Crea sito

Idoli minori

Scritto da:  | 26 maggio 2017 | 10 Commenti | Categoria: C'era una volta, Personaggi, Stranieri

Quando chiesero a Mikhail Tal quale campione avesse lo stile di gioco più simile al suo, il Mago di Riga non ebbe dubbi: “Viktor Kupreichik”. Lui, la Meraviglia di Minsk, aveva Cavalli più veloci degli altri, purosangue dal talento assoluto, in fuga verso l’immaginazione più sfrenata. Per noi, avidi ammiratori di idoli minori, di quel passato da cartolina in bianco e nero, dai toni di cenere e di seppia, leggere ancora in classifica il nome di Kupreichik era come una sforbiciata al volo che gonfia il cuore di gioie inspiegate. Dove il genio può arrivare, dove la vertigine mescola le carte e il gioco perde ogni riferimento, Kupreichik ha dipinto in pochi tratti l’istante puro e sconvolgente che proclama lo scacco matto, nella sacra espressione di un’arte che si fa eterna.
Addio, Maestro.

Igor Ivanov-Viktor Kupreichik, Campionato Urss (I Lega), 1978, il Nero muove e vince.



avatar Scritto da: Riccardo Del Dotto (Qui gli altri suoi articoli)


10 Commenti a Idoli minori

  1. avatar
    The dark side of the moon 26 maggio 2017 at 08:56

    Tal aveva ragione: nella partita riportata, il bianco sembrerebbe Misha e invece….
    Provo a dare la soluzione del diagramma (vado ad occhio):
    1…,Txg2+
    2.Rxg2,De2+
    3.Tf2,Dxf2+
    4.Rxf2,Ce4++
    5.Rg1,Cxc3 e il N. vince




    0
    • avatar
      The dark side of the moon 26 maggio 2017 at 09:31

      Se:
      3.Rg1,Dxf1+
      4.Rxf1,Ce4+
      5.Df3,Cxg5
      6.Dxf8+,Rxf8 il N. ha 2 cavalli e 1 pedone in più x la Torre.




      0
  2. avatar
    Jas Fasola 26 maggio 2017 at 10:45

    non ho nemmeno considerato Txg2+, troppo evidente, ne ho vista un’altra più “posizionale” e il mio pc la preferisce :)




    0
  3. avatar
    Enrico Cecchelli 26 maggio 2017 at 10:49

    Grandissimo Kupreichik, da sempre uno dei miei idoli: della serie scacchi senza compromessi. Taimanov nel suo libro sui campionati russi lo chiamò “disturbatore della pace” per i suoi scalpi famosi a fronte di rovesci contro outsiders. Ad esempio nel campionato del 1981 batte i primi due in classifica ma non riesce ad andare oltre un sesto posto (vedere 24.Cf5 contro Razuvayev o la Vaganian – K. del 1974) oppure il campionato del 1985 dove arriva ultimo ma batte il primo in classifica Gavrikov. È stato autore di combinazioni fantastiche. Grazie per averlo ricordato e celebrato. È stato uno dei grandi di quell’epoca. Poi si trasferì in Germania e si diede agli Open.




    1
  4. avatar
    CHESS 26 maggio 2017 at 15:19

    Paradossalmente non avevo mai visto le partite di questo giocatore. Chapeau!




    0
  5. avatar
    Luigi O. 26 maggio 2017 at 18:01

    Un altro grande protagonista del passato che se ne va, restano i ricordi delle sue partite, speciali e dallo stile unico.




    0
  6. avatar
    Fabio Lotti 26 maggio 2017 at 21:54

    Grazie, Riccardo!




    0
  7. avatar
    Giancarlo Castiglioni 26 maggio 2017 at 22:33

    Ho giocato con Kupreichik al mondiale universitario a Ybbs nel 1968.
    Nella partita il bianco ha già un pedone in più e posizione migliore, normale che vinca.
    Deve scegliere tra due mosse molto forti.
    1…De5 da maggior vantaggio materiale ed è quella scelta dal PC.
    1…Txg2 porta in una posizione semplificata con vantaggio materiale comunque notevole.
    Credo che Kupreichik la abbia scelta considerando la posizione finale più facile da vincere.




    1
    • avatar
      Franco Trabattoni 16 giugno 2017 at 09:07

      Mi dispiace, non sapevo che fosse morto (come non sapevo che fosse mancato Stefano Tatai; ma qui si richiederebbero ben altri commenti, che rinvio a quando avrò più tempo: senza omettere per ora di ringraziare Pino per le sue memorie). Il nome di Kupreichik è legato per me a uno dei ricordi più piacevoli della mia carriera. Nel 1979 andammo a Tunisi per un quadrangolare a squadre (pensate: Urss, Italia, Tunisia 1 e Tunisia 2!), e siccome eravamo in ritardo passammo direttamente dall’aereoporto alla sala torneo, senza nemmeno il tempo di andare in bagno. Così mi sono ritrotavo seduto proprpio davanti a Kupreichik, con i pezzi neri. La sorpresa fu che dopo qualche ora di gioco mi rialzavo da quella sedia con il punto segnato sul formulario. Adesso vedo se riesco a ritrovare la partita.




      1
  8. avatar
    alfredo 17 giugno 2017 at 01:21

    Korncoy , analizzando la sua partita con il Nero , Open di Munster 1996 definisce Kupreicick un ” ricercatore e non solo un giocatore pratico
    Ritengo sia un bel complimento




    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO

DISCLAIMER: I responsabili del blog cancelleranno immediatamente e di propria insindacabile iniziativa qualsiasi intervento che giudicheranno possa recare offesa a chiunque. Non sono tollerati gli attacchi personali, né le offese indirette rivolte a terzi. Oltre ai commenti offensivi, per non generare confusione, verranno cancellate anche le eventuali repliche. L'indirizzo IP del mittente, se necessario verrà segnalato alla Polizia Postale.

Torre & Cavallo - Scacco!

Sempre più vicino
What it Takes to Become a Grandmaster
Fabulous Fabiano

Tornei in evidenza

Tornei in evidenza
Arvier – IV Open Grand Paradis

  • (30 Luglio – 5 Agosto 2017)

 

Capri – III Open Internazionale

  • (26 – 29 Ottobre 2017)

Azzurri in diretta

Azzurri in Diretta
Semifinali Camp.to Italiano

    • 15 – 23 luglio, h. 15:30
    • (Moroni, Basso, Bruno, Bellia, Gilevych, Genocchio, Borgo, Pescatore, Sarno, etc.)

Gli ultimi commenti

Live rating

2700chess.com per tutti i dettagli

i pezzi di ricambio online

http://www.tuttoautoricambi.it/