Crea sito

Elogio dell’elogio

Scritto da:  | 22 Gennaio 2016 | 12 Commenti | Categoria: Zibaldone

Elogio degli scacchi 13Sono andato a controllare tutti i miei “elogi” pubblicati e ho visto che questo manca. Tra un pezzo serio e l’altro una bischerata ci sta sempre bene (probabile solitario convincimento). E’ successo anche su “Scacchierando” (un saluto agli amici che ci lavorano) e con il pezzetto goliardico “Fancala!” ho messo in moto ben 5260 (cinquemiladuecentosessanta!!!) contatti con 158 interventi (ultimi dati), a dimostrazione che le bischerate possono avere il loro piccolo successo, critiche comprese naturalmente (e ne ho beccate diverse).

Elogio degli scacchi 09E’ difficile fare l’elogio dell’elogio. Intanto perché può essere subdolo, e insincero. Dettato da secondi fini. Io ti elogio perché poi, sotto sotto, voglio qualcosa da te. Magari un tuo elogio nei miei confronti. Però, insomma, ci proviamo.

L’elogio esiste fin dalla nascita dell’umanità. Quello a parole, perché mi sa che anche prima della venuta dell’uomo (e pure durante i primi tempi dell’uomo stesso) si potesse esprimere a gesti o a suoni, e sono sicuro che la madre del tirannosauro rex abbia fatto capire, in qualche modo, al figlioletto bravo negli assalti alle prede, il suo orgoglio materno. E che lo abbia elogiato pure quando gli assalti non erano proprio perfetti che la mamma è sempre la mamma.

L’elogio, dunque, come stimolo, come gratificazione per quello che si è e quello che si fa. Ma veniamo a noi. Voglio dire a noi scacchisti. Vediamo un po’ che tipi di elogio si possono incontrare nel nostro variegato mondo di Re e Regine. Intanto, come dicevo all’inizio, c’è l’elogio per l’elogio. Bella partita, davvero bella con quella sorprendente mossa di Cavallo dato in pasto per un attacco micidiale. Lì per lì non l’avevo capita, giuro, ma poi…eccezionale! (lieve rossore incornicia il nostro volto). A questo punto, dopo avere sottolineato ancora qualche piccola perla unita ad una forte stretta di mano, ci si aspetta che l’altro, gratificato di un elogio spropositato (la partita ci è parsa solo discreta e il sacrificio piuttosto dubbio), ci gratifichi a sua volta con un glorioso peana rivolto alla nostra di partite che, sinceramente, risulta migliore in tutti i sensi della sua. Se arriva bene, altrimenti ci scappa un vaffa stretto fra i denti e una promessa che vedrai un’altra volta ti concio per le feste.

C’è l’elogio subdolo. Si elogia, sì, ma con qualche piccolo distinguo buttato là quasi inavvertitamente, di sfuggita, bella mossa, però ci sarebbe stata eventualmente (gli avverbi si sprecano) questa risposta da parte dell’avversario…dai che lui non l’ha vista e comunque non avrebbe inficiato…certo se tu avessi…ma insomma complimenti davvero per la performance (una parola straniera fa sempre effetto) contro un avversario di tutto rispetto insieme ad un sorrisetto furbetto incorniciato in una faccia da schiaffi.

C’è l’elogio-conforto con pacche sulle spalle. Su, non te la prendere, lo hai surclassato in tutto e per tutto, poi la stanchezza, via si vede lontano un miglio…si è trattato solo di una stupida disattenzione. Elogio che può essere davvero sincero o artefatto che l’amico ci sta un po’ sulle palle.

Elogio, elogio, elogio, vero o falso che sia fa comunque parte della nostra variegata umanità. E, allora…

W l’Elogio!

P.S. Sono ammessi tutti i vari tipi di elogio, compresi quelli non citati. Ma anche un vaffa va bene lo stesso.

Elogio degli scacchi 08

avatar Scritto da: Fabio Lotti (Qui gli altri suoi articoli)


12 Commenti a Elogio dell’elogio

  1. avatar
    fabrizio 22 Gennaio 2016 at 11:08

    Caro Fabio, sei proprio da elogiare! (lascio a te la scelta del genere di elogio che preferisci. 🙂 😉

  2. avatar
    Enrico 22 Gennaio 2016 at 14:55

    Come diceva Arbasino in letteratura invecchiando si passa dall’elogio “brillante promessa” a “solito stronzo” al senile “venerato maestro”.Nell’universo scacchistico…

  3. avatar
    paolo bagnoli 22 Gennaio 2016 at 21:11

    Caro Fabio, ti ringrazio per avermi spinto a riprendere in mano lo scritto di Erasmo dopo tanti anni di polvere accumulata.
    Sono un fautore dell’autoelogio, come fa la Follia verso se stessa. Tutti noi (absit iniuria verbis) abbiamo ceduto, prima o poi, alla tentazione dell’autoelogio, magari camuffato, nascosto, e mi metto in testa alla interminabile processione. Che c’è di male? Siamo fallibili mortali, o no?
    Riferendomi a quanto scritto da Enrico qui sopra, mi metto senza vergogna alcuna nella seconda categoria, perdippiù vantandomene e, volendo, eliminando il “solito”.
    Come seconda scelta, mi butto sul mix “venerato stronzo”.
    P.S. Sono graditi commenti stronzi.

  4. avatar
    Mongo 23 Gennaio 2016 at 17:53

    Il voler elogiare l’elogio dell’elogio è da elogiare!! 😉

  5. avatar
    fabrizio 23 Gennaio 2016 at 21:51

    Scusate un momento: ho scoperto che il significato originario della parola “elogio”, stando al vocabolario Treccani, è quello di epitaffio 😕 😥 . Forse conviene aspettare ancora un po’ prima di elogiarci troppo 😉 .

    • avatar
      paolo bagnoli 23 Gennaio 2016 at 22:09

      E’ ANCHE quello di “epitaffio”, ma non solo…

      • avatar
        fabrizio 23 Gennaio 2016 at 22:57

        Vocabolario Treccani: elògio s. m. [dal lat. elogium, che indicò originariamente una breve iscrizione o epitaffio].

        • avatar
          Orlando 24 Gennaio 2016 at 09:57

          Sono passati diversi decenni dai miei trascorsi ginnasiali ma mi pare di ricordare che entrambi i termini derivino dal greco. Epitaffio letteralmente significa “sopra la tomba” (epi+tafos) e si riferisce a quel frammento di marmo ove si poteva appunto scolpire un “elogio” del defunto.
          La parola elogio dovrebbe invece derivare da eu+logos ovvero “buon discorso”, inteso appunto come ricordo positivo del compianto.
          Complimenti per il sito che ormai leggo quotidianamente.

  6. avatar
    Fabio Lotti 24 Gennaio 2016 at 09:23

    A tutti voi il mio elogio… 🙂

  7. avatar
    paolo bagnoli 24 Gennaio 2016 at 11:13

    Epitaffio = sulla tomba
    Epinicio = celebrazione della vittoria
    Epicedio = nenia funebre in presenza del cadavere

    eccetera

  8. avatar
    Fabio Lotti 24 Gennaio 2016 at 11:32

    Mi veniva da sorridere, in senso positivo, pensando come da una bischerata, ancorché gioiosa, si possa arrivare ad un serio ripasso linguistico.

    • avatar
      paolo bagnoli 24 Gennaio 2016 at 12:12

      Mi unisco al sorriso…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO Locco.Ro

DISCLAIMER: I responsabili del blog cancelleranno immediatamente e di propria insindacabile iniziativa qualsiasi intervento che giudicheranno possa recare offesa a chiunque. Non sono tollerati gli attacchi personali, né le offese indirette rivolte a terzi. Oltre ai commenti offensivi, per non generare confusione, verranno cancellate anche le eventuali repliche. L'indirizzo IP del mittente, se necessario verrà segnalato alla Polizia Postale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

La Difesa dei Due Cavalli

Torre & Cavallo - Scacco!

Nezhmetdinov – lezioni di fantasmagoria scacchistica dalle partite di un genio del gioco d’attacco

Porto Mannu R.H.

Porto Mannu Residence Hotel

Understanding the Sicilian

Sempre più vicino

A to Z Chess Tactics

Fabulous Fabiano

Azzurri in diretta

Azzurri in Diretta
79 Campionato Italiano

    • 24 novembre – 5 dicembre, h. 15:00

Gli ultimi commenti

Live rating

2700chess.com per tutti i dettagli

Chess book reviews

Le recensioni di SoloScacchi