Davanti alla scacchiera (II)

Scritto da:  | 16 Maggio 2022 | 25 Commenti | Categoria: Zibaldone

Quando la scacchiera è fonte di fantasticherie, volti, ricordi, emozioni…

“Ogni tanto mi apparto con la scacchiera. La prendo, dispongo i pezzi, li osservo. Non so cosa fare, se esaminare una partita, se verificare un’idea, una linea di giuoco. Non so nemmeno perché l’ho presa. Una specie di riflesso incondizionato, l’ho preparata tante volte per le mie vecchie partite per corrispondenza! Un contatto continuo, un’amicizia destinata a durare.”
Davanti a lei (la considero come una persona) spesso mi appaiono dei volti. Volti di grandi campioni insieme agli atteggiamenti relativi alle loro persone. Così, all’improvviso, come le truppe dei Lanzichenecchi di manzoniana memoria al ponte di Lecco (passano i cavalli di Wallenstein, passano i fanti di Merode…) Spesso mi ritrovo davanti gli occhi ipnotici di Tal dallo sguardo mefistofelico capace di ammaliare certi avversari, oppure il fascinoso, elegante Capablanca, il gigantesco Andersson fautore dell’attacco ad ogni costo, la grinta e il labbro sprezzante di Kasparov come pure quella del terribile Kortschnoj che ce l’aveva con tutti, l’allegro e sorridente Naidorf, il volto sereno di Karpov, il sigaro perennemente piazzato fra le labbra del baffuto Lasker che un colpo di tosse me lo provoca sempre, lo spilungone Marhall che mi fa ritornare in mente il mitico Sherlock e pure, in certe pose, Oscar Wilde, mentre Tartakover spiccicato a Yul Brinner, e poi il “grattacielo” Lilienthal, il Mangiafuoco Cigorin e altri ancora fino al grande Fischer che, con le sue imprese, mi ha fatto conoscere gli scacchi. Volti, pose, atteggiamenti insieme a sprazzi di frasi famose uscite dalle loro bocche: Lotta, sempre lotta, fortissimamente lotta! Il gioco degli scacchi è lo sport più violento che esista; L’obiettivo è distruggere la mente dell’avversario; Non c’è fortuna negli scacchi; Ci sono due tipi di sacrifici, quelli corretti e i miei; Durante una gara a scacchi, il campione deve essere una combinazione fra un monaco buddista e una tigre siberiana; L’arma più potente a scacchi è quella di avere la prossima mossa… e altre millanta frasi, battute, pensieri che arrivano improvvise a vorticare dentro la mia mente.
Ho letto e studiato con passione le vite di questi grandi campioni. L’inizio, le prime vittorie, il successo, l’onore, la fama, la gloria insieme a certi momenti duri e difficili, talvolta penosamente drammatici che possono affiorare nel corso di una esistenza. Miti che esplodono, miti che si afflosciano lasciando una scia malinconica nel cuore. Come la fine di Akiba Rubinstein in un ricovero psichiatrico. Abbandonato da tutti, dalla moglie e i due figli, spesso solo nella sua stanza a muovere i pezzi della scacchiera tascabile. O come quella straziante di Wilhelm Steinitz e di altri ancora…

Quando mi siedo davanti alla scacchiera vengono fuori anche volti meno famosi, meno noti, ma non per questo meno cari, di amici e persone incontrate nei tornei. Un tourbillon di sguardi, di occhiate, di labbra contratte, di sorrisetti, di smorfie, di mani che sorvolano la scacchiera, di pugni che sorreggono il mento, di improvvisi aggrottamenti della fronte, di sospiri, di forti o flaccide strette di mano, insomma di tutte le forme espressive che si formano durante e alla fine delle partite. Dove talvolta serpeggia il grido angoscioso del perdente Avevo vinto! Con una dimostrazione, la sua, completa e convincente. Una stupida distrazione, un banale errore, una svista imperdonabile ha fatto sì che la vittoria meritata gli sfuggisse di mano. Chiaro, logico, lampante e lapalissiano…
Per dieci anni ho insegnato gli scacchi alla scuola media di Rosia diventata, tra l’altro, centro di incontro per l’annuale torneo regionale. Che gioia! Che soddisfazione! E allora ecco altri volti a farmi compagnia. Volti di ogni tipo, giovani, spigliati, sorridenti di ragazzi e ragazze che mai avresti creduto pensierosi davanti alle sessantaquattro caselle. Occhi vispi e furbetti diventare all’improvviso dubbiosi e contratti, corpi frenetici bloccati, almeno per un po’, sulla sedia. Un piccolo miracolo di Re e Regine…
Spesso, quando mi siedo davanti alla scacchiera, rivedo i volti dei miei nipotini ai quali ho cercato di insegnare questo giuoco. Quello di Johnny un po’ teso e preoccupato, quello di Jessy più sorridente e aperto, soprattutto quando esclama eccitata “Matto, nonno!”. Ora stanno crescendo, sono presi soprattutto dalla scuola e, giustamente, dallo sport. La vita continua.
Forza, ragazzi!

avatar Scritto da: Fabio Lotti (Qui gli altri suoi articoli)


25 Commenti a Davanti alla scacchiera (II)

  1. avatar
    Fabio Lotti 16 Maggio 2022 at 23:10

    Solito, doveroso ringraziamento a Martin

    Mi piace 1
  2. avatar
    Patrizia Debicke 17 Maggio 2022 at 07:50

    grande Fabio gli scacchi sono parte della tua anima

  3. avatar
    Ale 17 Maggio 2022 at 08:10

    Bellissime riflessioni, Fabio. Le cose che ami sono i gioielli più preziosi, che nessuno ti potrà mai rubare.

  4. avatar
    Uomo delle valli 17 Maggio 2022 at 09:15

    come sempre un grande Lotti

  5. avatar
    Paolo Landi 17 Maggio 2022 at 09:45

    Belle riflessioni Fabio, tutti noi appassionati forse ci chiediamo cosa davvero rende tanto affascinante il nostro gioco ed io ancora oggi non riesco a trovare una definitiva risposta. Quando hai scritto che ami spesso disporre i pezzi e osservarli, mi è venuta in mente l’immagine di un musicista che, come noi scacchisti, ha la possibilità di padroneggiare sempre di più il suo strumento, rievocare i grandi del passato, ripensare alle sue migliori esecuzioni o semplicemente cavare fuori degli accordi o delle melodie per il solo piacere di assaporare l’armonia e il fascino di quelle note.

    Mi piace 3
  6. avatar
    Nagni Marco 17 Maggio 2022 at 10:19

    Sempre belle riflessioni….magari un giorno un racconto di una partita di scacchi tra un lanzichenecco e un turco durante l’assedio di Vienna….😉

    Mi piace 1
  7. avatar
    Gino Colombo 17 Maggio 2022 at 19:56

    Fabio, ma perché non ci delizi con qualche aneddoto o ricordo della tua lunga carriera scacchistica?
    Chissà quante ne hai viste…

    • avatar
      Fabio Lotti 18 Maggio 2022 at 09:13

      Con le parole credo ancora di cavarmela ma la memoria incomincia a fare cilecca…Qualcosa, però, mi sembra di avere già scritto tra i miei 170 articoli e passa.

      Mi piace 1
  8. avatar
    Lucio 18 Maggio 2022 at 09:39

    Gli scacchi sono il gioco più violento che ci sia.
    Per chi non li conosce sembra assurdo eppure è così.
    Dal racconto si percepisce la tua passione

  9. avatar
    LUCA MONTI 18 Maggio 2022 at 10:32

    Un caro saluto all’infaticabile Lotti Fabio che, sembra inseguire il mito di Stakanov in SoloScacchi. Mancasse pure questo luogo d’incontro, penserebbero i giovanissimi Jessy e Johnny a tenerlo in forma. Ciao.

  10. avatar
    Fabio Lotti 18 Maggio 2022 at 11:46

    Un grazie a tutti!

  11. avatar
    Fabio Lotti 19 Maggio 2022 at 10:02

    Ho preso i Covidde. Se non ce la faccio un salutone a tutti nessuno escluso.

    • avatar
      Martin 19 Maggio 2022 at 17:56

      Resisti, Fabio!

    • avatar
      Patrizia 19 Maggio 2022 at 20:01

      Fallo nero!Schiaccialo con le torri.

      • avatar
        Fabio Lotti 19 Maggio 2022 at 21:54

        Ottima idea!

  12. avatar
    Nagni Marco 19 Maggio 2022 at 11:53

    Pronta guarigione…in bocca al 🐺

    Mi piace 1
  13. avatar
    The dark side of the moon 20 Maggio 2022 at 20:58

    Non fare scherzi Fabio..
    Il Lotti che conosciamo lo prende a calci il covid e non ci dire che ti sei rammollito perché quel che conta è lo spirito e quello ce l’hai.
    Il prossimo articolo che farai poi ci racconti la partita contro il covid 👍

    Mi piace 1
    • avatar
      Fabio Lotti 20 Maggio 2022 at 23:31

      Sto cercando di imbastirgli un matto affogato…

      • avatar
        Patrizia 25 Maggio 2022 at 18:50

        Come va la partita?Stai vincendo,vero?

        • avatar
          Fabio Lotti 25 Maggio 2022 at 21:51

          I Covidde mi ha imbastito un gambetto ma io lo sto contrastando con un controgambetto.

          Mi piace 2
  14. avatar
    Sergio Pandolfo 20 Maggio 2022 at 23:21

    Belle riflessioni. Tutti gli scacchisti, quando guardano pezzi e scacchiera, hanno qualcuno di questi pensieri. E naturalmente auguri per la partita contro il covid. Non ho dubbio, sarà un Lotti-covid 1-0.

    Mi piace 1
  15. avatar
    Claudia 25 Maggio 2022 at 23:42

    La tua passione per gli scacchi e’ travolgente. Come tutte le passioni,avvolgono e tengono gli occhi incollati alla lettura. Molto interessante, grazie, babbone.
    Hai da fare uno scacco matto importante, dai, forza!!!!
    Per me hai gia’ vinto!

  16. avatar
    Fabio Lotti 31 Maggio 2022 at 10:58

    Certo che avere una figlia così vale la pena davvero di essere nati.

  17. avatar
    Fabio Lotti 1 Giugno 2022 at 09:53
  18. avatar
    Fabio Lotti 15 Giugno 2022 at 09:27

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO Locco.Ro

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2700chess.com for more details and full list

Problema di oggi