Gli ultimi romantici…

Scritto da:  | 31 Marzo 2021 | 5 Commenti | Categoria: C'era una volta, Personaggi, Stranieri

All’indomani della prima guerra mondiale parecchi giocatori dell’Europa dell’Est presero dimora a Parigi, oltre Alekhine e Tartakover.
Tra essi Eugène Znosko Borovsky e Ossip Bernstein, ambedue di origine russa.
Il primo, ben presto divenne nella nuova dimora un ardente propagandista e insegnante del nobil giuoco.
Questo suo impegno però ha frenato una carriera agonistica molto promettente che, agli albori, vide una sua vittoria nell’importante torneo di Lodz nel 1908, e poi a Nizza nel 1930 e il titolo di campione di Parigi nel 1931.
Ma il suo palmarès letterario in tema di scacchi è altrettanto se non più interessante .
Orientato soprattutto alla pedagogia, egli scrive una serie di trattati dedicati ai novizi che si accostavano al gioco dando titoli shock a questa sua produzione letteraria come ad esempio: Come NON si deve giocare a scacchi oppure Come iniziare a giocare a scacchi e ancora: Come giocare i finali piuttosto che Come si diventa brillanti giocatori di scacchi.
Questo lo porta a contatto con i suoi lettori e apprendisti del gioco e di conseguenza a lezioni impartite e …a partite interessate, all’occorrenza. Bisogna pur vivere…

Ossip Bernstein non fu un professionista del gioco. Avvocato e consigliere era rappresentante legale del celebre mercante di armi Basil Saharov.
Egli non dedica il tempo sufficiente allo studio del gioco per puntare con successo ai vertici dello scacchismo mondiale.
Ciò malgrado, Capablanca, Alekhine, Lasker negli incontri diretti devono impegnarsi al massimo per avere ragione di lui. Che talento!
Una immaginazione straordinaria, debordante che non consente distrazioni.
Nessuna posizione raggiunta in partita è da ritenersi tranquilla con lui. Complicazioni su complicazioni inestricabili erano sue caratteristiche; mosse impreviste; sacrifici inattesi…
In posizioni apparentemente calme, egli sapeva trovare la mossa-detonatore per far nascere complicazioni stravaganti.
La carriera di Bernstein fu lunga.
A 79 anni vinse un torneo a Buenos Aires. Morì l’anno dopo.

avatar Scritto da: Antonio Pipitone (Qui gli altri suoi articoli)


5 Commenti a Gli ultimi romantici…

  1. avatar
    Uomo delle valli 31 Marzo 2021 at 21:06

    grazie maestro
    proprio molto bello

    • avatar
      Antonio Pipitone 1 Aprile 2021 at 18:17

      Grazie !

  2. avatar
    Fabio Lotti 31 Marzo 2021 at 23:17

    Mi associo alla lode e al ringraziamento.

    Mi piace 3
    • avatar
      Antonio Pipitone 1 Aprile 2021 at 18:19

      Troppo buono . Cordialità e…Buona Pasqua !

  3. avatar
    Patrizia 1 Aprile 2021 at 22:11

    Sarà perchè studio poco ma adoro i campioni “romantici” che sapevano far soffrire i secchioni!

    Mi piace 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CLICCA QUI PER MOSTRARE LE FACCINE DA INSERIRE NEL COMMENTO Locco.Ro

DISCLAIMER: I responsabili del blog cancelleranno immediatamente e di propria insindacabile iniziativa qualsiasi intervento che giudicheranno possa recare offesa a chiunque. Non sono tollerati gli attacchi personali, né le offese indirette rivolte a terzi. Oltre ai commenti offensivi, per non generare confusione, verranno cancellate anche le eventuali repliche. L'indirizzo IP del mittente, se necessario verrà segnalato alla Polizia Postale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il Grau per il terzo millennio

Torre & Cavallo - Scacco!

Massimiliano ROMI - Scacchista istriano

In presa alta

La Difesa dei Due Cavalli

Il pellegrino spagnolo

La seconda porta

Porto Mannu R.H.

Porto Mannu Residence Hotel

Sempre più vicino

Azzurri in diretta

Azzurri in Diretta

Chianciano, 80 Campionato Italiano

    • 14 – 22 novembre 2020, h. 15:00

Gli ultimi commenti

Live rating

2700chess.com per tutti i dettagli e la lista completa

Chess book reviews

Le recensioni di SoloScacchi