Crea sito

Gambetto di Re

Scritto da:  | 27 Febbraio 2011 | 6 Commenti | Categoria: Libri

In un celebre numero di New In Chess Alexander Morozevich, commentando la sua scelta di abbandonare il Gambetto di Re in favore di aperture più “redditizie” per il Bianco, ebbe a scrivere che si “era stancato di regalare un Pedone al proprio avversario”. Lasciando per un attimo perdere l’opinabilità del giudizio e fidandoci dell’esperienza di cotanto “garante” possiamo comunque consolarci obiettando che la stragrande maggioranza di noi comuni “under-2700” difficilmente ha occasione di incontrare in torneo gli avversari abituali del giovane talentuoso moscovita i quali, a suo dire, nell’accettare il Pedone di Gambetto partirebbero con il non trascurabile vantaggio di materiale da lui lamentato.
Né vogliamo ricordare che nomi illustri quali Boris Spassky, David Bronstein, o più raramente un certo Bobby Fischer o anche un tal Mikhail Tal, si sono avvalsi della facoltà di “regalare” tale decantato Pedone all’avversario di turno, salvo poi regolarmente clamorosamente punirlo nel centro di partita.
“Roba di anni fa…” dirà certamente qualcuno… Be’, non poi così addietro nel tempo se anche personaggi come Shirov, Fedorov oppure i terribili “English fellows” rispondenti ai nomi di Joe Gallagher, Neil McDonald, Mark Hebden, Nigel Short o addirittura, recentissimamente, il wonderboy Magnus Carlsen, ne hanno fatto (buon) uso…
Non si tratta di questo… questioni teoriche la cui portata va ben oltre la modesta comprensione scacchistica del vostro modesto recensore. Si tratta semplicemente dell’innocente desiderio di quest’ultimo di indicare un ottimo libro sull’argomento: il recentissimo “King’s Gambit”, edito dall’ottima casa editrice “Russian Chess House” e scritto dal Grande Maestro per corrispondenza Nikolai Kalinichenko. Il volume, in lingua inglese, ma di facile comprensione anche per il lettore italiano grazie alla simbologia delle mosse stile informatore, con copertina cartonata e di quasi quattrocento pagine, presenta praticamente tutto quello che lo scacchista necessita di conoscere (Morozevich escluso, obviously) per destreggiarsi con maestria tra i meandri di questa antica ed affascinantissima apertura.


L’approccio non è quello, lasciatemi dire, arido e un po’ noioso, della mera elencazione di varianti tipo enciclopedia belgradese, bensí quello ben collaudato e assai più proficuo dal punto di vista dell’apprendimento didattico, delle partite giocate in competizioni internazionali da giocatori di primo piano delle varie epoche (ah, detto per inciso, ne troverete una del nostro Mariotti ed una anche di Godena, entrambi col Nero). Più di trecento partite in tutto, non certo poche per una monografia di questo tipo. Le annotazioni non sono approfondite all’eccesso, e questo a beneficio della scorrevolezza del testo, laddove tutti momenti salienti delle partite vengono comunque analizzati col dovuto dettaglio.
Sui polverosi scaffali del vostro modesto recensore son ben collocati praticamente tutti i volumi dedicati al Gambetto di Re pubblicati negli ultimi quattro decenni, partendo forse dal migliore, quello del grande Paul Keres del 1968, inedito nella nostra lingua, al più recente in ordine cronologico, anch’esso in castigliano, del Maestro iberico Antonio Gude Fernández, testo anch’esso di eccellente qualità, passando attraverso altri ottimi cimenti letterari scaturiti dalle eccelse penne di Zak, Glazkov e altri teorici di prim’ordine, eppure il testo di Kalinichenko rappresenta probabilmente il miglior approccio pratico per incamminarsi lungo l’affascinante sentiero di quest’apertura immortale.

Morozevich: “Previously I would blunder a pawn with 2.f4 ef4, but now I have grown up.”

…noi invece desideriamo continuare a sognare e ad emozionarci come i fanciulli 🙂

avatar Scritto da: Martin (Qui gli altri suoi articoli)


6 Commenti a Gambetto di Re

  1. avatar
    Bilguer74 2 Marzo 2011 at 09:41

    Ciao Martin, ho scoperto che mio padre ha “El Gambito de Rey” di Paul Keres da te citato! In effetti era un ottimo testo. Citerei anche “Winning with the King’s Gambit” di Joe Gallagher, assoluto esperto in materia. Ho anch’io il testo di Kalinichenko, il cui pregio è senza dubbio la facilità di consultazione, che lo rende agile e scorrevole al primo approccio.

    • avatar
      Jazztrain 2 Marzo 2011 at 11:45

      In occasione della Mitropa Cup disputata a Olbia nel 2007 incontrai Joe Gallagher che giocava con la squadra svizzera. Gli chiesi, poiché sapevo che era il maggiore esperto vivente del Gambetto di Re, quale fosse la migliore variante a disposizione del Nero. Lui mi disse di accettare e se il Bianco gioca 2 Cf3 il Nero deve rispondere con 3…g5. Non esiste secondo Gallagher mossa migliore di questa.

  2. avatar
    Martin Eden 10 Aprile 2011 at 09:14

    Il testo di Gallagher è ottimo, sia per chiarezza espositiva che per originalità di contenuti e idee esposte, ma l’ho volutamente evitato di menzionare dato che è comunque un libro di “repertorio”.
    Linee come 1.e4 e5 2.f4 exf4 3.Ac4 oppure la stupenda 1.e4 e5 2.f4 exf4 3.Cf3 g5 4.Ac4 non vengono affatto trattate a beneficio rispettivamente di 1.e4 e5 2.f4 exf4 3.Cf3 e 1.e4 e5 2.f4 exf4 3.Cf3 g5 4.h4, linee che, sostiene Gallagher, dal punto di vista pratico e agonistico sono più valide. Ritengo tuttavia che, soprattutto in un’apertura come il Gambetto di Re, ed in generale tutti i giochi aperti, esulare totalmente dalle linee storiche sia, in un certo qual modo, penalizzante.

  3. avatar
    Paolo 22 Aprile 2020 at 15:06

    Salve, ho trovato ottimo l’articolo ssul gambetto di re e volevo chiedere: esiste un libro nel quale viene spiegata (con varianti), dopo 1.e4 e5 2.f4 exf4 la mossa 3.Ac4 ??
    Grazie!

    • avatar
      Martin 22 Aprile 2020 at 16:44

      Ciao Paolo, sì, c’è questo: “The Fascinating King’s Gambit: A Repertoire for the 21st Century” di Thomas Johansson: è estremamente denso di “varianti” come le definisci tu, per i miei gusti fin troppo denso. =))

  4. avatar
    Giancarlo Castiglioni 22 Aprile 2020 at 21:25

    Ho il King’s gambit di Korchoi Zak che mi sembra molto buono.
    Contro il gambetto di Re mi sono preparato partendo dalla ricetta di Fischer, che dopo una sconfitta con Spasski aveva cercato la “demolizione del gambetto di Re accettato”: dopo 3.Cf3 d6.
    Poi sono passato a 3…g5 come consigliato da Gallagher sempre con l’idea di proseguire con d6.
    L’evoluzione finale è stata 3…h6! Per contrastare 3…g5 4.h4 la continuazione che mi dava più fastidio.
    Dopo 3…h6 4.d4 g5 5.h4 Ag7 difendendo la torre in caso di apertura della colonna h.
    Se 3…h6 4.h4 Cf6 rinunciando a g5 ma con buona posizione perché h4 è un colpo a vuoto.
    Di solito con la mia sequenza si rientra in posizioni teoriche, ma evitando varianti sgradite.
    Lampo e semilampo ho avuto buoni risultati, mai giocata a tempo lungo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO Locco.Ro

DISCLAIMER: I responsabili del blog cancelleranno immediatamente e di propria insindacabile iniziativa qualsiasi intervento che giudicheranno possa recare offesa a chiunque. Non sono tollerati gli attacchi personali, né le offese indirette rivolte a terzi. Oltre ai commenti offensivi, per non generare confusione, verranno cancellate anche le eventuali repliche. L'indirizzo IP del mittente, se necessario verrà segnalato alla Polizia Postale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il Grau per il terzo millennio

Torre & Cavallo - Scacco!

Massimiliano ROMI - Scacchista istriano

In presa alta

La Difesa dei Due Cavalli

Il pellegrino spagnolo

La seconda porta

Porto Mannu R.H.

Porto Mannu Residence Hotel

Sempre più vicino

Azzurri in diretta

Azzurri in Diretta

Chianciano, 80 Campionato Italiano

    • 14 – 22 novembre 2020, h. 15:00

Gli ultimi commenti

Live rating

2700chess.com per tutti i dettagli e la lista completa

Chess book reviews

Le recensioni di SoloScacchi