Crea sito

La sfida di Carl Haffner

Scritto da:  | 8 giugno 2010 | Un commento | Categoria: Libri

"La sfida di Carl Haffner" di Thomas Glavinic

Chi sarebbe stato Carl Schlechter se non fosse stato il grande scacchista che è stato? Questo forse è solo uno dei tanti interrogativi irrisolti che l’appassionato scacchista immancabilmente si pone di fronte alla figura storica del Maestro viennese che per un soffio non è riuscito a sottrarre lo scettro di Campione del Mondo al grande Emanuel Lasker.
Nel vano esercizio immaginario di trovare una ipotetica risposta a questo quesito vien facile appoggiarsi ad altre figure di “astri minori” di cui la storia di tanti sport abbonda: grandissimi che hanno solo sfiorato la conquista del massimo alloro senza tuttavia riuscire a fregiarsene… Dorando Pietri o Raymond Poulidor, George Mallory o Franco Bitossi, Drazen Petrovic o Tano Belloni, Nacka Skoglund o Tiberio Mitri, grandissimi la cui figura sportiva è spesso stata sovrastata dal dramma umano in un’epica vittoria morale inutile per una collocazione dorata negli almanacchi sportivi ma imperitura nell’immaginario foscoliano. Sconfitti nello sport, spesso sconfitti anche nella vita, ma incondizionatamente vittoriosi nello scenario emotivo di generazioni intere di sportivi e appassionati.
Il fascino olimpico della sconfitta, il perdente che vince, il quasi campione che soccombe di fronte all’invincibile, Ettore contro Achille…

Carl Schlechter (Vienna, 2 marzo 1874 – Berlino, 27 dicembre 1918)

La storia degli scacchi abbonda di tali figure, di perdenti più grandi e più forti dei vincenti: Nimzowitsch, Keres, Bronstein, Kortchnoi, giusto per citare i primi che ci vengono in mente, ma primo tra tutti costoro, almeno cronologicamente, è proprio quel Carl Schlechter alla cui storia l’ispirata penna di Thomas Glavinic si richiama in un racconto la cui atmosfera mitteleuropea di una Vienna dipinta negli anni fragili e difficili della vigilia del primo grande conflitto mondiale aggiunge quel fascino sfumato e misterioso che abbiamo già respirato in opere di altri grandi autori quali Joseph Roth, il nostro Svevo oppure Elias Canetti, giusto per ricordare solo i più letti.
E la figura umana del protagonista è schizzata e approfondita in mirabili tratti il cui intreccio tra passato e presente aggiunge alla storia una magia impalpabile e che pure avviluppa inconsciamente il lettore in un gioco affascinante di intreccio tra realtà storica e mirabile ricerca psicologica interiore.
Cinematograficamente parlando riaffiora il ricordo di pellicole quali “Le vite degli altri” in cui lo spettatore, o per noi il lettore, appare al tempo stesso protagonista, personaggio marginale e fruitore esterno della vicenda, uomo comune eppure protagonista assoluto di vicende di omerica memoria.
Carl Haffner, come Carl Schlechter, è tutto questo e non solo questo in un’affannosa e caotica ricerca di una inarrivabile tranquillità che neppure la vittoria stessa può forse appagare.

Qui il link per acquistare a prezzo scontato il volume direttamente presso l’Editore.

Carl Schlechter vs. Siegbert Tarrasch, 1911

avatar Scritto da: Martin (Qui gli altri suoi articoli)


Un Commento a La sfida di Carl Haffner

  1. avatar
    Bilguer74 28 giugno 2011 at 12:17

    Ho letto il libro. E condivido i giudizi di Martin e ne apprezzo ancor di più, a distanza di un anno, questa recensione che non meritava di restare priva di commenti. La vicenda di Schlechter/Haffner è drammaticamente simile a tanti personaggi sveviani, soliti fare centro nel bersaglio sbagliato. Quelli che oggi enfaticamente si definiscono con l’ossimoro “perdenti di successo”. Un grande plauso a Glavinic per il merito di aver recuperato alla memoria la figura di questo “re minore” della storia degli scacchi. Quanti altri protagonisti del tempo che fu stanno scomparendo tra le nebbie dell’oblio?




    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO

DISCLAIMER: I responsabili del blog cancelleranno immediatamente e di propria insindacabile iniziativa qualsiasi intervento che giudicheranno possa recare offesa a chiunque. Non sono tollerati gli attacchi personali, né le offese indirette rivolte a terzi. Oltre ai commenti offensivi, per non generare confusione, verranno cancellate anche le eventuali repliche. L'indirizzo IP del mittente, se necessario verrà segnalato alla Polizia Postale.

Torre & Cavallo - Scacco!

Porto Mannu R.H.

Porto Mannu Residence Hotel

Understanding the Sicilian

Sempre più vicino

A to Z Chess Tactics

Fabulous Fabiano

Azzurri in diretta

Azzurri in Diretta
Cosenza, CIA 2017

    • 29 novembre – 10 dicembre, h. 10:00
    • (Godena, David, Moroni, Stella, Valsecchi, Sonis, Brunello, Gilevych, Genocchio, Garcia Palermo, Dvirnyy)


Roma Città Aperta

    • 3 – 10 dicembre, h. 16:30
    • (Sibilio, Corvi, Landi, Pitzanti, Martorelli, Ferretti, etc.)

Gli ultimi commenti

Live rating

2700chess.com per tutti i dettagli

Chess book reviews

Le recensioni di SoloScacchi