In ricordo di Mario Corso

Scritto da:  | 22 Marzo 2021 | 9 Commenti | Categoria: C'era una volta, Italiani, Personaggi

Il ricordo emotivamente più forte che ho di Mario Corso è un ricordo infantile legato ad una sconfitta importante della mia squadra del cuore.
Stagione 1973-1974. Era l’anno dello scudetto della Lazio di Tommaso Maestrelli.
Ai tempi della militanza nel Genoa, Corso sbagliò un rigore importante contro la Juve. Dico importante perché alla fine di quella stagione per il Genoa ci fu la discesa in serie B.
La partita si giocò il 10 marzo del 1974 (io avevo poco più di 10 anni). La Juve di Vycpalek lottava in un testa a testa per lo scudetto contro i laziali e si presentò a Marassi con un attacco da fare paura: Causio, Cuccureddu, Anastasi e Altafini.
Il Genoa, invece, tanto per cambiare, navigava nelle acque basse della classifica.
E, come dicevo, alla fine dell’anno fu serie B. Ma gli errori, dei singoli o della squadra, nella vita ci stanno. E quegli errori non intaccano minimamente il giudizio e il ricordo estremamente positivo che ho di Mario Corso, come uomo, come atleta, come sportivo. Considero un onore che lui abbia vestito la maglia del Genoa e considero un immenso piacere averlo visto giocare quand’ero bambino.

Ed ecco la ricostruzione della partita alla quale ho accennato:
“Di quell’anno ricordo anche Genoa-Juventus, che in realtà si era giocata un mesetto prima di Genoa-Torino. Io e mio padre continuavamo ad andare in Gradinata Nord. Ma in quel periodo dell’anno ci eravamo spostati nella curvetta lato tribuna.
Era il settore dove per tanti anni c’è stato un bellissimo striscione carioca che recitava: “Genoa, bailando o ritmo do samba”. Lì mio padre si dava appuntamento con i suoi colleghi portuali (più mogli e figli al seguito). Era un angolo di stadio dal tifo caldo, e nelle rare volte in cui la Nord tirava il fiato, in quel settore ci si alzava tutti in piedi per lanciare l’immancabile grido di “Genoa Genoa Genoa”.
Quella partita fu molto sfortunata. La Juve, con Cuccureddu, sfruttò l’unica occasione da rete, nei primi minuti di gioco; per il Genoa, invece, solo cattiva sorte: gol di Corradi annullato, palo di Bittolo, poi altra clamorosa occasione mancata da Sidio Corradi, che dopo aver scartato Zoff ed essersi trovato solo, inciampa davanti alla porta. Infine un rigore fallito sotto la Nord, a partita quasi finita.
In effetti ricordo che, da quella curvetta lato tribuna, purtroppo vedemmo molto bene Mario Corso sbagliare il rigore.
Si diceva che prima di allora non ne avesse mai sbagliato uno”.

Massimo Prati, “I Racconti del Grifo. Quando Parlare del Genoa è come parlare di Genova”, Urbone Publishing, 2020. Libro cartaceo, 306 pagine. 15 €

avatar Scritto da: Massimo Prati (Qui gli altri suoi articoli)

56 anni (ormai vicino ai 57), genovese e genoano ma trapiantato a Ginevra dal marzo 2004, dove lavora come insegnante (dal 2018 ha anche la nazionalità elvetica). Gli piace scrivere di calcio. Autore di un libro che parla del Genoa e di Genova e di un altro dedicato ai pionieri del football (1887-1915) di Genoa, Andrea Doria, Juventus, Torino, Milan e Inter. Ma la storia gli piace in tutte le sfaccettature e il suo ultimo libro è dedicato alla Rivoluzione Inglese (1640-1660), alla Restaurazione e alla "Glorious Revolution" (1688_1689).


9 Commenti a In ricordo di Mario Corso

  1. avatar
    Mongo 22 Marzo 2021 at 19:13

    Ci sta tutto, ma dire un attacco da paura e citare Cuccureddu, fa paura a me.
    Il Sardo era un difensore/centrocampista che quell’anno sostituì più volte lo sfortunato Bettega, preso a patire le pene dell’inferno per colpa di una moneta.

    • avatar
      Gino Colombo 22 Marzo 2021 at 19:25

      Non ci dimentichiamo che Cuccureddu è stato colui che ha annullato un tale Kevin Keegan all’apice della sua carriera.

  2. avatar
    Massimo 22 Marzo 2021 at 20:02

    Buongiorno,

    Prima di tutto volevo ringraziare soloscacchi per l’attenzione e lo spazio che spesso dedica ai miei scritti.

    Detto questo, vengo alla questione dell’attacco della Juventus e allo specifico di Cuccureddu. Prima di tutto volevo precisare che io ho parlato di «grande attacco» riferendomi all’insieme dei suoi elementi. Dei quattro che cito, probabilmente Cuccureddu è il meno eccellente. Tuttavia vale la pena di ricordare che si trattava di un ottimo giocatore. La partita che cito era della stagione 1973-1974. Una decina di mesi prima la Juventus aveva perso uno a zero la finale di Coppa Campioni del 1973 con l’Ajax (alla sua terza vittoria di Coppa consecutiva). L’allenatore juventino Vycpakek fu subissato di critiche da parte di stampa e tifosi. Tra le tante critiche ci fu anche quella di non avere schierato Cuccureddu che era il giocatore più in forma in quel periodo (Vycpalek lo fece entrare al 70’). Non saprei dire se la critica era pertinente. Ma direi che è comunque indicativa della considerazione che Cuccureddu aveva in quegli anni.

    Mi piace 2
  3. avatar
    Fabio Lotti 23 Marzo 2021 at 09:13

    Ciao, Mariolino!

  4. avatar
    Domenico 23 Marzo 2021 at 11:18

    Bellissimo ricordo di un grande giocatore: lui e Gigi Meroni inarrivabili eroi di quegli anni in cui il calcio non era esasperazione come oggi e l’estro poteva ancora far la differenza.

  5. avatar
    Nerazzurro 4 ever 23 Marzo 2021 at 11:26
  6. avatar
    Enrico 24 Marzo 2021 at 11:28

    Il gol che mi è restato più impresso di Mariolino Corso è la foglia morta con cui diede inizio alla clamorosa rimonta dell’Inter sul Liverpool nella semifinale di Coppa dei Campioni del 1965.
    Tanto tempo fa chiacchierai sul suo blog con Claudio G.Fava insigne critico cinematografico purtroppo scomparso, sfegatato tifoso genoano, di Guillermo Stabile “El Filtrador” acquistato dal Genoa nel 1930 ed autore di una tripletta all’esordio con il Bologna. Avevo letto uno scritto di Gianni Brera in cui lo scrittore raccontava il lapidario giudizio del Portiere Zamora. “Todo acquì esto Stabile?”. Quando le loro squadre si incontrarono Stabile fece subito gol e sussurrò al grande portiere “Esto es el primero”. Gliene fece tre o quattro. Tornando a Fava, mi scrisse che i vecchi tifosi genoani, con rimpianto, gli raccontavano che Stabile, dopo la frattura di una gamba, non era stato più lui.

    Mi piace 1
    • avatar
      Nerazzurro 4 ever 25 Marzo 2021 at 08:05
  7. avatar
    luca monti 25 Marzo 2021 at 20:00

    Un bel saluto a Martin ed uno al Mongo non si nega mai.

    Mi piace 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO Locco.Ro

DISCLAIMER: I responsabili del blog cancelleranno immediatamente e di propria insindacabile iniziativa qualsiasi intervento che giudicheranno possa recare offesa a chiunque. Non sono tollerati gli attacchi personali, né le offese indirette rivolte a terzi. Oltre ai commenti offensivi, per non generare confusione, verranno cancellate anche le eventuali repliche. L'indirizzo IP del mittente, se necessario verrà segnalato alla Polizia Postale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il Grau per il terzo millennio

Torre & Cavallo - Scacco!

Massimiliano ROMI - Scacchista istriano

In presa alta

La Difesa dei Due Cavalli

Il pellegrino spagnolo

La seconda porta

Porto Mannu R.H.

Porto Mannu Residence Hotel

Sempre più vicino

Azzurri in diretta

Azzurri in Diretta

Chianciano, 80 Campionato Italiano

    • 14 – 22 novembre 2020, h. 15:00

Gli ultimi commenti

Live rating

2700chess.com per tutti i dettagli e la lista completa

Chess book reviews

Le recensioni di SoloScacchi