Crea sito

Chaconne

Scritto da:  | 13 maggio 2017 | 9 Commenti | Categoria: Scacchi e musica

il faut le faire tous les jours, il faut que ce soit aussi facile et naturel pour l’artiste que de voler pour un oiseau, et on n’imagine pas un oiseau dire: eh bien, je suis fatigué aujourd’hui, je ne vais pas voler

I miei raggiungimenti in campo linguistico, per quanto riguarda la lingua tedesca, son stati all’incirca pari a quelli musicali in campo violinistico, ovvero pressoché nulli, ma per entrambe le cose ho sviluppato la passione di una vita grazie alla figura di un artista come non ce ne son stati tanti nel ‘900. Mi riferisco a quella figura leggendaria dell’arte e della cultura che è stato Yehudi Menuhin…

Tutto risale ad un’intervista che ebbi modo di ascoltare alla televisione svizzera, in lingua tedesca, sul principio degli anni ’70 in cui il leggendario artista, piuttosto schivo e poco incline a parlare di sé, condusse l’intervistatore a discutere soprattutto dell’importanza dell’insegnamento culturale, e musicale in particolare, per le giovani generazioni, e con grande semplicità, esprimeva concetti e pensieri profondi di arte e non solo. Si considerava cittadino europeo quando l’Europa unita era, allora come forse anche oggi, qualcosa di assai lontano da venire e, rammento, rimasi così affascinato dallo spessore di questa figura artistica, che emanava un fascino carismatico e autenticamente magnetico, come da poche altre in seguito mi successe di avvertire in modo anche lontanamente paragonabile.
Menuhin parlando della sua attività concertistica si divertiva ad ironizzare che non possedeva né “l’eleganza vellutata di Fritz Kreisler, né tantomeno la sonorità di Mischa Elman e neppure la sublime tecnica virtuosistica di Jascha Heifetz” e probabilmente aveva ragione ma forse nessuno di questi tre monumenti del violino riuscì mai a ed esprimere la profondità interpretativa e a racchiudere al tempo stesso un tale amore ed una tale dedizione verso l’arte e la musica in senso universale quale quella che la figura del grande musicista di origine bielorussa poteva trasmettere a chiunque. Un artista a tutto campo, colto, raffinato, poliglotta e ambasciatore della musica e della cultura del mondo.

Tra i tanti interessi che coltivò nella sua intensa vita di artista immortale Menhuin fu anche grande appassionato di scacchi, come pure altri celebri violinisti, lo stesso Elman, David Oistrakh, Zino Francescatti, Toscha Seidel… ascoltiamoli…


avatar Scritto da: Martin (Qui gli altri suoi articoli)


9 Commenti a Chaconne

  1. avatar
    Fabio Lotti 13 maggio 2017 at 09:20

    Musica, scacchi, vita, cultura. Uno dei tanti pregi del blog…




    0
  2. avatar
    paolo bagnoli 13 maggio 2017 at 16:43

    Sto per inviare alla MegaRedazione due brevi biografie dedicate a due fratelli per i quali la musica (ed in particolare il violino) e gli scacchi furono quasi ragione di vita. Nella mia sconfinata ignoranza in tema di musica conoscevo comunque il nome e la fama di questo grande artista. Grazie!




    0
    • avatar
      Luca Monti 14 maggio 2017 at 08:32

      Fratelli svizzeri?




      0
      • avatar
        paolo bagnoli 14 maggio 2017 at 09:48

        Bravo Luca! Si tratta di Paul e Hans Johner.




        0
  3. avatar
    Enrico Cecchelli 13 maggio 2017 at 20:33

    Grande Martin. Molto interessante per me che conosco poco nel campo violinistico!




    0
  4. avatar
    Luigi O. 13 maggio 2017 at 21:27

    Ho molto apprezzato che il cuore dell’articolo fosse dedicato alla bellissima Ciaccona di Vitali, null’affatto inferiore all’omonima e ben più celebre composizione del genio della Turingia ma, parlando di Menhuin, occorre l’invito all’ascolto di almeno una delle sue più significative interpretazioni.
    Grazie.
    Luigi




    0
    • avatar
      Martin 13 maggio 2017 at 21:34

      Grazie, in effetti parlando di Menhuin ci sarebbe da ascoltare estasiati per una vita intera…
      Visto che ha citato Bach e siccome uno degli altri miei amori è proprio il grande David Oistrakh,
      possiamo gustarci questo raro video di quel capolavoro assoluto che è il concerto per due violini in re minore.




      0
  5. avatar
    The dark side of the moon 13 maggio 2017 at 22:24

    I pezzi di Martin sono sempre particolari e questo non fa eccezione ;)




    3
  6. avatar
    Tristano 21 maggio 2017 at 00:51

    Che pezzo di eccezionale interesse, Martin!




    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO

DISCLAIMER: I responsabili del blog cancelleranno immediatamente e di propria insindacabile iniziativa qualsiasi intervento che giudicheranno possa recare offesa a chiunque. Non sono tollerati gli attacchi personali, né le offese indirette rivolte a terzi. Oltre ai commenti offensivi, per non generare confusione, verranno cancellate anche le eventuali repliche. L'indirizzo IP del mittente, se necessario verrà segnalato alla Polizia Postale.

Torre & Cavallo - Scacco!

Sempre più vicino
What it Takes to Become a Grandmaster
Fabulous Fabiano

Tornei in evidenza

Tornei in evidenza
Arvier – IV Open Grand Paradis

  • (30 Luglio – 5 Agosto 2017)

 

Capri – III Open Internazionale

  • (26 – 29 Ottobre 2017)

Azzurri in diretta

Azzurri in Diretta
Semifinali Camp.to Italiano

    • 15 – 23 luglio, h. 15:30
    • (Moroni, Basso, Bruno, Bellia, Gilevych, Genocchio, Borgo, Pescatore, Sarno, etc.)

Gli ultimi commenti

Live rating

2700chess.com per tutti i dettagli

i pezzi di ricambio online

http://www.tuttoautoricambi.it/