebbe ben trovare la motivazione della cosa nel temperamento dello spagnolo, che predilige ciò che è colorato e chiassoso; questa però non è una spiegazione sufficiente per il bando totale della nostra arte spirituale durante un intervallo di tempo tanto lungo. Si credeva piuttosto che gli scacchi fossero solo una specie di raffinato passatempo per principi fannulloni e monaci eremiti, e il popolo se ne teneva deferentemente lontano e non osava accostarcisi, neanche quando altri paesi avevano da tempo riconosciuto il suo significato nell’educare e stimolare le masse. E però la Storia non tollera in nessun luogo l’immobilismo, e infrange senza pietà pregiudizi ammuffiti; così anche qui. A partire dai febbrili cambiamenti dell’ultimo decennio, che d’altronde non hanno ancora conosciuto una solida cristallizzazione, l’operaio spagnolo ha fatto alcuni energici passi avanti per la sua esistenza e si è presentato anche nel mondo degli scacchi, anche se per ora solo timidamente. Egli è, anche nella maggioranza dei Circoli a guida borghese, la forza trainante, e si può dire senza esagerazioni che la maggior parte dei giocatori spagnoli di prima classe sono operai. Certo la sua forza non è ancora una forza reale, ma eccellenti propositi ed entusiasmo corrono, e i frutti certo non si faranno attendere a lungo. Esistono anche già alcuni Circoli scacchistici esclusivamente di operai in Spagna, soprattutto nelle grandi città come Madrid, Barcellona, Valencia, Siviglia e in moltissime altre città di provincia, e ci si può attendere che il loro numero cresca, con lentezza ma sicuramente. Dove però lo sviluppo degli scacchi operai ha un’innegabile importanza, è in Catalogna, il più grande distretto industriale di Spagna. Qui ci sono Circoli di scacchi operai davvero bene organizzati, di cui vorremmo menzionare i più importanti:
Club d’Escacs Gran Café Espanyol
Centro Obrero Aragonés (Centro operaio)
Xac doble (Scacco doppio)
Club d’Escacs Poble Zon (Gruppo popolare)
Seccio d’Escacs Pan y Justicia (Pane e giustizia)
Aire Lliure (Aria aperta)
Escacs Companyerisme (Compagnismo)
e molte altre associazioni sparpagliate nella provincia, che testimoniano che anche negli scacchi l’operaio spagnolo ha intrapreso la lotta con gioia.

Esteban Canal

avatar Scritto da: Filologo (Qui gli altri suoi articoli)


7 Commenti a Una missiva

  1. avatar
    Uomo delle valli 11 Febbraio 2022 at 07:51

    un documento unico e raro
    come avete fatto a trovarlo ?

  2. avatar
    luca monti 11 Febbraio 2022 at 11:23

    Proprio in quel tempo del 1936, la Spagna avrebbe avuto un parto doloroso che nulla avrebbe sposato degli ideali di emancipazione e progresso espressi dall’autore del testo.
    Stando alle memorie del Beggi,anche Canal e moglie dovettero darsela a gambe levate per evitare guai peggiori,riparando prima in Francia e poi qui da noi.Da parte mia grazie a Filologo che ne sa una più del diavolo.

    Mi piace 3
  3. avatar
    Martin 11 Febbraio 2022 at 11:30

    Ringrazio io gli amici carissimi Luca e Filologo per il tempo, le energie, le risorse e l’affetto dedicato a questo nostro amato sito.

    Mi piace 1
  4. avatar
    Filologo 11 Febbraio 2022 at 13:19

    L’articolo è rubricato sotto il mio nome immeritatamente, visto che è tutto lavoro certosino di recupero fonti da parte di Luca. Io mi sono limitato a tradurre il testo, non senza qualche affanno

    Mi piace 2
  5. avatar
    luca monti 11 Febbraio 2022 at 15:07

    Qualche anno fa,il testo della missiva mi fu recapitato da R.Messa(almeno mi pare di ricordare).Alcuni tentativi di traduzione si infransero sugli scogli a causa della calligrafia di Esteban Canal definita “svolazzante” (Mauro Berni)

    Mi piace 3
    • avatar
      Filologo 12 Febbraio 2022 at 01:46

      Beh, avere qualche nozione di paleografia senz’altro aiuta

  6. avatar
    Fabio Lotti 11 Febbraio 2022 at 17:47

    Allora un grazie a Filologo e a Luca!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO Locco.Ro

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

La Siciliana - istruzioni per l'uso

Il Grau per il terzo millennio

Torre & Cavallo - Scacco!

Massimiliano ROMI - Scacchista istriano

In presa alta

La Difesa dei Due Cavalli

Il pellegrino spagnolo

La seconda porta

Porto Mannu R.H.

Porto Mannu Residence Hotel

Sempre più vicino

Azzurri in diretta

Azzurri in Diretta

Chianciano, 80 Campionato Italiano

    • 14 – 22 novembre 2020, h. 15:00

Live rating

2700chess.com per tutti i dettagli e la lista completa

Chess book reviews

Le recensioni di SoloScacchi